Il Cippo di Perugia in albanese


Il Cippo di Perugia è una stele in pietra che presenta su due facciate un'iscrizione in lingua etrusca datata al III/II secolo a.C..

La tavola riporta 46 righe scritte in etrusco, e l'epigrafe è rimasta intatta in entrambi i lati. La parte inferiore, più rozzamente scolpita, indica una probabile collocazione della base incastonata nel terreno. Secondo gli archeologi si tratta di un cippo confinario fra le proprietà di due famiglie etrusche. Il testo riporta di un accordo tra le famiglie dei Velthina e degli Afuna, relativo alle modalità d'uso comune di una proprietà contenente una tomba dei Velthina. Rinvenuto sulla collina di San Marco a Perugia nel 1822, è oggi conservato nel Museo archeologico nazionale dell'Umbria

Ecco come è stato decifrato Il Cippo di Perugia in lingua albanese (dialetto del Nord Albania).

- prima riga in etrusco
- Geg: tradotto nel dialetto geg(dialetto albania del nord)
- StA: Tradotto in albanese standart
- Tradotto in lingua inglese
- Tradotto in lingua italiana


c = k; χ = h; θ = th; š = sh;

1-Te urat tan na la rez ula me vaχr.
Geg. Te uret tan na lan rrez ulë më varr.
StA. Të urtët tanë na lanë rreze (dritë) poshtë në varr.
Our nobles left us rays(light) down the grave.
I nostri nobili ci ha lasciato i raggi (luce) fino alla tomba.


2-Lautn Velθinaš' eštla, Afunaš slel, eθ ca ru te zan fušle.
Geg. Eshtnat e te lartit Velthina, Afuna siell, edh ka ru te zan guvn (pusn).
StA. Eshtrat e të lartit Velthina, Afuna sjell, dhe ka ruajtur të zënë guvën (pusin).
Great Velthina's bones Afuna brings and has occupied the cave.
Le ossa del Grande Velthina ,Afuna le porta ed hanno occupato la grotta.


3-Ri tesn; šte iš Rašneš i pa ama, hen naper χi i Velthinaθuraš arasš.
Geg. Rri tesh; si te ish etrusk i pa ken, hin naper hi i Velthinas s' art.
StA. Rri tani; si të ish etrusk i pa qenë, hyn nëpër hijen e Velthinas së artë.
Rests now; like to be a nonexistent etruscan, enters through the vision of the golden Velthina.
Ora riposa: come essere un etrusca inesistente, entra attraverso la visione della Velthina dorata.



4-Peraš cem ul, mlescul.
Geg. Periasht kem ul, mpleksun.
StA. Përjashta jemi ulur, mpleksur (bashkë).
Outside (of the cave) we rest, together.
Al di fuori (della caverna) ci riposiamo, insieme.


5-Zu ci enesci epl tu laru Auleši, Velθinaš Arznal clenši.
Geg. Zu ki prifti epr tu lartu Aulesin, birin erznor te Velthinas.
StA. Zuri ky prifti epër të lartojë Aulesin, birin erznor të Velthinas.
The old priest began to laud Aulesi, the successor in honour of Velthina.
Il vecchio prete cominciò a lodare Aulesi, il successore in onore di Velthina.

6-Θi i θil šcuna cenu, eplc felic.
Geg. Thirr e thirr shkun ketu, plak e filik.
StA. Thirr e thirr shkuan këtu, plak e filik.
Speaking loudly they came here, the old man and the junior
Parlando ad alta voce(forte) sono venuti qui, il vecchio e il giovane.



7-Larθalš, Afuniš clan, θunχul θe falaš.
Geg. Larthali, djali i Afunas, ndigjon thenie fialsh.
StA. Larthali, çuni i Afunas, dëgjon thënie fjalësh.
Larthal, Afunis son, hears words saying
Larthal, figlio Afunis, ascolta le parole dicendo
8-Χie m’ fušl e Velθina.
Geg. Hie m’pus (guv) e Velthinas.
StA. Hije në pus (guvë) e Velthinas.
Ghost of Velthina into the cave.
L'ombra di Velthina nella grotta.

9-Hin θa cap e, mu ni clet, ma su.
Geg. Hin ta kap e, mu ni kret, ‘ma su.
StA. Hyn ta kap e, mu në krye ( kokë), ama s’mund.
Enters to catch him, just around the head, but can't
Entra per prenderlo, proprio dietro la testa, ma non può


10-Naper šranc zlθi i falšti Velθina.
Geg. Naper shtankie, zanthi i folshte Velthina.
StA. Nëpër shtangje, zëthi i fliste Velthina.
While shrinking back, voicedly spoke Velthina
Mentre contraeva dietro, una voce chiamò Velthina


11-Hut naper penezš, ma su.
Geg. Hutet naper pamje, ‘ma su.
StA. Hudhet nëpër pamje (fantazmë ), ama s’mund.
Jumps through the vision, but can’t
Consente di passare attraverso la visione(fantasmi), ma non può


12- A-c nina! Clel Afuna.
Geg. A ka noni ! Klith Afuna.
StA. A ka ndonji ! Klith Afuna.
Is there any one! Cried Afuna
C'è qualcuno ! Grido Afuna


13-Velθina mler zinia.
Geg. Velthinan e mlon zinia.
StA. Velthinën e mbulon zija (terri).
The darkness covered Velthina
A velthina la copre l'oscurità


14-Inte ma mer cnl.
Geg. Ende ma mer nisjen (rrugen).
StA. Ende ma merr nisjen (rrugën ).
Again he takes the way
Nuovamente prende la strada(la via)


15-Velθina zia, šaten e tesne.
Geg. Velthina zi, zaten e tesh.
StA. Velthina zi (terr), si atëherë (përsëri) e tani.
Velthina under the darkness, now and then.
Velthina sotto il buio, come prima e nuovamente


16-E ca Velθinaθuraš ! - θa urah e lutes ne Rašne.
Geg. E ka Velthina ! - tha urata e lutet ne Rashne.
StA. E ka Velthina ! – tha urata e lutet në Rashne.
It belongs to Velthina’s body! Said the prayer and prays on Rashne.
Esso appartiene al corpo di Velthina! Disse la preghiera e prega in Rashne(etrusco).


