Mappa dell'Albania nel 1913 (archivio ministero della Gran Bretagna)

Mappa dell'Albania nel 1913 nell'archivio del ministero deggli esteri Britannico.

MAP 910.05
Carte de l’Etat Albanais
Showing Boundaries included and not included in Delimitation of 1913
[PRO: FO 925/41160]

Questa è la cosidetta Grande Albania



(Clicca sulla foto per ingrandire)

Gli albanesi parlano la lingua pelasgica nella sua forma pura .(Alleanza Evangelica ,1859)

(Italiano)
Questo desiderio per la Bibbia è anche sentita dalle tribù slave, ma anche dagli albanesi e bosniaci, solo che la la loro domanda non è così grande;per quanto riguarda gli albanesi dell'entroterra loro parlano la lingua pelasgica nella sua forma pulita, solo adesso si sta preparando una edizione del Nuovo Testamento.
Il nuovo testamento albanese ,adesso  distribuito , è stato "disegnato" per quella parte di popolazione nella quale la lingua è mischiata con elementi della lingua greca.

-------------------------------------------------------------------

(shqip , albanese)
Kjo dëshirë për Biblën është ndjerë edhe nga fiset tjera sllave, si dhe nga shqiptarët e boshnjakët, vetëm se kërkesa mes tyre nuk është aq e madhe; dhe për sa i përket shqiptarëve në pjesën e brendshme, të cilët flasin gjuhën pellazgjike në formën e saj të pastër, vetëm tani është duke u përgatitur një botim i Dhiatës së Re. Dhiata e Re shqiptare, tashmë e shpërndarë, është projektuar për atë pjesë të popullsisë mes të cilës gjuha është e përzier me elemente greke.

 Titulo:  The Religious Condition of Christendom: Exhibited in a Series of Papers, Evangelical Alliance, Volume 3
Autore: Evangelical Alliance
Editore: The Evangelical alliance, 1859




 

Pirro ,re combattente dell'Epiro , territorio abitato dai discendenti degli antichi Pelasgi e gli Illiri.(1890)

Un personaggio famoso fù Pirro, re combattente dell'Epiro , territorio nel nord-est Grecia, abitato dai discendenti degli antichi Pelasgi e gli Illiri.

 -------------------------------------------------------------------

(shqip, albanese)
Një personazh me famë ishte Pirro, mbreti luftarak i Epirit, territori në verilindje të Greqisë, i banuar nga pasardhësit e pellazgëve të lashtë dhe ilirëve.

-------------------------------------------------------------------
English
A famous personage was Pyrrhus, the warlike king of Epirus, the territory in the northwest of Greece,inhabited by descendants of the old Pelasgians and Illyrians.
p.142


Titolo: Epitome of the world's history, ancient, mediæval, and modern: with special relation to the history of civilization and the progress of mankind, Volume 1
Autore : Edgar Sanderson
Editore: Boston School Supply Company, 1890

Un regalo di fine anno? Regalatevi "Viaggio in Arberia" !!


Se devi fare un regalo oppure se devi farti un regalo per le feste di natale regalati una guida indimenticabile "Viaggio in Arberia" una guida di 328 pagine tutte a colori con centinaia di foto + dvd.
Per avere questa bellissima guida
www.viaggioinarberia.altervista.org
celestinomargherita@libero.it








Una prima parte generale presenta l’Arbëria in ogni suo aspetto: storico, culturale, religioso, artistico, gastronomico, ecc.

17 Itinerari turistici che vanno da Palermo a Pescara comprendenti tutti i paesi arbëreshë d’Italia.

Ogni itinerario raggruppa paesi arbëreshë vicini fra di loro e conduce piacevolmente attraverso la loro conoscenza .
Per ogni itinerario viene fornita una scheda di consultazione semplificata con le notizie inerenti i posti d’interesse artistico e monumentale di ogni paese e, inoltre, una proposta di percorso ecologico.

I paesi vengono presentati singolarmente; per ognuno di essi si fornisce una scheda iniziale con i riferimenti storici (anno del censimento di riferimento, numero dei fuochi, numero di famiglie, nomi delle prime famiglie, uomini illustri ecc), e le notizie attuali più utili (superficie, abitanti, rito religioso professato, lingua parlata, feste religiose, feste folkloristiche, prodotti tipici, attività preminenti, numeri telefonici, ecc).

Ad ogni paese vien, inoltre data la massima visibilità (dalle tre alle sei pagine) attraverso una presentazione semplice e distensiva e poi...tante foto a colori.


Alla fine del libro un’appendice curata dal Dott. Francesco Bruno, Consulente aziendale, presenta numerose tabelle che forniscono dati interessanti sulle popolazioni coinvolte: sesso, età media, ecc.


La veste grafica, ideata e curata dalla stessa autrice, è concepita per rendere facilmente fruibili gli itinerari: Ad ogni Regione è, infatti, attribuito un colore il quale fa anche da sfondo a tutte le pagine dei rispettivi itinerari.

visita il sito www.viaggioinarberia.altervista.org

Buon anno in tutte le lingue del mondo !!!



