CNN mette l'Albania nella lista delle migliori destinazioni del 2011



L'Albania occupa il sesto posto su 9 paesi sulla lista della Cnn per le milgiori destinazioni delle vacanze 2011

In questo articolo della CNN si legge che l'Albania può essere una sorpresa per molti turisti," l'Albania offre ai viaggiatori un assaggio del Mediterraneo senza affollamento e prezzi non molto elevati".

CNN afferma che la destinazione reale è la città di Girokastra, il cui centro è sotto la protezione dell'UNESCO come patrimonio mondiale. Gjirokastra è descritta come una città con edifici antichi, e un luogo con molti aftmosferë e la storia.

Con spiagge pittoresche, il buon cibo e un gran numero di paesi antichissimi, l'Albania sarà meta preferita per lungo periodo. secondo le stime della CNN.

In cima alla lista della CNN risulta New York, seguita dalla Nuova Zelanda - e per poi arrivare allsesto posto occupata dall'Albania seguita al setimo posto il Giappone.
La lista delle CNN arriva a due mesi di distanza dalla pubblicazione della Lonely Planet che metteva l'Albania prima nelle destinazioni del 2011.

Il Cannolo piu' lungo del mondo

Il Cannolo piu' lungo del mondo

Piana degli Albanesi (Pa) - Record del Mondo - Prodotto il Cannolo piu' lungo del mondo

Pollo alle noci - la ricetta

Pule me arra - pollo alle noci
Pollo condito con una salsa a base di aglio e noci.

Ingredienti
500 g di pollo
3-4 cucchiai di burro
½ tazza da the di noci sbucciate
5-6 spicchi d’aglio schiacciati
1-2 cucchiai di farina
2 cucchiai di aceto
5-6 cucchiai di acqua
sale e pepe.

Preparazione:
Fare sobbollire il pollo in acqua e sale fino a che diventa tenero, quindi per circa 1 ora. Rimuovere il pollo dall’acqua di cottura di cui va conservata 1 tazza. Lasciare raffreddare il pollo leggermente, quindi tagliarlo in 4 porzioni.
Sciogliere 2 cucchiai di burro in una ampia padella. Aggiungervi i pezzi di pollo e saltarli fino a che siano leggermente dorati. Rimuovere i pezzi di pollo dalla padella e tenerli in caldo.
Fare sciogliere il burro rimanente in una casseruola, aggiungervi la farina e lasciare cuocere, mescolando costantemente, fino a che il composto si è imbrunito.
Aggiungere il brodo e portare ad ebollizione continuando a mescolare per evitare che si formino dei grumi. Aggiungere l’aceto, l’aglio, le noci, il sale e il pepe a piacere. Mescolare e lasciare cuocere fino a che sia pronto. Disporre il pollo nei piatti e versare su ciascun piatto la salsa.

Natale in Albania - Gëzuar Krishtlindjen

Gëzuar Krishtlindjen

KOMUNIKATE PER TE GJITHE SHQIPTARET!!!

Te gjithe shqiptaret kane bere progrese te medha ne vitet e fundit por duhet te vazhdojen misionin e tyre per te patur te drejta ne kete Evrope sepse urrejta ndaj shqiptarve mundet te trasformohet ne nje tragjedi.



KOMUNIKATE PER TE GJITHE SHQIPTARET!!! TE MOS LEJOJME QE NJE I PAFAJSHEM SHQIPTAR TE QENDROJE AKOMA NE BURG

Te mbash nje te pafajshem ne burg per hire te karrieres se ndonje prokuroreje te paafte, karieriste dhe raxiste eshte nje krim .

Te mbeshtesesh nje person qe ben krim me apo pa dashje s'mund ti vendosesh emer tjeter vecse ate te bashkepunetorit me kriminelin.

Te lejosh shkaterimin moral material dhe shpirteror te nje familjeje dhe mbajtjen ne burg te nje njeriu te pafajshem ne nje vend demokratik do te thote te vrasesh demokracine.

Shqiptaret qe kane dale ne protesta ne mbrojtje te zotit Nexhip Qepi s'do te lejojne kurre dhe ne asnje menyre qe kunder zotit NEXHIP QEPI dhe familjes se tij te kryhen akte te tilla akte kriminale.

Shqiptaret nuk do te lejojne te derdhet gjak shqiptari ashtu si ndodhi dy vjet me pare me nje familje shqiptare ne gjykaten e Reggio Emilies qe per faj te asistences sociale, trupit te akuzes dhe gjykates qe ne vend te conte familjen drejt bashkimit dhe dashurise, percolli drejt vdekjes se sigurte tre persona duke shkateruar dy familje njeheresh.