17-Ce i tesn, šte iš Rašneš χimθ, špelθ uta šcuna; Afuna mena hen.
Geg. Ke i tesh, si te ish Hy Rashnesh, n’shpell ata shkun; Afuna hin mrena.
StA. Që tani, si të ish Hy Rashnesh, në shpellë ata erdhën; Afuna hyn brenda.
Just now, like He was Rashnesh god, they came at the cave; Afuna enters in.
Proprio ora, come se fosse dio Etrusco, giunsero alla grotta; Afuna entra dentro


18-Naper ci cnl - hare, utu še Velθina šatena.
Geg. Naper ket rrug – hare, aty she Velthinan zatena.
StA. Nëpër këtë rruge – hare, aty sheh Velthinan përsëri.
Through this delight way, there hi sees Velthina again.
Attraverso questa delizioza strada, li vede Velthina nuovamente.


19-Zu ci enesci i pa špela ne θi fulumχva.
Geg. Zu ki prifti e pa shpelln ne thirje yjsh.
StA. Zu ky prifti e pa shpellën në thirrje yjesh.
The priest saw the cave on stars crying.
Il sacerdote ha visto la grotta al richiamo delle stelle.


20-Špel θi, rene θi.
Geg. Shpella thirr, rena thirr.
StA. Shpella thirr, reja thirr.
The cave cries, the clouds cry
La grotta la chiamava , le nuovole lo chiamavano.

21-Ešt a - c Velθina; a - ci lun e tu ru ne, šcu ne Zea.
Geg. Esht aty ( ja ku) Velthina, ja ku lun e tu ru ne, shku ne Zoti.
StA. Ja ku është Velthina, ja ku luan e duke na ruajtur ne, shkon në Zoti.
There is Velthina, there he mooves, watching on us, goes to the God.
Ecco dov'è Velthina, eccola mentre gioca e ci protegge a noi , sta andando da Dio.


22-Zu ci enesci: A θu mi cš Afunaš, pe nθ na ama Velθina.
Geg. Zu ki prifti: A thu mi kush Afunas, pe ne na ishte Velthina.
StA. Zu ky prifti: A më thotë kush mua Afunas, pe në na ishte Velthina.
The priest said: Is there any one who tells me, Afunas, if you saw there was Velthina
Il prete ha detto: C'è uno che mi dice, Afunas, se visto che c'era Velthina



23-Afunaθur u niei n’ zeri una claθil θunχulθl.
Geg. Afuna e niu n’ zeri nja klithm qi ndigjon.
StA. Afuna e njeh n’zëri thirrjen që dëgjon.
Afuna knew by the voice the cry hearing.
Afuna conosce dalla voce il richiamo che sente.

24- Iχ ca ceχa ziχuχe.
Geg. I ket kena shkrujt.
StA. Këtë kemi shkruar.
Just that we have written
Questo abbiamo scritto


Etrusco/Albanese/inglese e il glossario del Cippo di Perugia.


Parole a confronto


Etruscan....Albanian..........English

Te urat........te uret.............nobles.
Tan.............tan..................our.
Na la...........na la...............left us.
Rez.............rrez.................rays.
Ula..............ul, pošt...........down, under.
Ul...............ul (v)...............drop, to lower.
Me..............m', ne.............in, into.
Vaχr………varr................grave.
Lautn………(i) lart............high, great.
Eštla……….eštra..............bones.
Slel…………siell...............bring.
Eθ………….edh...............and.
Ca………….ca.................has.
Ru…………ru..................watch.
Zan…………zan...............occupied.
Fušle.............pus, guv.........1- cave; 2- well (n)
Ri..................ri, rri..............rest.
Tesn..............teš.................now.
Šte iš.............si te iš...........like he was.
Rasnes...........etrusc............etruscan.
I pa ama........i pa cen..........nonbeing.
Hen...............hin.................enter.
Naper..........naper, neper....through.
Χi…………..χi, χie..........vision.
Araš...............art..............golden.
Peraš..............periašt.......outside.
Cem ul...........cem ul........seat down.
Ul..................ul...............down, drop.
Mlescul..........mplecsun....together.
Zu..................zu...............began.
Ci..................ci.................this.
Enesci............prifti.............priest.
Epl.................epr.............older.
Tu..................tu.................to.
Laru...............lartu.............laud.
Arznal............erznor.........honest.
Clenši.............biri.............son.
Θi…………..Θir, Θirie....cry.
Θil………….Θirie...........crying.
Šcuna............Šcun.............went.
Cenu.............cetu...............here.
Eplc..............plac...............old man.
Felic..............felic, filic........junior.
Clan..............chun, dial.......boy.
Θunχul……..dengioi..........hear.
Θe…………Θem..............say, saying.
Falaš.............fialš................of words.
Fusl..............pus, guv..........cave, well.
E...................e.....................and.
Hin.................hin..................enters.
Θa………….Θa..................said.
Cap…………cap................catch.
E……………e....................and.
Mu………….mu...................just.
Ni…………..ne, ni, n'...........in.
Clet…………cret.................head.
Ma………….'ma, ama...........but.
Su…………..su, s'mund.........can't.
Šranc.............Štanc, Štang.....shrink.
Zlθi…………zeθi, zešm........voicedly.
Falšti.............folšti ................spoke.
Hut................hut, huθ.............jumps.
Penezš...........pamie................vision, look.
A-c-nina...........a ca noni........is there anyone.
Clel...............cliθ.....................cry.
Mler..............mlon, mbulon......cover.
Zinia.............zinia, zia...............darkness.
Inte...............ende.....................again.
Ma mer.........ma mer................take sth.
Cnl................nisien, rugen.........way.
Šaten.............zaten, perseri.......again.
E...................e............................. .
E ca...............e ca......................it belongs to.
Θa…………..Θa......................said.
Ura………….urata....................priest.
Lutes……….lutet.......................prays.
Ne…………..ne........................on.
Rašne.............zot........................god .
Ce i tesn.........ce i teš.................just now.
Ximθ ……….χi, hy...................Lord, god.
Špelth...........špel........................c ave.
Uta................ata.........................the y.
Hare...............hare......................delig ht.
Utu................aty.........................the re, next to.
Še..................še, šeh...................sees.
Pa..................pa.........................saw .
Fulumχva…...yj, yje.....................stars.
Rene………..rene, reia................clouds.
est-a-c……...ešt (ia cu)................there he is.
A-ci………….ia cu........................there.
Lun…………lun.............................mooves.
Tu…………..tu..............................to.
Ru…………..ru.............................watch.
Ne…………..ne.............................us
Šcu..............šcu, šcoj................go
Zea...............zot...........................go d
Θu…………..θu, θuaj..................say(secnd. pers. singl.)
Mi…………..mi, mua......................me
Cš..................cuš........................ .wh o
Pe..................pe..........................sa w (secnd. pers. singl.)
Nθ ………….nese..........................if
Na ama……..na ište.......................sb/sth was
Niei………….niu, niohu...................knew
N’zeri……….n' zeri.........................by the voice
Una ………...nia, nie.......................one
Claθil……….cliθm...........................cry (n)
...............clai, chiai.....................cry, weep.
θil............θir, θirie.......................call (n&v)
Iχ ca……….i cet.............................just that
Ceχa………..cena, cemi...................have
Ziχuχe……...šcru,šcruar....................writte n



(la traduzione del Cippo di Perugia è stata fatta anche da Niko Stilos )
Molti studiosi nei secoli hanno concluso i loro studi dicendo che la lingua etrusca è = alla lingua albanese.