AFRIKAANS gelukkige nuwejaar
ALBANIAN Gëzuar vitin e ri
ALSATIAN e glëckliches nëies / güets nëies johr
ARABIC aam saiid / sana saiida
ARMENIAN shnorhavor nor tari
AZERI yeni iliniz mubarek
BAMBARA bonne année
BASQUE urte berri on
BELARUSIAN З новым годам (Z novym hodam)
BENGALI subho nababarsho
BERBER asgwas amegas
BETI mbembe mbu
BOBO bonne année
BOSNIAN sretna nova godina
BRETON bloavez mad
BULGARIAN честита нова година (chestita nova godina)
BIRMAN hnit thit ku mingalar pa
CANTONESE kung hé fat tsoi
CATALAN feliç any nou
CHINESE xin nièn kuai le / xin nièn hao
CORSICAN pace e salute
CROAT sretna nova godina
CZECH šťastný nový rok
DANISH godt nytår
DUTCH gelukkig Nieuwjaar
ESPERANTO felicxan novan jaron
feliæan novan jaron (Times SudEuro font)
ESTONIAN head uut aastat
FAROESE gott nýggjár
FINNISH onnellista uutta vuotta
FLEMISH gelukkig Nieuwjaar
FRENCH bonne année
FRIULAN bon an
GALICIAN feliz aninovo
GEORGIAN gilotsavt aral tsels
GERMAN ein gutes neues Jahr / prost Neujahr
GREEK kali chronia / kali xronia
eutichismenos o kainourgios chronos (we wish you a happy new year)
GUARANÍ rogüerohory año nuévo-re
HAITIAN CREOLE bònn ané
HAWAIIAN hauoli makahiki hou
HEBREW shana tova
HINDI nav varsh ki subhkamna
HUNGARIAN boldog új évet
ICELANDIC farsælt komandi ár
INDONESIAN selamat tahun baru
IRISH GAELIC ath bhliain faoi mhaise
ITALIAN felice anno nuovo, buon anno
JAPANESE akemashite omedetô
KABYLIAN asseguèsse-ameguèsse
KANNADA hosa varshada shubhaashayagalu
KHMER sur sdei chhnam thmei
KIRUNDI umwaka mwiza
KOREAN seh heh bok mani bat uh seyo
KURDE sala we ya nû pîroz be
LAO sabai di pi mai
LATIN felix sit annus novus
LATVIAN laimīgo Jauno gadu
LINGALA bonana / mbula ya sika elamu na tonbeli yo
LITHUANIAN laimingų Naujųjų Metų
LOW SAXON gelükkig nyjaar
LUXEMBOURGEOIS e gudd neit Joër
MACEDONIAN srekna nova godina
MALAGASY arahaba tratry ny taona
MALAY selamat tahun baru
MALTESE sena gdida mimlija risq
MAORI kia hari te tau hou
MONGOLIAN shine jiliin bayariin mend hurgeye (Шинэ жилийн баярын мэнд хvргэе)
MORÉ wênd na kô-d yuum-songo
NORWEGIAN godt nytt år
OCCITAN bon annada
PERSIAN sâle no mobârak
POLISH szczęśliwego nowego roku
PORTUGUESE feliz ano novo
ROMANI bangi vasilica baxt
ROMANIAN un an nou fericit / la mulţi ani
RUSSIAN С Новым Годом (S novim godom)
SAMOAN ia manuia le tausaga fou
SANGO nzoni fini ngou
SARDINIAN bonu annu nou
SCOTTISH GAELIC bliadhna mhath ur
SERBIAN srecna nova godina
SHONA goredzwa rakanaka
SINDHI nain saal joon wadhayoon
SLOVAK stastlivy novy rok
SLOVENIAN srečno novo leto
SOBOTA dobir leto
SPANISH feliz año nuevo
SWAHILI mwaka mzuri
SWEDISH gott nytt år
SWISS-GERMAN äs guets Nöis
TAGALOG manigong bagong taon
TAHITIAN ia ora te matahiti api
TAMIL iniya puthandu nalVazhthukkal
TATAR yana yel belen
TELUGU nuthana samvathsara subhakankshalu
THAI (sawatdii pimaï)
TIBETAN tashi délek
TURKISH yeni yiliniz kutlu olsun
UDMURT Vyľ Aren
UKRAINIAN Z novym rokom
URDU naya saal mubarik
VIETNAMESE Chúc Mừng Nam Mới / Cung Chúc Tân Niên / Cung Chúc Tân Xuân
WALOON (”betchfessîs” spelling) bone annéye / bone annéye èt bone santéye
WELSH blwyddyn newydd dda
WEST INDIAN CREOLE bon lanné
YIDDISH a gut yohr

Viva il Sud Italia - La storia del Meridione d'Italia distorta.

150 ANNI DI SFRUTTAMENTO, 150 ANNI DI FALSA UNITA', 150 ANNI DI TASSE, 150 ANNI DI OFFESE, 150 ANNI DI RAZZISMO, 150 ANNI DI QUESTIONE MERIDIONALE... MA PERCHè IL SUD iTALIA DEVE SUBIRE TUTTO CIO'? Guardate e sentite i primati che ha avuto la città di Napoli , oggi diventata parafulmine del razzismo italiano.

Gezuar krishtlindjen ne te gjitha gjuhet e botes

Albanian:Gezur Krishlinjden
Arabo: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
Basco: Zorionak eta Urte Berri On
Boemo: Vesele Vanoce
Bretone: Nedeleg laouen na bloavezh mat
Catalano: Bon Nadal i un Bon Any Nou
Ceco: Prejeme Vam Vesele Vanoce a stastny Novy Rok
Cinese (Cantonese): Gun Tso Sun Tan'Gung Haw Sun
Cinese (Mandarino): Kung His Hsin Nien bing Chu Shen Tan
Cingalese: Subha nath thalak Vewa. 
Coreano: Sung Tan Chuk Ha
Croato: Sretan Bozic
Danese: Glædelig Jul
Estone: Ruumsaid juuluphi
Fiammingo: Zalig Kerstfeest en Gelukkig nieuw jaar
Filippino: Maligayan Pasko
Finlandese: Hyvaa joulua
Francese: Joyeux Noel
Gallese: Nadolig Llawen
Giapponese: Shinnen omedeto. Kurisumasu Omedeto
Greco: Kala Christouyenna
Indonesiano: Selamat Hari Natal
Inglese: Merry Christmas
Islandese: Gledileg Jol
Lituano: Linksmu Kaledu
Macedone: Sreken Bozhik
Maltese: LL Milied Lt-tajjeb
Norvegese: God Jul, or Gledelig Jul
Occitano: Pulit nadal e bona annado
Olandese: Vrolijk Kerstfeest en een Gelukkig Nieuwjaar!
Polacco: Wesolych Swiat Bozego Narodzenia
Portoghese (Brasile): Boas Festas e Feliz Ano Novo
Portoghese: Feliz Natal
Rumeno: Sarbatori vesele
Russo: Pozdrevlyayu s prazdnikom Rozhdestva
is Novim Godom
Sardo: Bonu nadale e prosperu annu nou
Serbo: Hristos se rodi
Slovacco: Sretan Bozic oppure Vesele vianoce
Sloveno: Vesele Bozicne. Screcno Novo Leto
Spagnolo: Feliz Navidad
Svedese: God Jul and (Och) Ett Gott Nytt År
Tailandese: Sawadee Pee Mai
Tedesco: Fröhliche Weihnachten
Turco: Noeliniz Ve Yeni Yiliniz Kutlu Olsun
Ucraino: Srozhdestvom Kristovym
Ungherese: Kellemes Karacsonyi unnepeket
Vietnamita: Chung Mung Giang Sinh

Le suore in Albania con i poveri

In questo video si racconta della povertà dell'Albania.
La missione e le attività delle Suore Francescane Missionarie di Gesù Bambino, figlie di Barbara Micarelli, raccontate attraverso i volti, i pensieri, le attività quotidiane.

Produzione
Suore Francescane Missionarie di Gesù Bambino, 2009.



Albania: venduto per 21 milioni di euro l’Hotel Tirana

Un gruppo di imprenditori albanesi, proprietari dell’Hotel Tirana International, grande e famoso albergo della capitale, ha ceduto per 21 milioni di euro le sue azioni alla Geci, una società albanese che opera nel settore edilizio.
Ne dà notizia il quotidiano «Mapo». L’Hotel Tirana, simbolo riconosciuto del settore alberghiero albanese, stato costruito negli anni ’80 dal regime comunista ed situata sulla piazza centrale della capitale.
L’albergo di 15 piani, ristrutturato negli anni ’90, conta 149 stanze e 12 suite, oltre a numerose sale per conferenze e per l’intrattenimento.
All’inizio del 2000 l’albergo stato privatizzato e venduto per circa 5 milioni di euro, una privatizzazione che all’epoca provocò molte polemiche per il prezzo di vendita da molti considerato inferiore al reale valore dell’immobile.
fonte http://www.caravella.eu/index.php/2011/12/21/albania-venduto-per-21-milioni-di-euro-lhotel-tirana-grande-albergo-della-capitale/

Imperatore Aureliano stabilì che fosse il sole la divinità suprema dell'impero romano.

Italiano
E 'stato Aureliano, nato in Illiria, dove sua madre era sacerdotessa del Sole, che ha stabilito che fosse il sole la divinità suprema dell'impero romano. Nel 274 Deus Sol Invictus è stato ufficialmente riconosciuto come divinità capo dello Stato.


albanese(shqip)
Ishte, Aureliani, i lindur në Iliri, aty ku nëna e tij ishte një priftëresh e Diellit, i cili e vendosi Diellin si hyjninë mbizotëruese të Perandorisë Romake. Në vitin 274, Deus Sol Invictus, njihej zyrtarisht si hyjnia kryesore e shtetit.

English
It was Aurelian, born in Illyria, where his mother was priestess of the sun, who established the sun the supreme divinity of the Roman Empire. In 274 Deus Sol Invictus was officially recognised as chief deity of the state.


Titolo :  Sol verus, Volume 46 of Studia z historii sztuki
Autore: Jerzy Miziołek
Editore: Ossolineum, 1991






Le immigrazioni albanesi in Calabria nel sec. XV: il manoscritto del 1650 di Agostino Tocci


Scritto da Vincenzino Ducas Angeli Vaccaro su www.nuovomonitorenapoletano.it
Sulle immigrazioni Albanesi in Italia, la più accreditata storiografia propone tra le più importanti quella avvenuta dopo la morte di Skanderbeg (1468-1470), quella della caduta di alcune regioni della Grecia, cadute in "mano turcorum" ( Eubea o Negroponte, Acaia ) del 1473 e quella della resa di Corone, Maupasia o Malvasia e di Napoli di Romania (1533- 1570).

Un documento manoscritto, però, di Agostino Tocci risalente al 1650, rinvenuto in San Cosmo Albanese, nella casa di Flaminio Tocci e pubblicato a Firenze nel 1866 da Gerolamo De Rada e Niccolò Jeno de' Coronei come appendice alle "Rapsodie di un Poema Albanese", fornisce una versione che, oltre ad essere di prezioso ampliamento, trascende dai dogmi prefissati dalla storigrafia.
Ritengo opportuno non commentare il manoscritto in quanto già una valida esegesi della fonte è stata accuratamente data dal Prof.Domenico Cassiano, sostenendo, in sintesi, che La Memoria di Agostino Tocci del 1650, quasi due secoli dopo la morte di Skanderbeg, nel suo complesso, costituisce un documento storico di rilevante valore e può essere considerata una silloge del ricordo popolare, oralmente tramandato di generazione in generazione, del viaggio travagliato dall'Albania all'Italia, contenente notizie veritiere e drammatiche.