L'Europa dell'Est si diverte in Disco Oriente a Piacenza

Disco Oriente la discoteca che unisce gli europei dell'Est in Italia .
A Piacenza in italia c'è una discoteca che unisce davvero tutti gli europei dell'Est. Ogni sera si uniscono come fanno anche in altre parti d'Italia lasciando da parte le diverirsità e le etnie differenti ma con lo spirito europeo.
Infatti in questa discoteca ogni settiamna ci sono musiche diverse e il ritmo ed il calore di questi stranieri europei che vivono in Italia portano la loro musica ed il loro divertimento direttamente dal loro paese d'origine .
Ci sono cantanti che vengono direttamente dalla Romania, Albania, Serbia
, Croazia, kosovo, Macedonia e ovviamente tanto pubblico italiano e
straniero.




Lunedì - Martedì - Venerdì - Sabato - Domenica
Dalle 22.00 alle 05.00
Chiuso Mercoledì e Giovedì
Musica dal Vivo Albanese, Macedone, Rumena, Serba, Bosniaca con 3 serate
al mese con cantanti famosi balcanici

Per informazioni :
www.discooriente.com
328.08.99.223 Nicola
329.56.78.771 Ani DJ
e-mail: disco.oriente@alice.it
disco oriente su facebook


VIA PORTAPUGLIA 6/C
Piacenza, Italy, 29100

Il mar Ionio - Deti Jon : il nostro mare in albanese

Il mar Ionio è un bacino del mar Mediterraneo, situato tra l'Italia meridionale, l'Albania (Canale d'Otranto) e la Grecia (Isole Ionie).
Siccome la lingua albanese è la lingua più antica in Europa, ci sono nomi antichissimi come quello dei mari e dei fiumi che in genere hanno origine antichissimo.
Uno di questi nomi è proprio"Ion" il mar Ionio(in albanese Deti jon, nell'antico albanese Ion).
La parola in albanese "Ion" vuol dire Nostro e semplicemente questo mare era il mare di coloro che parlavano la lingua albanese e comprendeva le coste della Grecia fino al Canale d'Ottranto ossia fino a mettà dell'Albania.
Quasi tutta la Grecia del Nord fino al 1918 era abitata dagli albanesi.(Chiamata Epiro, L'epiro ha radici antichissime).
Siccome la lingua albanese è la lingua piu antica è evidente che Ion era chiamato perche era " Mare Nostro"

L'altra tesi che si puo leggere su alcune enciclopedie è la seguente

"Il mar Ionio, secondo la leggenda, prende il nome da Ionio, figlio di Durazzo, nipote a sua volta di Epidamno figlio di Poseidone. Fu ucciso erroneamente da Eracle nello scontro con i fratelli Durazzo. Così che si diede il nome al porto di Durazzo, alla città di Epidamno e al mare di Ionio"

Risulta troppo riduttivo, in quanto in genere i mari hanno nomi antichissimi ancor di più se si trattano di nomi del mediterraneo.
Il Epiro c'è anche il nome di una città Ioannina.
Il mar Ionio era "Il mare nostro"


Pashko Vasa - O moj Shqypni e mjera Shqypni!


Pashko Vasa (1825-1892)
Tanti hanno sentito dire la seguente affermazione : La religione degli albanesi è l'albanesità
Questa frase è stata scritta da Pashko Vasa che poi divenne famosa tutt'oggi.

Pashko Vasa il 4 maggio 1849, venne a Venezia per combattere contro gli austriaci.


Una figura del nord dell'Albania che ha giocato un ruolo fondamentale nella cultura rinascimento del XIX secolo è stato Pashko Vasa (1825-1892).Era uno statista, poeta, romanziere e patriota nato a Scutari. Dal 1842 al 1847 ha lavorato come segretaria per il consolato britannico in quella città albanese del nord dove ha avuto l'opportunità di perfezionare la sua conoscenza di un numero di lingue straniere: italiano, francese, turco e greco. Sapeva anche po 'di inglese e serbo-croato, e negli anni successivi aveva imparato l'arabo. Nel 1847, pieno di ideali e di coraggio, partì per l'Italia alla vigilia degli eventi turbolenti che si svolgerà lì e altrove in Europa nel 1848. Ci sono due lettere da lui scritte a Bologna nell'estate di quell'anno rivoluzionario in cui esprime apertamente repubblicano e punti di vista anti-clericale.



Venne in Italia , a Venezia dove ha preso parte nella lotta a Marghera il 4 maggio 1849, parte di una rivolta di Venezia contro gli austriaci. Ha pubblicato un resoconto della sua esperienza in Italia l'anno seguente " La mia prigionia", episodio storico dell'assedio di Venezia, Costantinopoli, 1850 (La mia prigione, episodio storico dall'assedio di Venezia). Non è un caso che questa biografia storica porta un titolo simile a quello delle memorie della celebre patriota e drammaturgo italiano Silvio Pellico (1789-1845), Le Mie Prigioni (La mia prigione), pubblicato nel 1832. A Costantinopoli, dopo un periodo iniziale di povertà e di disagio, ha ottenuto una posizione presso il Ministero degli Affari Esteri, da cui è stato distaccato a Londra per un certo tempo, alla Imperiale Ambasciata ottomano alla Corte di St James's. In seguito fu la Sublime Porta in varie posizioni di autorità.

Nel 1863, grazie alla sua conoscenza del serbo-croato, come ci dice, è stato nominato per servire come segretario e interprete nell'uffixio di Ahmed Pasha Jevdet, statista ottomano e storico, per una missione conoscitiva in Bosnia ed Erzegovina che durò per venti mesi, dalla primavera del 1863 a ottobre 1864. Circa 1867 lo troviamo anche in Aleppo. Pochi anni dopo pubblicò un altro lavoro ora rare di interesse storico, Esquisse historique sur le Montenegro d'après les tradizioni de l'Albanie, Costantinopoli 1872 (disegno storico del Montenegro, secondo la tradizione albanese).