Agostino Tocci, nel suo memoriale, prospetta, in maniera epica, una serie di avvenimenti risalenti il periodo in cui Giovanni, figlio di Giorgio Castriota Skanderbeg, ormai stabilitosi nei suoi feudi pugliesi con la madre Donica, vocato dai suoi compatrioti albanesi, nel 1481 tentò, con ardua impresa, la riconquista di quei territori d'Albania ormai soggiogati dall'orda turca. Giovanni si battè valorosamente e più volte vinse, ma sicuramente facevano difetto in lui, come scrisse Alessandro Cutolo, se non il valore, l'accortezza nel guerreggiare di suo padre e quel grande fascino che mai altro principe aveva avuto prima di Giorgio Castriota e nessun capo poteva più possedere.
Stremato da forza avversaria, numericamente più grande e logisticamente più organizzata, Giovanni radunò a sè i suoi ufficiali con l'intento di far evacuare dall'Albania la maggior parte di popolazione facendo loro raggiungere le più sicure coste italiane.
Dal Manoscritto di Agostino Tocci:
"Don Giovanni, figlio di Skanderbeg,fece levata di tutte le donne, i fanciulli, i vecchi inabili alle armi unendo navi e barche di negozio, dalle città albanesi di Vallona di Particci, Musachese, Durazzo, Bojana Dulcigno e Antivari, via facendo verso il porto di questa, ove erano unite le navi, col convoglio di quattro galere veneziane, con tutta la sua gente fatti d'armi. La causa di tanti mali è stata la discordia avvenuta fra Chimara che è parte dell'Albania e Scodra: divise essendo queste province da un gran fiume detto Bojana ricco di pesci e di anguille, di cui si fa traffico.
Vedendo che l'inondazione dei Turchi sotto la condotta del Granvisir Joussuf Bassa soggiogava tutta l'Albania, e doveva investire la porzione al di là dal fiume, i Chimarioti dubitando delle loro case là vicine, uniti in parlamento e divisi dagli Scodriotti, scrissero al sudetto Joussuf Bassa che si ritiravano quieti e lasciavano le armi se non desse molestia alla Chimara; e fu accordato e questi si ritirarono ne' paesi loro.
Restò l'altra parte che era della provincia di Scodra che non lasciò l'arme, ma per non star soggetta a' Turchi, deliberò la partenza, con aver questi mantenuto con l'armi la loro parola.
Le donne e i putti mandati furono da essi ad unirsi con altri uomini, che seguirono D. Giovanni ed altri principi Albanesi. I Cavalieri Albanesi che comandavano alla soldatesca si chiamavano Cola Mark Shini, Elia Mallisi, e Marco de Mathia i due Itri erano primarj di Scodra. Nella milizia erano molte donne vestite militarmente e che accompagnavano con l'armi in mano i loro mariti, e poi unitamente co' detti militi s'imbarcarono.
I Turchi condotti da Joussuf Bassa giunsero fino ad Antivari dove si erano raccolti gli Albanesi con D. Giovanni Castriota e l'assediarono, impedendo agli Albanesi di uscire per raggiungere, nella Dalmazia, il porto di Pastrovich, dove erano già pronte per la partenza le navi veneziane assoldate.
Gli assediati, dato fuoco al castello, uscirono alla disperata contro i Turchi, prendendoli di sorpresa e menando strage nel loro campo, riuscirono a fuggire nei principi di primavera (si riferisce sicuramente a qualche anno dopo il 1481) e dopo aver guadato un fiume non senza perdita di molti Albanesi, pervennero finalmente a Pastrovich, dove s'imbarcarono per l'Italia. Sulle navi salirono prima le donne, i vecchi, i bambini e poi D. Giovanni con gli altri soldati.
E facendo il computo degli imbarcati e delle barche, si trovò molta gente mancante e morta per strada d'infermità e di mancanza di viveri per la repentina partenza, e molte barche dalla tempesta di mare disperse, delle quali non si ebbero più notizie. E piangendo il loro misero stato e consigliatosi D. Giovanni con i capi de' suoi, si diressero verso Palermo, dove allora si trovava re Ferrante, al quale rappresentando il loro misero stato chiesero ajuto e che concedesse sbarcare tutta la gente.
Ma il re conoscendo chi erano non volle riceverli nel regno  se no avria mandato a fondo le navi; e così comandò a tutte le sue terre e comando gente che impedisse lo sbarco per tutto il suo regno. Furono ricacciati onde sbarcare a Salerno lo fecero dentro Napoli, ed il popolo Napolitano li acclamava amici e difensori della fede, e li mise in Castel Nuovo rassettandoli in pochissimi giorni. D. Giovanni lasciò in Napoli la maggior parte di Albanesi sotto le cure di Cola Mark Shini e giunse a Roma con pochi soldati ed altri capi e ai piè del Papa con pianto prorruppe.
Egli essere uno sventurato che per la Fede combattè dodici anni, e che prima di  l'avo padre Skanderbeg e i fratelli di questo avvelenati dal Turco avevano speso la vita e la fortuna per difendere la Chiesa e che ora egli caduto e perseguitato da essi nemici de' cristiani, disfatto dal mare, profugo in terra altrui  e senza trovare compassione, anzi non ricevuto da re Ferrante ne' suoi stati veniva ad implorare soccorso".
Il Santo padre gli rispose:
"Che tornasse a Napoli fra i suoi e governasse il  suo popolo con amore e carità; che era suo pensiero conciliare ogni cosa. Così fece che scrisse a re Ferrante al re di Spagna, al re di Francia e all'Imperatore che accomodassero D. Giovanni come sovrano e dessero soccorso alla sua gente. A Napoli, in Castel Nuovo gli Albanesi dimorarono per quarant'anni.
Ma per disavventura, sorti dissapori fra il re e i suoi, gli Albanesi popoli tutti senza mutare stato, furono d'accordo però dispartiti con le loro famigli in tutto il regno di Napoli e la Sicilia.
Dopo di ciò il re di Spagna mandò soccorsi a re Ferrante e si fecero a perseguitare D. Giovanni e tutti gli Albanesi per scacciarli dal regno; ed essi fattisi forti a non volere uscire, ridotti in Avelline chiamarono i suoi più vicini e fecero de' fatti d'arme ad Avelline e ad Ariano.
Poi ritiratisi a Trebisaccia a riunir le altre gente delle Calabrie, vi si fermarono alquanto giorni. Ma essendo giunto alle spalle re Ferrante verso Corigliano, trovatosi in mezzo due eserciti, D. Giovanni dimandò trombetta di pace, domandando che la pace fosse decisa dal Papa e dalli altri re cristiani, e che ei si starebbe alla sentenza di quelli.
E fu accordata la tregua dove si decise che D. Giovanni prendesse San Pietro Galatina e li altri Albanesi sua  grazie privilegi di Franchigie  e distribuzione di denaro per sussidio siccome quelli della Dogana di Ferro: dover però gli Albanesi andare distribuiti pel regno tutto di Napoli e di Sicilia ed esservi incorporati ne fare città essi senza il consenso del re di Spagna."
Il manoscritto è una sintesi, in realtà, di una raccolta di annedoti che in tutte le comunità Albanesi i nostri vecchi, ancora,  con acceso fervore epicamente raccontano.
Sulla autenticità del documento alcuni storici si sono espressi  con riserbo, ma a noi abbiamo pensato di proporlo ugualmente con il beneficio del dubbio.

Fonte http://www.nuovomonitorenapoletano.it/

 