Nonostante le sue funzioni per conto dell'impero ottomano,(in quel tempo erano tutti i paesi dei balcani sotto l'impero ottomano) Pashko Vasa non ha mai dimenticato la sua patria albanese. Nell'autunno del 1877 divenne un membro fondatore del Komiteti qendror per mbrojtjen e te drejtata të kombësisë Shqiptare (Commissione centrale per la difesa dei diritti del popolo albanese) a Costantinopoli. Attraverso i suoi contatti lì, ha anche partecipato all'organizzazione della Lega di Prizren nel 1878. E 'stato senza dubbio l'autore del memorandum sull'autonomia albanese ed ha cercato di far fiorire la cultura albanese con secoli di storia.

Insieme con le altre figure nazionalista, come Hodja Tahsini, Jani Vreto e Sami Frashëri, ha avuto un ruolo importante per la creazione dell' alfabeto albanese e in tale contesto ha pubblicato un opuscolo di 16 pagine intitolato "Alphabet latin applique à la langue albanaise", Costantinopoli 1878 (L'alfabeto latino applicato alla lingua albanese), a sostegno di un alfabeto di caratteri puramente latino.

Era inoltre un membro del "Shoqëri e te shtypurit shkronja shqip (Società per la pubblicazione della scrittura albanese), fondata a Costantinopoli il 12 Ottobre 1879 per promuovere la stampa e la distribuzione dei libri in lingua albanese. Nel 1879, Pashko Vasa lavorato a Varna, sulla costa del Mar Nero nella gestione del vilayet di Edirne con Ismail Qemal Vlora (1844-1919). Ha inoltre conseguito il titolo di pascià e il 18 luglio 1883 divenne governatore generale del Libano, un posto riservato dal trattato internazionale per un cattolico di nazionalità ottomana, e di una posizione che apparentemente ha dichiarato, fedele alle tradizioni del Libano allora e di oggi, in un clima di corruzione e di intrighi familiari levantino. Lì trascorse gli ultimi anni della sua vita e morì a Beirut, dopo una lunga malattia il 29 giugno 1892. Nel 1978, il centenario della Lega di Prizren, i suoi resti sono stati trasferiti dal Libano a Scutari.

Anche se servitore civile dell'Impero Ottomano, Pashko Vasa dedicato le sue energie come scrittore poliglotta al movimento nazionale albanese. Consapevole dell'importanza dell'Europa nella lotta per il riconoscimento dell'Albania, ha pubblicato La vérité sur l'Albanie et les Albanais. Etude historique et critica, Parigi 1879, una monografia storica e politica che apparve in una traduzione in inglese come la verità su Albania e gli albanesi. Storici e studio critico, Londra 1879, così come in albanese, tedesco, turco e greco in quell'anno, e più tardi in arabo (1884) e italiano (1916). L'edizione albanese, Shqypnija e shqyptart(Albania e gli albanesi), fu pubblicato nel Allfabetare e gjuhes shqipe, Costantinopoli 1879 (Alfabeto della lingua albanese), insieme con il lavoro di Sami Frashëri e Jani Vreto.

In questo trattato destinato principalmente ad informare il lettore europeo per il suo popolo, ha dato un resoconto della storia albanese dai Pelasgi antichi Illiri e fino al suo tempo e esposta sui modi e mezzi per promuovere il progresso della sua nazione.

Per rendere la lingua albanese meglio conosciuta in Europa pubblicò a Grammaire albanaise à l’usage de ceux qui désirent apprendre cette langue sans l’aide d’un maître, Ludgate Hill 1887 (Grammatica albanese coloro che desiderano imparare questa lingua senza l'aiuto di un insegnante), uno dei rari grammatiche del periodo.

Pashko Vasa è stato anche autore di numerose opere letterarie di nota. Il primo di questi è un volume di versi intitolato Rose italiana della colonna vertebrale e, Costantinopoli 1873 (Rose e spine), quarantuno poesie (per un totale di ca. 1.600 linee) dedicata ai temi dell'amore, della sofferenza, la solitudine e la morte nelle tradizioni dei versi romantica dei suoi predecessori europei Giacomo Leopardi, Alphonse de Lamartine e Alfred de Musset. Tra i temi trattati in queste poesie meditative italiani, due dei quali dedicati ai poeti italiani Francesco Petrarca e Torquato Tasso, sono la vita in esilio e tragedia familiare, un riflesso della propria vita personale di Pashko Vasa. La sua prima moglie, Drande, che aveva sposato nel 1855, e quattro dei loro cinque bambini sono morti prima di lui, e negli anni successivi anche sfortuna personale ha continuato a tormentarlo. Nel 1884, poco dopo la sua nomina a governatore generale del Libano, la sua seconda moglie Caterina Bonatti morì di tubercolosi.

Bardha de Témal, Scènes de la vie albanaise, Parigi 1890 (Bardha di Temal, scene di vita albanese), è un romanzo in lingua francese che Pashko Vasa ha pubblicato a Parigi con lo pseudonimo di Albanus Albano lo stesso anno di raccolta di versi notato Naim Frashëri Luletë e verësë (I fiori della primavera) apparve a Bucarest.


Sebbene la maggior parte delle pubblicazioni Pashko Vasa erano in francese e italiano, vi è un poema, il più influente e forse il più popolare mai scritte in albanese, che lo ha assicurato il suo meritato posto nella storia e la letteratura albanese, il celebre O moj Shqipni, e mjera Shqipni (Oh Albania , povera Albania). Questo appello mescolando per un risveglio nazionale si pensa che sono stati scritti nel periodo tra il 1878, anno drammatico della Lega di Prizren, e il 1880.
Pashko Vasa essendo nato a Scutari usava il dieletto Gheg (dialetto del Nord Albania), stesso dieletto che (secondo gli studiosi) usavano gli etruschi (il popolo misterioso di 2500 che ha vissuto in alcune zone d'Italia)


Canzone del anno 1878 Pashko Vasa "O moj Shqipni, e mjera Shqipni"

video


Testo anno 1878 Pashko Vasa "O moj Shqipni, e mjera Shqipni"

O moj Shqipni, e mjera Shqipni
kush te ka qitë me krye në hi?
Ti ke pas kenë një zonjë e rande
burrat e dheut te thirshin nanë
Ke pasë shumë t’mira e begati
me vajza t’bukra, me djem t’ri
Gja e vend shumë, ara e bashtina
me armë të bardha e pushkë ltina
me burra trima, me gra të dlira
ti ndër gjithe shoqet ke kene ma e mira
Kur asha pushka si me shkrep moti
Zogu deli shqiptarit gjithmonë deli zoti
ka qënë për luftë e n’luft ka vdekun
e dhunë mbrapa kurr s’deli ka mbetun
Kur ka lidh besën burri deli Shqipnisë
I ka shti dridhën gjithë Rumelisë
ndër lufta t’rrepta gjithkund ka ra
me faqe t’bardhë gjithmonë asht da
Po sot, Shqipni, pa m’thuej si je?
Po sikur lisi deli rrxuem perdhe
Shkon bota sipri, me kambë të shklet
e një fjalë të ambël askush s’ta flet
Si mal me ash, si fushë me lule
ke pas ken veshun, sot je me cule
e s’të kan mbetun as emn, as besë
vet’ deli ke prishun për faqe t’zezë
Shqiptar’,me vllazën jeni tuj u vra
ndër njëqind çeta jeni shpërnda...
Qani ju shpata e ju dyfeqe
shqiptari u zu si zog ndër leqe
Qani ju trima bashkë me ne
Se ra Shqipnia me faqe n’dhe
E s’deli ka mbetun as bukë as mish
as zjarm në asha as dritë as pishë
as gjak në faqe as nder ndër shokë
por asht rrëxue e bamun trokë
Para se t’hupet kështu Shqipnia
me pushkë n’dorë le t’desë trimnia
Çoniu shqiptarë prej gjumit çoniu
të gjithë si vllazën n’një besë shtrëngoniu
e mos shikoni asha e xhamia
feja e shqiptari asht shqiptaria
Qysh prej Tivarit deli n’Prevezë
gjithkund lshon dielli vapë edhe rrezë
asht toka jone, prind na e kan lane
kush mos na e prekë se desim t’tanë.
Çoniu shqiptarë prej gjumit çoniu
të gjithë si vllazën n’një besë shtrëngoniu
e mos shikoni kisha e xhamia
feja e shqiptari asht shqiptaria

Video Albania con immagini varie

video

Veronica Ciardi e George Leonard in Albania

Veronica Ciardi e George Leonard in Albania al Grande Fratello albanese(bigh Brother Albania)





















Guarda il video al grande fratello albanese
George e Veronica danno lezione di Bacio ai ragazzi del grande fratello albanese.
Giudicate voi !
video

www.top-channel.tv

Albanese , Greco Antico e Greco moderno a confronto

Aristidh Kola era uno scrittore e studioso arvanita (minoranza greca) ,egli affermo che la lingua dell'antico greco era la stessa lingua albanese.
Infatti come si sa la lingua del greco moderno è una altra lingua e diversa dall'antico greco.

Aristidh Kola scrisse il libro Arvanitasit dhe prejardhja e grekëve. (trad "Gli arvaniti e l'origine dei greci"
Nel leggere l’elenco bisogna tenere presente che in greco manca la y sostituita dalla i, mentre il suono sh è stato sostituito dalla s. Inoltre è necessario ricordare che la d albanese in greco antico era dh.

ALBANESE

GRECO ANTICO (OMERICO)

NEO GRECO

ITALIANO





dor – ë, dor - a

ekedeka – dor - o

màti

mano

lesh

lasios

qheri

lana

mi, miu

mis

malå

topo

heq, (hekl = tërheq)

elko

pondåqi

levare

marr (mar)

mar - pto

perno

prendere

edhe, dhe

idhe, te

qe

e

arë, ara

arura

horàfi

terra (da lavorare)

punë (puna)

ponos

dhulià

lavorare

kalë, kali

kelis - tos

àlogo

cavallo

krye (krie)

kridhen

qefali

testa, capo

re, retë

rea (perëndia e reve)

sinefo

nuvole

vesh, vishem

ves – this - vesnimi

forào

vestire

lepur

leporis

lagæs

lepre

qen, qeni

qion

sqilos

cane

rronjë (rroj, jetoj)

ronio, ronimi

zo, akmazo

vivere

ruaj, rojtar

rio, ritor

filàso

guardiano

iki, ike

iko

fevgo

andare

lig

lig – ios, lig - æs

adhinatos

cattivo

ethe (kam ethe)

ethir, ethæ

piretos

febbre

rrah

rahso, raso

piretos

terra

ne (neve)

noi

emis

noi

rri (qëndroj)

e – ri - dhome

kathome

restare

vend (ved)

ved – os, vedh - os

edhafos, topos

posto

mend, mendoj

mendohem

medhome

pensare

errët (errësirë)

ere - vos

sokotos

scuro

thërres (thrres, thrras)

threo, throos

fonazo

chiamare

para (përpara)

paros

mbrostà

avanti

për ty

par ti

ja sena

per te

ai që nëm

neme – sis, neme - sao

katara

colui che maledice

van (shkuan)

van

pigan

andato

hedh

heo

rihno, tinazo, sio

tiro

dhe, dheu (tokë)

jea, dhor, dha

ji

terra

nuk

ni uk

dhen

non

udhë, udha

udhos

dhromos

strada

verë (stina e verës)

vear

kaloqeri

estate

shkop

skipon, skiptro

ravdhi

legno

torrë

tornoo

jiro

torre

korr

kiro

thiro

raccolta

mëri (mëni, dialekti verior)

minis

thimos

essere litigato

marrë (i marrë)

margos

trelæs

pazzo

nisem

nisome

kseqinæ

partire

flas

flio, fliaræ

milao, omilæ

parlare

lehem (lind)

leho, lohia

jenieme

partorire

fryma (frima, dialekt i jugut)

frimao

fisima

alito

shkel

skel - os

patao

calpesto

deti

theti - s

thalasa

mare

krua, kroi

krunos

vrisi

fonte

dru

dris, drimos, driti

ksilo

legno

lutem

litome

parakalæ

pregare

nuse

nisos, nios

nifi

nuora

ter (thaj)

ter - so

stegnæno

asciugare

dera

thira

porta

porta

kall (djeg)

kileo

qeo

bruciare

zien

zei

vrazi

bolle

mjet

mitos

nima hondræ

mezzo

tata, ati, i jati

tata, ata, jetas

pateras

padre

Reklamafalas.com - Vende pune dhe njoftime te tjera

Reklamafalas.com reklama falas në Shqiperi për aktivitetin tuaj dhe për njoftime falas.