Albert Einstein e il suo passaporto albanese

Come ‘rinacque’ Albert Einstein in Albania.
di  Fahri Xharra
(tradotto in italiano da Brunilda Ternova)
“In realtà, il freddo non esiste!”-  diceva Albert Einstein quando era studente. Secondo gli studi e le  ultime scoperte nel campo della fisica, il freddo è solo la mancanza di calore. Questo lo si può dimostrare avvicinando un oggetto qualsiasi alla fonte di energia osservando il suo riscaldamento. In altre parole, senza riscaldamento gli oggetti sono inerti e non reagiscono, e questo significa che “il freddo” non esiste. E le tenebre? L’oscurità è la completa assenza di luce. Possiamo studiare la luce e la luminosità, ma mai l’oscurità. Con l’oscurità possiamo e siamo in grado di spiegare la mancanza di luce“.
E’ risaputo che lo scienziato Albert Einstein è nato a Ulm, Württemberg  in Germania, il 14 marzo 1879. Nel 1909 diventerà professore straordinario a Zurigo e nel 1911 professore a Praga. Nel 1914 lo troviamo come professore presso l’Università di Berlino e nel 1914 divenne cittadino tedesco vivendo a Berlino fino al 1933 – che lasciò a causa delle sue origini ebraiche. Ma non è altrettanto risaputo che l’Albania divenne la seconda patria di Albert Einstein.
Come è successo che Einstein ‘rinacque’ un’altra volta in Albania
Grazie all’impegno della diaspora albanese in Belgio, il 15 settembre 2011 nel Museo Ebraico di Bruxelles si è tenuta la conferenza “L’Albania e la salvezza degli Ebrei”. L’avvenimento si è svolto in forma di riconoscimento pubblico al Re Zog e alla sua storica assistenza nel trarre in salvo in Albania, durante gli anni 1929-1944, gli ebrei dall’olocausto. Lo storico americano Bernd Fisher dell’Indiana University, afferma che le iniziative e la persistenza di Re Zog permisero il salvataggio di oltre 2640 ebrei in Albania, - tra i quali risulta anche Albert Einstein – equipaggiati con visti di soggiorno, di transito e la cittadinanza albanese. E’ noto che l’amministrazione dello Stato albanese all’epoca - che si occupava dei rilasci di passaporti - per motivi di sicurezza cambiava i nomi degli ebrei trasformandoli in nomi albanesi. Così era normale che Moshe si trasformasse in Musa, Zaccaria in Zafir e così via dicendo. Tali prove sono documentate presso l’Archivio di Stato Albanese.
Chi salvò Albert Einstein
L’uomo nasce una volta, ma rinasce quando qualcuno gli salva la vita dalla morte certa.
In una delle vie caratteristiche della città di Pogradec, nel quartiere Burima, sul lato destro della chiesa più antica della città, è situata una villa a due piani  immersa nel bel mezzo di un parco e di un giardino con mele e uva. Si tratta della casa della famiglia Basho, attualmente proprietà del Professore Associato dott. Jovan Basho, capo del servizio al Centro Ospedaliero Universitario “Madre Teresa” di Tirana.
Durante un viaggio a Vienna – tra il 26 gennaio e il 20 marzo del 1931 - il dott. Jani Basho incontrò i suoi vecchi professori di università e diversi amici, tra i quali anche il celebre attore albanese Aleksander Moisi (ita: Alessandro Moisi). Nel corso di questi incontri e riunioni tra amici intimi e di vecchia data, quest’ultimi lo misero al corrente riguardo la situazione di Einstein. Il suo amico Albert Einsteinamico della famiglia Basho - era in pericolo essendo ebreo e doveva lasciare il Paese prima possibile, ma visto che il suo passaporto tedesco era già stato sequestrato per lui era impossibile muoversi. Essendo che dott. Basho era il medico personale di Re Zog, poteva fare da tramite chiedendo a quest’ultimo di mettere a disposizione di Einstein un passaporto albanese.
Albert Einstein raggiunse l’Albania nell’aprile del 1931, nel momento in cui veniva perseguitato in Germania dai nazisti a causa delle sue origini ebraiche, e venne fornito con un passaporto albanese grazie al quale si avvierà in viaggio verso gli Stati Uniti America. Nel vecchio registro del 1931, con il nr. AK0 31, pagina 53 / 1, si trova questa nota: “Oggi, il 10 aprile 1931, si è presentato nella sede del Comune di Pogradec dott. Jani Basho, nato nel 1892 nel quartiere Burima di Pogradec, figlio di Kosma e Anastasia, professione medico personale presso Sua Altezza Reale Zog I, il quale ci garantisce che Albert Einstein ha i requisiti per diventare cittadino della città di Pogradec. Il comune rilascia ad Albert Einstein il certificato e l’attestato di residenza presso il quartiere Burima di Pogradec. Impiegato del comune - Reis Asllani, Garante - Dott. Jani Basho.
Secondo i dati ufficiali il passaporto tedesco di Einstein era stato sequestrato dalla Gestapo ma lui andò in America ben due voltenel mese di dicembre del 1931 e nel 1932 – grazie all’unico passaporto che disponeva in quel momento, quello albanese.
Nel 1933 dovette fuggire per andare definitivamente negli Stati Uniti a causa della crescita del nazismo in Germania. Un mese dopo, nel maggio 1933, venne informato che il suo nome risultava nella lista di morte e che veniva accordato un premio di 5.000 dollari per la sua testa. Grazie alla Besa (N.d.T. la parola data, la promessa) degli albanesi, molti ebrei tra i quali anche Einstein sono riusciti a sfuggire all’olocausto.
Le testimonianze
Secondo le testimonianze del dott. Basho, Einstein era giunto in Albania agli inizi degli anni ‘30 rimanendovi tre giorni, il tempo necessario per ricevere il passaporto albanese. Il dott. Basho era intervenuto presso il Re Zog in merito a questa questione e aveva accompagnato Einstein durante la sua permanenza in Albania - periodo in cui l’uomo di scienza era stato ricevuto anche dal Re Zog.
Come testimonianza di questi avvenimenti ci sono anche i vari scambi di corrispondenza tra il dott. Basho ed Einstein, dove quest’ultimo ringraziava per la bontà e l’aiuto ricevuto, raccontando nelle lettere anche le varie difficoltà della sua vita. Purtroppo le lettere inviate da Einstein sono state bruciate verso la fine della seconda guerra mondiale nel febbraio del 1945 - insieme con molti libri e documenti - durante la nazionalizzazione della casa e della clinica del dott. Basho nel centro di Tirana. Quelle inviate da dott. Basho e la documentazione realizzata in Albania per Einstein si trovano negli archivi di Einstein a Gerusalemme (Einstein Archives).
Un’altra testimonianza ci arriva dalla Regina Madre Geraldina, la quale prima del suo rientro in Albania nel giugno 2002, concesse un’intervista ad un giornalista britannico che fu pubblicata nella rivista ingleseStile” con sottotitolo “Il ritorno della Regina”. In questa occasione la Regina Madre dichiarò al giornalista che Re Zog aveva incontrato Einstein quando quest’ultimo era giunto in Albania per ricevere un passaporto albanese.
Un’ulteriore testimonianza è quella dell’ex impiegato della Banca Nazionale Albanese al tempo di Re Zog, Ajet Bega, che ha dichiarato al Prof. Dott. Skender Koja, ex Direttore dell’Istituto di Fisica Nucleare durante gli anni 1971 – 1987,  di aver incontrato Einstein a Tirana. Il sig. Ajet Bega aveva riportato a Prof. Dott Skender Koja la seguente testimonianza: “Ho incontrato Einstein a Tirana nei primi anni ‘30, quando si recò in Banca chiedendo di effettuare delle operazioni bancarie con una banca tedesca – operazioni che la nostra banca non aveva mai effettuato a causa della mancanza dei contatti con le banche tedesche in quel momento. Mi sono recato nell’ufficio del direttore della banca che era italiano spiegandoli la situazione. Ho appreso in quell’occasione dal direttore che Einstein era uno tra i scienziati più grandi del mondo...”.  Secondo un documento ufficiale, risulta che Albert Einstein si era recato presso la Banca d’Albania di Tirana, il 9 Aprile 1931.
Einstein conto il governo Jugoslavo nel 1931
Einstein aveva alzato la voce contro il governo della ex-Jugoslavia, quando in un modo barbaro fu ucciso il noto albanologo, professor Milan Suflay a Zagabria nel 18 febbraio 1931. Insieme con lo scrittore Heinrich Mann, fratello di Thomas Mann, inviarono una lettera congiunta alla Lega Internazionale dei Diritti Umani a Parigi, per protestare “contro l’orribile brutalità del governo jugoslavo ...”. Nella lettera inviata da Einstein nel 6 maggio 1931, che è stata pubblicata anche nel giornale americano New York Times , lo scienziato accusava il regime serbo per il terrore esercitato contro il popolo croato, quello bosniaco e quello albanese. Il professor Suflay veniva citato nella lettera per il suo grande lavoro di storico e per i numerosi libri scientifici pubblicati.
Gli albanesi, senza dubbio, devono essere giustamente orgogliosi di aver salvato migliaia di ebrei e tra questi anche il più importante scienziato del XX secolo, Albert Einstein.
 fonte http://brunildaternova.blogspot.com