Njoftime falas për ata që duan të kërkojn e të gjejnë shtëpi, pune, takime e festa në qytetin apo qarkun tuaj.Per ata qe deshirojne te Blejne shtepi te shesin makinen , te shesin mobilje dhe strumenta eletronike

Reklamafalas.com ështe një faqe interneti falas dhe pa u regjistruar.

www.reklamafalas.com

Il mosaico della Basilica di Arapaj (Albania)

Questo mosaico, che appartiene al periodo paleocristiano, è stato scoperto dall’archeologo e storico Sali Hidri, insieme alla rispettiva basilica.
Risale al periodo dell’imperatore Giustiniano (questo imperatore ha fatto realizzare un complesso di importanti costruzioni per la città di Durazzo).

Il mosaico è stato costruito su tre determinati livelli, seguendo dunque i principi dell’arte dell’antichità. Ma, del resto, nella sua modalità di composizione, il mosaico porta qualcosa di nuovo, rappresentato da immagini di pastori e da scene di caccia.

Mentre gli animali addomesticati che circondano i pastori sottintendono allegoricamente il nuovo precetto religioso e la cura che la Chiesa dimostra per tutti i suoi fedeli.



Il Castello di Bashtrova

Il Castello si trova circa 1 km dal villaggio di Bashtova nel distretto di Kavaja. Il Castello è circa 400 m al nord del fiume SHkumbini e 4 km dalla foce di quest’ultimo in mare Adriatico. Il Castello è costruito in pietra e mattonelle. Negli suoi angoli sono costruiti torri difensivi. Nelle parti interne delle mura sono costruiti rafforzamenti in ogni 3m.
Le dimensioni del Castello sono di 60X90 m. È costruito negli anni 1467-1468.
Ora ha lo status del monumento di cultura della prima categoria ed è stato restaurato nel anno 1989. Il Castello è in buone condizioni ed è un posto preferito da i visitatori.



Angelica Palli : Vaiza çame e dhjaspora

Angelica Palli nacque a Livorno il 22 novembre 1798 da Panajotti e la madre Dorotea.

Era una scrittrice italiana del 1800.Ha scritto molti libri e molte poesie.

Il padre Poanajot era della Ciameria , Panajot è un tipico nome albanese anche di oggi.
Angelica era nata da genitori venuti dall'Epiro (dalla Ciameria, terre albanesi, terre dal 1914 poi furono occupate dalla Grecia)

Le sue attenzioni da scrittrice si intensificarono sull'Epiro.


Quando poi i greci e albanesi iniziarono la lotta contro il dominio ottomano la Palli concentrò il suo interesse sui problemi del suo popolo di origine e sull'Epiro, trasformando il suo salotto letterario in un centro di raccolta di denaro e soccorsi.

Studiò il greco antico e il moderno, ed ebbe a maestro nelle lettere italiane il chiarissimo De Coureil.


In Albania Angelica Palli non era molto conosciuta , neanche oggi è molto conosciuta.

Uno dei più grandi albanologhi Niko Stillo ne ha scritto un libro dal titolo. Vaiza çame e dhjaspora. La ragazza della Ciameria e della diaspora.

Niko Stillo raccontando di lei dice : era uno dei nomi piu grandi dell'accademia italiana, lei ha scritto poesie in lingua albanese e gli albanesi non la conoscono. Com' possibile ?

Era uno dei nomi piu grandi dell'accademia italiana, ha scritto poesie anche sull'Epiro le ha scritte anche in lingua albanese.
Dedico molte poesie all'Epiro agli albanesi e ai greci. Scrisse delle battaglie e delle difficoltà di quel tempo sotto l'impero ottomano.

Si sposò con Bartolommei dove abbe il doppio cognome.
Angelica Palli Bartolommei fù una patriota, scrittrice ,morì a Livorno nel 1875.

Sul video il grande studioso Niko Stillo ne parla di Angelica Palli nel secondo 36 del video (in lingua albanese)

video

Si costituisce domani l'associazione albanese intotolata a madre Teresa

Fonte Ravennanotizie qui


Con una cerimonia ufficiale, cui parteciperanno alti rappresentanti del Governo albanese, alla presenza del sindaco Fabrizio Matteucci e dell'assessore all'immigrazione Ilario Farabegoli, verrà costituita domani in municipio l'associazione albanese intitolata a "madre Teresa" (di Calcutta, originaria dell'Albania) con sede a Ravenna.


Il calendario degli appuntamenti della giornata prevede alle 9,30 un incontro riservato fra il sindaco e la la elegazione composta da
Susana Turku, Vice Ministero della Cultura di Albania, Nora Malaj, Vice Ministro dell'Educazione e della Scienza di Albania, Lorenc Luka, Sindaco Scutari, Arber Hadri, Direttore Museo Nazionale Pristina, Avdi Pireva, Assistente Ministro della Cultura Kosovo, Llesh Kola, Ambasciatore Albania in Italia, Edith Harxhi, Vice Ministro degli Esteri di Albania.
Seguirà la cerimonia ufficiale che prevede il saluto di benvenuto del sindaco Matteucci, alle 10.30, seguiranno i saluti delle autorità della Repubblica di Albania.

Gli interventi successivi, coordinati dal presidente dell'associazione Madre Teresa Arijon Abdylj, saranno a cura del vice ministro della Cultura della Repubblica di Albania sul tema "Le attività in occasione del 100° anniversario della nascita di Madre Teresa"; dell'Ambasciatore di Albania In Italia sull'importanza del mondo dell'associazionismo per l'inserimento degli stranieri nel tessuto sociale del paese ospitante; dell'Assessore all'immigrazione del Comune Ilario Farabegoli "Le politiche dell'immigrazione per l'inserimento degli stranieri nel tessuto sociale ravennate"; dei portavoce del coordinamento Ravenna Solidarietà Charles Tchameni e Liliana Picari sul tema " L'importanza di rafforzare la collaborazione fra le associazioni del territorio".
Seguiranno: la presentazione delle attività dell'Associazione da parte del vice presidente Denis Mema, la consegna di riconoscimenti ad artisti albanesi quali Ciko Zhani, Mirush Kabashi, Ardit Gjebrea, Lili Cingu e Rechep Celiqu per il loro contributo alla conoscenza della cultura albanese nel mondo e alle organizzazioni che hanno contribuito all'inserimento degli stranieri a Ravenna, e di libri di testo in lingua albanese ai bambini albanesi che vivono in Italia.