"Il canto a tenore" albanese


Cosa hanno in comune la Sardegna e l'Albania ? i canti tradizionali ossia "il canto a tenore e "kenge Labe"


KENGE LABE. VELLAZERIMI - VAJZA E NENES MOJ KOSOVENell'Albania del sud c'è una zona che si chiama Laberia. Questa zona è ricca per la sua tradizione nel folklore e nel canto antico.

Il canto si chiama "Kenge Labe " prende spunto dalla zona Laberia(sarebbe il sud dell'Albania. Tutt'oggi una persona del nord Albania chiama lab un cittadino albanese del sud).

KENGA LABE  viene cantata senza essere accompagnata dal nessun tipo di strumento.
In pratica consiste che una persona (uomo o donna) canta la sua canzone e a intervalli la sua voce viene accompagnato da un "eeeeeeeeeeee" degli uomini . E' una musica che viene cantata in gruppo di piu di 3 persone.

In Albania oggi per conservare queste tradizioni si organizzano festival del folklore e ci sono diversi gruppi che vanno in giro per il mondo per cantare nei paesi dove ci sono immigrati albanesi.

In Sardegna c'è c'è uno stesso tipo di canto popolare che si chiama "il canto a tenore" è lo stesso tipo di canto in cui una persona canta e le altre del gruppo fanno "eeeeeeeeee"

Questo canto si è tramandato in Sardegna attraverso i secoli: la prima testimonianza è stata ritrovata in una zona nuragica della Barbagia e risale al VII secolo a.C.. Si tratta di un bronzetto che raffigura un cantore con una mano appoggiata sul mento e l’altra sull’orecchio con due dita che piegano la car tilagine, nella tipica postura dei tenores.

Il canto a tenore è anche un patrimonio delll'Unescu

Questi canti per appunto sono antichisimi e venivano usati di più dai pastori i quali si riunivano per cantare e brindare insieme.
Kenga Labe è una tradizione antichissima.


Insomma "il canto a tenore e "kenge Labe" sono due patrimoni dell'umanità e sono sicuramente nella radice del ricchisimo folk Mediterraneo.

Mettiamo qui 2 video presi da youtube per le due canzoni : sardo e albanese

"Il canto a tenore" sardo



"Kenge labe" Albanese



La Sardegna e l'Albania hanno molte altre cose in comune
Infatti lo scrittore Areddu Alberto ha scritto anche "Le origini albanesi della civiltà in Sardegna "


Egli nel libro ,che potete comprare on line ,descive nei dettagli le stipre albanesi che abitavano la Sardegna

Per vedere altre informazioni sulla sua ricerche fatte dal professor Alberto Areddu
vistate http://web.tiscali.it/sardoillirica/sardoillirica/

Permet , città al sud-est dell'Albania

E' situato nel sud-est dell'Albania. Anticamente era chiamata "Trifylia" e abitato dalla tribù illirica dei "Parauejve", che abitava nei pressi del fiume che oggi si chiama Vjosa.
Documenti storici dimostrano che Permeti fin dai tempi antichi era dotato di un mercato ,  negozi, magazzini ecc.
Ciò che rende "speciale" questa città è la grande ospitalità che si ha nei confronti degli ospiti senza mostrare differenze da chi arriva lontano o chi arriva da vicino. Nelle leggende a Permet si narra che gli ospiti che arrivino da lontano o vicino sono sempre ospiti e trattati allo stesso modo.
Ci sono molti personaggi storici nativi come i Fratelli Frashëri,scultori Odisse Pascali e Jani Paco
, gli storici Stefanaq e Kristo Frashëri ,lo scrittore Nonda Bulku ,Sejfulla Malëshova,il violinista Tedi Papavrami,l'attore Naim Servet Frashëri e molti altri.
Tra i monumenti da visitare ; la Casa dei FratelliFrashëri, alcune case tipiche del posto , le chiese di S. Maria in Kosinë (XII secolo), Ponte di Limari sul fiume di Zagori

Tutti questi elementi mostrano la vera cultura di questa città.
Permeti distingue anche nella tradizione artigianale, gioielli, ricami, lavori in metallo, in pietra e legno. Si distingue per la danza tipica della zona chiamata "Saze" molto conosciuta in patria e all'estero.

Hyrja ne Kishen e Shen Merise, Leusa, Permet, Albania

Croia(KRUJA) - La città di Giorgio Castriota Scanderbeg,

Kruja - Croia
Kruja è famosa per essere la città natale di Giorgio Castriota Scanderbeg, eroe nazionale albanese
Ha una popolazione di 13.113 abitanti ,
Nell'aprile del 1450  il castello di Croia resistette a cinque mesi di assedio dei turchi, innescando una ventata d'euforia nel mondo cristiano che guardava con preoccupazione all'avanzata turca in quel periodo.
Il nome della città deriva dalla parola albanese krua, che significa sorgente o fonte: Croia era infatti la città delle fonti, essendo situata nei pressi delle montagne e ricca di acque fresche che scendevano in città.
Croia ha diversi luoghi di attrazione turistica, come il castello che ospita il museo di Skanderbeg e la cittadella con i suoi vecchi bazar oggi restaurati.

Questa città grazie a Gjergj Kastrioti Scanderbeg viene difesa per 25 anni di seguito.
Scanderbeg difese non solo l’autonomia del paese ma anche il Cristianesimo dall’Impero Ottomano.
La fortezza è stata costruita nel 1444.
Si trova il museo dedicato a Scanderbeg con documenti vari con dipinti e oggetti dell'epoca.
Kruja, è una città in faccia alla montagna. E' la città dove l'eroe balcanico ha posto resistenza all'impero ottomano che minacciava l'Europa. Questa città infatti grazie a Gjergj Kastrioti Scanderbeg viene difesa per 25 anni di seguito.
Scanderbeg difende non solo l’autonomia del paese ma anche il Cristianesimo dall’Impero Ottomano.
La fortezza è stata costruita nel 1444.
Qui a Kruja si trova il museo dedicato a Scanderbeg con documenti vari con dipinti e oggetti dell'epoca.
Kruja è una delle città più storiche dell'Albania. Si trova in una breve distanza dalla capitale, a soli 32 km di distanza.
Il castello di Croia fu costruito nel IV e V secolo DC sui resti di un precedente insediamento illirico del III secolo a.C. Il castello è stato assediato per quattro volte dall'esercito ottomano.
Durante il quarto assedio il Castello di Croia cadde nelle mani turche, dieci anni dopo la morte del principe guerriero Scanderbeg. La città di Kruja è attrezzata per i turisti ed è uno dei luoghi migliori per acquistare oggetti artigianali della tradizione albanese.







http://www.albaniaturismo.com/destinazioni/tirana-e-dintorni/kruja-croia.html

Gianni De Biasi è allenatore dell'Albania



Gianni De Biasi sarà il prossimo commisssario tecnico della nazionale albanese. Lo stanno riportando la stampa sportiva e  Sportmediaset.

Lex tecnico di Modena, Brescia, Torino e Udinese sta aspettando solo la firma per sedersi sulla panchina albanese , che guiderà in vista delle qualificazioni al Mondiale 2014

De Blasi non ha allenato grandi squandre , ma ha la giusta esperienza nel calcio e potrebbe dare quello scatto alla squadra albanese per qualificarsi per i mondiali 2014.


L'Albania investe nell'archeologia, Grande svolta nelle richerche archeologiche

L'Albania dopo aver completato la promozione turistica delle belle spiagge e delle montagne  , ora sta investendo nei parchi archeologici e nella storia . Questo gruppo di archeologi albanesi stanno ricostruendo la storia della vecchia città di Antigonea , la quale fù distrutta dai romani. LA la città antica fù costruita da Pirro d'Epiro ed aveva la funzione di un centro commerciale dell'epoca La città di Antigonea fu chiamata cosi da pirro D'Epiro in onore alla sua moglie Antigonea.

Nel 198 aC i Romani sconfissero l'esercito macedone di Filippo V. Gli abitanti di Antigoneia si erano schierati con i macedoni nella loro guerra contro la Repubblica Romana e, quindi, quando i Romani ottenero una vittoria totale nel 167 aC, decisero di punire i Epirioti che aveva combattuto contro di loro. Il console romano Emilio Paolo diede l'ordine di saccheggiare e brucciare 70 città dell'Epiro ,una di queste città era l'Antigonea , ala quale fu distrutta e mai più ricostruita .Oggi rimangono i segni della civilta di questa terra nel sud dell'Albania.
Il parco archeologico si trova vicino alla città di Argirocastro,da alcuni giorni , è aperto anche ai turisti






 (shqip)
Në Shqipëri gërmimet arkeologjike kryhen kryesisht në bashkëpunim me misione studimore dhe shkencore të huaja. Por në qytetin antik të Antigonesë në Gjirokastër këtë vit është kryer një mision arkeologjik nga studiuesit shqiptarë.


Flamurtari 1 - Barcellona 0 , (video 1987 )

 Kur nje skuader shqiptare mundte campionet e Barcelones

(Shqip)
Kur Flamurtari mundte Barcelonen (video)
A e dinit qe Barcellona , nje nga skuadrat me te forta ne bote , eshte mundur 1-0 nga Flamurtari ne 1987  .
Ai vit (1987) do te ngelet si nje vit me fitore historike e Flamurtarit mbi F.C Barcelonen.


Italiano
Quando Flamurtari Valona batteva il Barcellona
Lo sapevate che il Barcellona , una delle squadre più forte al mondo, è stata battuta per una rete a zero dal KS Flamurtari , una squadra della città di Valona e una delle squadre più importanti in Albania.





Video del gol

La statua di Skanderbeg sarà messa in piazza a Budapest(Hungheria)

Per il 100-mo anniversario dell'indipendenza dell'Albania e il 90 ° anniversario dello
stabilimento delle relazioni tra Ungheria e Albania,sarà messa , in una delle pricipali piazze di Budapestst ,la statua  dell'eroe storico George Kastriot Skanderbeg.

Ciò è stato confermato dal presidente del Parlamento dell' Ungheria, Laszlo Kover, durante la riunione avuta con il presidente del Parlamento albanese, Jozefina Topalli.

Il signor Kover ha sottolineato il sostegno del suo paese al processo di integrazione
dell'Albania.

"Nonostante la crisi della zona euro, riteniamo che l'allargamento dell'Unione europea è la
scelta migliore." ha aggiunto Kover.

Il Parlamento hungherese e il Parlamento albanese stanno lavorando su questa attività che
rigurda la festa dei 100 anni dell'Albania .

All'inizio del prossimo anno sarà organizzata la cerimonia dell'inizio del progetto IPA ,
tra Ungheria, Francia e parlamento albanese.
Durante la sua visita in Ungheria, Josefina Topalli è stata invitata dal rinomato Istituto
di politica estera dell'Ungheria, per parlare di cooperazione tra i due paesi.

Musica albanese - Poni , Si trendafil (+ testo)

"Si trendafil" , PONI




Testo in albanese

Dashuria shuhet ne heshtje si thahet trëndafili ne etje,
tani kam nevoj për buzeqeshjen qe ma fale ti.
Pa ty shumë i ftohte është janari,
pa ty nuk me ngroh as zjarri,
ti ishe i pari qe zgjove ndjenjat pa kufij.
I heshtur është momenti i heshtur je dhe ti,
e heshtur është biseda o me ne te dy.
Tani gjërat kuptohen,
çdo gjë kërkon shpjegim pse gjërat komplikohen se çdo fillim ka një mbarim.
Shumë e brisht është dashuria,ndoshta shumë e brishte jam unë për ty,
po ku ndodhet lumturia qe unë e kisha me ty.
E kujtoj shpesh situaten atëherë kur ish si trëndafil,
trëndafili tani vyshket,
vyshket pa jetë….
REF:…….
Dashuria shuhet ne heshtje si ndahet trëndafili ne etje,
tani kam nevoj për buzeqeshjen qe ma fale ti.
Pa ty shumë i ftohte është janari,
pa ty nuk me ngroh as zjarri,
ti ishe i pari qe zgjove ndjenjat pa kufij.
Shpresa le të vdes e fundit,s’dua tet harroj
Dhe ne ujevaren e jetës e di ku ty do të takoj
Thon se ne u deshem,se për dashuri kurr nuk ishte vonë
Tani ngushlloj veten se dita ditës për ty po tretem
Shumë e brishte është dashuria,ndoshta shumë e brishte jam unë për ty,
po ku ndodhet lumturia qe unë e kisha me ty.
E kujtoj shpesh situaten atëherë kur ish si trëndafil,
trëndafili tani vyshket,
vyshket pa jetë….
REF…….
Dashuria shuhet ne heshtje si ndahet trëndafili ne etje,
tani kam nevoj për buzeqeshjen qe ma fale ti.
Pa ty shumë i ftohte është janari,
pa ty nuk me ngroh as zjarri,
ti ishe i pari qe zgjove ndjenjat pa kufij.