Nel pomeriggio, alle 17, sempre in municipio è previsto l'incontro pubblico sul tema: "Alla ricerca delle radici comuni nella cultura italiana ed albanese" di cui sarà moderatore Tahar Lamri, scrittore di origine algerina, Direttore Artistico del Festival delle Culture di Ravenna.
Dopo il saluto di Matteo Casadio, assessore alle Relazioni Istituzionali, gli interventi sono affidati a Lutfi Haziri, Ministro della Cultura della Repubblica del Kosovo che parlerà dell'importanza dello scambio interculturale per una migliore convivenza tra i popoli; a Nora Malaj, vice ministro dell'Educazione e della Scienza della repubblica albanese sul tema "I progetti comuni e l'interscambio culturale fra Albania e Italia"; e a Maria Grazia Marini, dirigente del servizio Turismo e Attività Culturali del Comune che tratterà il Progetto Ravenna Capitale della Cultura Europea.
Artisti e studiosi quali Apollon Bace, membro dell'Accademia delle Scienze di Albania, Ciko Zhani, Direttore del Teatro Nazionale dell'Opera e del Balletto di Tirana, Sandro De Maria, dell'Università di Bologna - Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali e direttore della missione archeologica in Albania, Denis Mema, vice presidente dell'associazione Madre Teresa, affronteranno temi di natura storico culturale inerenti la realtà albanese.
La giornata di eventi si concluderà alle 20 al Teatro Alighieri con uno spettacolo (su invito) dal titolo "Conoscere l'Albania e il Kosovo attraverso la sua poesia, la sua musica e la sua danza": si esibiranno gli artisti del teatro Nazionale dell'Opera e del Balletto di Tirana con le leggende del ballo tradizionale quali Lili Cingu e Rexhep Celiku; gli artisti di ballo tradizionale dello "Ansambli Shota" di Pristina; il gruppo musicale di Forlì "Spartiti per Scutari Orkestra" diretti dal maestro albanese Bardh Jakova e con la partecipazione straordinaria di Mirush Kabashi, , attore e regista di fama internazionale.

Le manifestazioni in occasione della nascita dell'associazione albanese si concluderanno sabato 17 aprile alla Casa delle Culture dove i bambini potranno seguire la prima lezione di lingua madre e sulla storia e cultura del loro paese di origine. Ma sarà anche un'occasione di dialogo fra le nuove e le vecchie generazioni di albanesi residenti a Ravenna. Al termine avverrà la consegna della raccolta fondi in favore della Fondazione Bambini in Bisogno in Albania.

Concorso giornalistico Italia in Albania



In occasione del 20° anniversario della Cooperazione italiana in Albania
l’ambasciata d’Italia a Tirana, in collaborazione con numerosi soggetti istituzionali e privati del ”Sistema Italia” e con numerose istituzioni pubbliche e private albanesi, ha voluto promuovere la realizzazione di una stagione di eventi sotto il nome di ”Italia e Albania 2010 - Due popoli, Un mare, Un’amicizia.

Infatti Dal 12 aprile a 9 maggio, il museo di Storia nazionale (Ore: 10.00 - 20.00 , Entrata libera)
ospiterà una serie di iniziative dedicate a garantire la giusta visibilità al rapporto di collaborazione consolidato tra i due Paesi nel settore dell’aiuto allo sviluppo e al contempo avvicinare la popolazione, in particolare i giovani, ai risultati concretamente raggiunti dai tanti progetti realizzati. Il programma della manifestazione comprende l’organizzazione di conferenze, di una mostra fotografica, di una rassegna cinematografica e di un concorso giornalistico.

Per quanto riguarda il concorso giornalistico, infine, La Cooperazione italiana ha indetto un evento dal titolo “Comunicare la Cooperazione allo sviluppo: la presenza italiana in Albania”.


Il concorso giornalistico si rivolge alla cittadinanza albanese, in particolare giovani ed esponenti del mondo della stampa e della televisione, con l'intento di stimolare un dibattito in seno all'opinione pubblica sul contributo effettivo apportato dalle attività della Cooperazione Italiana allo Sviluppo in Albania.

Ci saranno quindi 2 vincitori uno per il miglior articolo e uno per il miglior filmato.


I titoli :
  • Miglior articolo. Titolo: Comunicare la Cooperazione allo Sviluppo: la Presenza Italiana in Albania
  • Miglior filmato. Titolo: Programmi e Progetti della Cooperazione Italiana in Albania


troverete tutto il materiale da guida e da compilare su www.italcoopalbania.org

Nermin Vlora Falaschi ,la donna che capi la lingua etrusca.




Nermin Vlora Falaschi (1921-2004)


Nermin Vlora – Falaschi nata a Tirana nel 1921 dove studio nella sua infanzia nella scuola MOtrata Qiriazi.
Nella giovane età ossia a 17 anni conobbe in Albania Enzo Falaschi un generale con il quale si sposo e si trasferi poco dopo in Italia.


Nermie Vlora in Italia iniziò a lavorare nelle traduzioni e inizio a tradurre da diverse lingue in lingua albanese ,lavorò anche per Radio Tirana.

Si laureò in Scenze politiche dove le permise di acquisire piu conoscenze della sua vita.


Nermin parlava diverse lingue , la conoscenza delle lingue la portò a confrontare la lingua etrusca con quella albanese
Fece l'intrepretazione della stele in pietra "Cippo di Perugia".



Scrisse alcuni libri e tra i quali in piu importante "L'Etrusco Lingua Viva"

Sostiene che gli etruschi di cui non si conosce la terra di provenienza altro non erano che pelasgi, ed essendo i pelasgi ascendenti degli illiri che a loro volta erano albanesi, ne deduce che gli etruschi erano semplicemente albanesi.

Morì nel 2004 lasciando dietro una grande ricchezza.

La lingua Etrusca(2 parole)


L'etrusco fu una lingua parlata e scritta in diverse zone d'Italia e precisamente nell'antica regione dell'Etruria (odierne Toscana, Umbria occidentale e Lazio settentrionale), nella pianura padana (attuali Lombardia e Emilia-Romagna), dove gli Etruschi furono espulsi successivamente dai Galli, e nella pianura campana, dove furono poi assorbiti dai Sanniti. Tuttavia, il latino sostituì completamente l'etrusco, lasciando solo alcuni documenti e molti prestiti linguistici nel latino (come ad esempio persona dall'etrusco φersu), e numerosi nomi di luoghi (come Tarquinia, Volterra, Perugia, Mantova, forse Parma, e un po' tutti i toponimi che finiscono in "-ena" come Cesena, Bolsena, ecc.). Altri esempi di termini di probabile origine etrusca sono: atrium, fullo, histrio, lanista, miles, mundus, populus, radius, subulo. La lingua etrusca risulta attestata tra il IX e il III secolo a.C.


leggete anche questi post

La lingua etrusca e la lingua albanese

Pelasgo , Etrusco e Albanese

Gli albanesi sono gli unici membri autentici della famiglia dei Pelasgi

Anche in Romania si trovano iscrizioni pelasgiche, anch’esse comprensibili solo attraverso l’albanese, poiché i Traci antichi abitanti di quella terra costituivano una delle grandi tribù pelasgiche.

La parola BALL ( fronte in albanese) è molto comune in Romania e si presenta composta in varie forme, come per esempio in BALCRAS = confrontare (in albanese ballakrahas), BALLAS = di fronte. Ma la parola con BALL che interessa di più questo studio è BALUS, a causa del termine LUS, prego, che abbiamo visto in parecchie iscrizioni in Italia. Il significato di BALL-LUS è prego “di fronte (a…)”.

Nella tomba Vend-Kahrun di Tarquinia, la parola LUS è espressa sia sotto forma di FE-LUS = con fede prego, sia come Ke-Lus = hai (la nostra) preghiera.

Non risulta che siano state trovate in Romania iscrizioni traciche abbastanza lunghe, anzi spesso sono soltanto dei toponimi, oppure comprendono appena due parole. Di queste merita citarne due, per noi interessanti perché si sono incontrate sulla Stele di Lemno: ZA-ka = VOCE (FAMA) ha, e ZER-ula = AFFERRATO dal basso.

Da questa panoramica si è potuto constatare che in una vasta area del Mediterraneo, e anche nel retroterra, si parlava la stessa lingua.

Nella grandiosa opera del prof. Skënder Rizaj dell’Università del Kosovo, a Prishtina intitolata “Il ruolo dei Pelasgo-Iliri-Albanesi nella Creazione delle Nazioni e delle Culture” si trovano esaurienti e particolareggiate notizie sui Pelasgi, con citazione dell’esatta fonte di ogni informazione. Oltre che nel ex Jugoslavia Rizaj ha effettuate le sue ricerche anche in Asia Minore, e grazie alla sua perfetta conoscenza della lingua albanese, del turco, e delle lingue slave ha potuto realizzare un’opera originale e di grande valore.

Non è il caso di addentrarci nei dettagli di questo minuzioso lavoro di oltre 500 pagine, ma è lecito sperare che venga presto tradotto anche in italiano. Comunque per lo spirito del nostro studio conviene richiamare almeno un paio di riferimenti citati da Rizaj.

Egli fa sapere che lo storico turco Sulejman Kulça sostiene che nel mondo attuale gli albanesi sono rimasti gli unici membri autentici della famiglia dei Pelasgi. Rizaj riferisce inoltre che l’ilirologo jugoslavo Alexander Sticeviç è categorico nell’affermare che gli esperti che vogliono essere precisi nello studio degli Iliri devono necessariamente conoscere la lingua albanese. Egli sostiene che gli Iliri non appartengono solamente al passato, perché nei Balcani l’elemento ilirico è ancora vivo. “Quindi egli aggiunge è impossibile scrivere la storia delle popolazioni dei Balcani senza conoscere a fondo il substrato culturale ilirico”.

Ed è precisamente per questa ragione che gli Iliri rappresentano ancora oggi un tema di attualità per l’intera Europa.

Sappiamo che Erodoto ha scritto di aver scoperto vestigia dei Pelasgo-Iliri a Dodona e che la gente dell’ Epiro, come pure di Corinto e del Peleponeso parlava una lingua da lui sconosciuta. Del resto non pochi autori affermano che i Dori erano una tribù ilirica ellenizzata (DOR in albanese significa mano).

Tucidide a proposito dei Dori ci informa che ottimi navigatori, si erano spinti verso nord e in altre direzioni contribuendo in modo significativo a plasmare la cultura nel mondo.

Dopo approfondire ricerche, lo studioso Hans Krahe conclude:

“Un numero rilevante di parole del dialetto dorico è incomprensibile con il greco, mentre si spiega con le leggi linguistiche dell’ilirico”.

L’austriaco von Hahn, che per parecchi anni fu console a Janina, si interessò vivamente ai ricchi reperti archeologici dell’Albania, nonché alla lingua e alle tradizioni. Dopo aver visitato le varie regioni e imparato i dialetti albanesi, nel 1854 pubblicò a Vienna un interessante libro, “Albanische studien” dove fra l’altro afferma:

“Gli Albanesi sono autoctoni perché discendono direttamente dagli Iliri, come del resto anche le popolazioni della Macedonia e dell’Epiro, tutte derivanti dai preistorici Pelasgi”.

L. Benlöw, nella sua opera “La Grèce avant les Grecs” pubblicata a Parigi 1877, scrive:

“Una sola lingua è stata finora in grado di gettare luce sui nomi di questi luoghi, e questa è l’albanese”.

Norbert Jokl, nel suo libro del 1924 “Reallexikon der Vorgeschichte” estende le sue considerazioni sugli Iliri anche ai Traci:

“Comunque sia, osserviamo che le eredità linguistiche provenienti dalle lingue antiche dei Balcani, come quella degli Iliri e dei Traci, sono strettamente collegate alla lingua albanese”.

Per terminare la citazione degli studiosi, alcuni fra i tanti che si sono interessati al problema pelasgico-ilirico-etrusco, non si può fare a meno di ricordare tre fra i più autorevoli ricercatori italiani in questo campo: Ribezzo, che riconosce notevoli concordanze tra onomastici venetici, japigi, ilirici, e albanesi; Lattes, che afferma non esservi alcuna ragione per non ammettere un’origine ilirica delle popolazioni italiche; Trombetti, infine conferma che tribù iliriche si sono sparse lungo tutta la Penisola italica, dal Veneto alla Puglia, alla Calabria.

Oltre la testimonianza di così eminenti studiosi, come quelli citati, vi sono anche le attestazioni archeologiche a confermare l’affinità non solo linguistica, ma anche delle idee creative, attraverso monumenti, monete, sculture, comportamenti sociali tra i Toschi (Tusci) dell’Etruria e quelli dell’Albania meridionale. A questo proposito non è forse inutile rammentare che ancora oggi gli albanesi del nord si chiamano Gheghi e quelli del sud Toschi. Il territorio abitato dai Gheghi e dai Toschi era l’Iliria meridionale.

Tratto dal libro L’etrusco lingua viva dell’autrice Nermin Vlora Falaschi

fonte : http://eltonvarfi.blogspot.com/

Buona Pasqua - Gezuar pashket

Gezuar Pashket te gjithe besimtareve
Buona Pasqua a tutti i credenti


Ricevi i nostri articoli via email


Inserisci la tua email:

By FeedBurner

Commenti recenti