La leggenda albanese della nascita della dea Atena

In Labëria[1] è ancora oggi conosciuta e tramandata una leggenda sulle origini della dea dodonea Atena (pubblicata nel 1875). La fonte di questa leggenda è una anziana signora vissuta nel XVIII secolo, originaria di Zhulat[2].
L'ENIGMA DELLA LINGUA ALBANESE
Statua della dea Atena di fronte al parlamento Austriaco a Vienna
Zoti[3], che era il re, dichiarò guerra ai Cretesi, perché essi non gli pagavano la tassa; però non aveva né navi e né armi per combattere. Così cercò l'aiuto di un re zoppo che viveva in una terra lontana. Quando questi arrivò, Zoti, il re, andò di corsa verso di lui per abbracciarlo. Mentre il re zoppo stava scendendo da cavallo, gli cadde l’ascia che teneva sulle spalle e spaccò la testa a Zoti, il re; dalla testa del sovrano uscì una bellissima ragazza armata di tutto punto, che fu chiamata Thëno (Atena). Il re zoppo unse con un miracoloso balsamo il capo di Zoti, il re, ed egli guarì; poi costruì per lui navi, asce, coltelli, spade, archi e tantissime altre armi di ogni tipo. Sbarcarono a Creta con molti guerrieri toschi e vinsero facilmente la guerra contro i Cretesi, e Zoti il re visse per molti anni in quel paese. Poi mandò a chiamare gli altri Toschi e li trasferì con le navi a Creta perché quell'isola gli piacque. Quando sua figlia Thëno (Atena) giunse all'età adulta, sposò il figlio di un re di una terra lontana. Suo padre Zoti il re le regalò tanti castelli e addirittura ne costruì uno al quale diede il suo nome, e lì essa vive circondata dai moltissimi figli ed è attualmente felice, e noi siamo felici qui.”
Questa versione della leggenda sulla nascita della dea Atena dalla testa di suo padre, Zeus pelasgico di Dodona, ha una particolare importanza se teniamo conto che la mitologia albanese è la più antica sia nei Balcani che in Europa.
[1] Labëria è una regione a sud dell’Albania; i suoi abitanti sono comunemente conosciuti anche come Toschi. (N.d.T.)
[2] Zhulat, è un paesino nei pressi di Valona in Albania. (N.d.T.)
[3] Labëria è una regione a sud dell’Albania; i suoi abitanti sono comunemente conosciuti anche come Toschi. (N.d.T.)

Liberamente tratto dal libro Pellazgët: origjina jonë e mohuar di Dhimitri Pilika
Traduzione dall’albanese di Elton Varfi

Allenatore calcio Albania , un italiano guiderà la squadra albanese

Armand Duka, presidente della federazione albanese ha trascorso un intero fine settimana a Milano per conoscere tutti i candidati inseriti nella sua personale lista di allenatori che potrebbero accettare il ruolo di ct della nazionale dell’Albania.

Tra questi c’erano Camolese, De Biase, Benny Carbone e Pillon ma non mancano anche altri nomi importanti


http://3.bp.blogspot.com/_V7tlVHM0A8k/R4utVgQ3yuI/AAAAAAAAAso/0BwY2jFbFu8/s400/squadra%2Balbania%2B%2Bcalcio%2B2007.jpg

A Tirana acceso l'Albero di Natale 2011 (le foto)

A Tirana acceso l'Albero di Natale 2011 (le foto)

Ndizen dritat në pemën e Vitit të Ri, dekor i ri festiv në Tiranë (11 FOTOT)















fonte foto http://noa.al

Albanesi in Canada festeggiano i 99 anni di Indipendenza dell'Albania

L'apertura della festa Albanese in Canada festeggiano i 99 anni di Indipendenza dell'Albania.

Shqiptarët në Kanada nderojnë Ditën e tyre Kombëtare

Festa dell'Albania : da Buttiglione alla Pivetti , tutti a Roma per festeggiare con gli albanesi (video)


Celebrazioni dell'Ambasciata albanese a Roma per la Giornata Nazionale dell' Albania il 28 novembre 2011, il ricevimento annuale in occasione del 99-esimo anniversario di indipendenza, che si è svolta in una sala del Marriott Grand Hotel Flora, in via Vittorio Veneto.

Sono stati invitati e hanno partecipato amici italiani e albanesi, politici famosi, alti funzionari delle istituzioni italiane, ambasciatori e rappresentanti del corpo diplomatico accreditati a Roma e le agenzie delle Nazioni Unite con sede a Roma, intellettuali, artisti, studenti e militari.

Molti erano in i deputati e senatori del Parlamento italiano.

La partecipazione di molti politici e la partecipazione del Vice Presidente della Camera dei Deputati Rocco Buttiglione, il Presidente della Delegazione italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO, il senatore Sergio De Gregorio, ex Presidente della Camera dei Deputati, la signora Irene Pivetti, e molti altri. Erano anche presenti  il ministro del Commercio e dell'Industria del Kosovo, la signora Mimoza Kusari Lila, e ministro dello Sviluppo Economico Dehlul Beqja, che erano in visita di lavoro a Roma.

GUARDA IL VIDEO QUI
http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=klSom2HN2KA#t=1552s

Non sono albanesi, ma cantano canzoni popolari albanesi (video)

Tutti insieme cantano canzoni popolari albanesi.

Nel video si vedeno appunto gli americani riuniti in una festa albanese negli Usa e danno il meglio di loro stesso per cantare le milgiori canzoni albanesi

Vedere per credere!!!

Video



Omaggio all'Albania "Concerto Con i Grandi della Musica Classica" a Milano

Omaggio all'Albania "Concerto Con i Grandi della Musica Classica" a Milano
Ecco le foto































Non perderti le nostre curiosità

Inserisci la tua email:

Un prodotto di Google

Commenti recenti