Gocat e zotit Nexhip Qepi bertasin me zerin qe shkon deri ne qiell, duam babane tone dhe jo asistencen sociale.

Asistenca sociale nga ana e saj kerkon qe femijet te akuzojne babane e tyre ate qe i rriti me dashuri dhe edukate .

Akte te tilla vrasin jete njerzish dhe humbin besimin ne emrim e mire qe ka demokracia italiane.

Shoqata "Shqiponja"E Reggio Emilies "Iliria" Rome dhe " 28 Nentori" Vareze do te demaskojne pa meshire te gjitha keto akte kriminale qe s'kane emer tjeter dhe do te deklaroje me emra te gjithe ata persona qe bejne keto presione kunder femijeve dhe do ti denoncoje publikisht ne protesta dhe shtyp dhe denoncojme ligjerisht ligjerisht .

Per kete kemi qene dhe do te jemi te vendosur deri ne fund.

Do te publikojme edhe nderyrje te punonjesve te policise se shtetit qe per tu bere qejfin "padroneve te felliqur hyjne pa akt te prokurorise ne shtepite e qytetareve per ti rrahur dhe dhunuar ata.

Keshtu ka ndodhur edhe me qytetarin shqiptar zotin Besnik Dervishaj.

Pas denoncimit te bere ne karabinieri kunder ketyre dy pynonjesve kriminele te veshur me rrobat e ligjit dhe te tipit mafioz ishte prokuroria ajo dhe gjykata qe e mbylli ceshtjen pa dijenine e personit qe beri akuzen i perfaqesuar nga avokate qe kane frike nga ligji dhe perse ??????

Sepse akuza kunder policise sipas ketyre "filozofeve" ul autoritetin e shtetit, pa ditur dhe pa kuptuar se besimi ndaj organeve te ligjit dhe shtetit humbet kur fshihet e verteta dhe mbrohen kriminelet.

Vidhtn parate ne shtepine e qytetarit shqiptar Themi Prifti , plot 8000.00 euro gjaku i nje viti te tere pune burre dhe grua.

Shkon ne polici dhe karabinieri per te denoncuar dhe pergjigjae tyre e dini cila ishte te nderuar lexues?????

Jo vetem qe nuk erdhen te hetojne per ngjarjen por i thane te dyja palet te njejten fjale.....PERSE MBAN PARA NE SHTEPI?

I vjedhin 40 euro nje qytetareje italiane TE MOSHUAR QE ESHTE PER TE ARDHUR KEQ, nga nje i refugjat, policia JO VETEM QE E GJETI MENJEHERE por sipas shtypit rrezikonte nga 4 deri ne 7 vjet.

Te dashur lexues dua nje pergjigje prej jush nese keni kurajo vertete qytetare dhe demokratike::::

Keto veprime jane akte raciste te mbeshtetura nga persona te mbuluar ma pushtet apo jo?

A mund te lejojme qe zoti qepi te kalbet ne burg pa bere asnje faj?

Sigurisht qe jo.

Protestat tona do te drejtohen para prokurorise dhe para burgut ku mbahet i pafajshmi nexhi qepi deri sa zoti nexhip te kthehet prane familjes dhe te pergjigjen para ligjit kush e krijoj kete padrejtesi.

Ashpersise do ti pergjigjemi me ashpersi ne qoftese drejtesia nuk vihet ne vend.


fanti : da profili facebook.

Gerry Scotti in Albania


Gerry Scotti ospite del nuovo programma televisivo in albania a Chi vuol essere milionario albanese ossia (Kush do të bëhet Milioner?) condotto da Agron LLakaj . Agron Llakaj è un comico e presentatore albanese . Alla partenza del nuovo programma ha voluto ospitare Gery Scotti.
Altri presetantori italiani che sono stati in Albania di recente :Bruno Vespa (2 volte), Pippo Baudo, Fabrizio Corona ,Luciano Benetton ,Enrico Mentana e tanti altri.

Un regalo di fine anno? Regalatevi "Viaggio in Arberia" !!


Se devi fare un regalo oppure se devi farti un regalo per le feste di natale regalati una guida indimenticabile "Viaggio in Arberia" una guida di 328 pagine tutte a colori con centinaia di foto + dvd.

Per avere questa bellissima guida
www.viaggioinarberia.altervista.org
celestinomargherita@libero.it








Una prima parte generale presenta l’Arbëria in ogni suo aspetto: storico, culturale, religioso, artistico, gastronomico, ecc.

17 Itinerari turistici che vanno da Palermo a Pescara comprendenti tutti i paesi arbëreshë d’Italia.

Ogni itinerario raggruppa paesi arbëreshë vicini fra di loro e conduce piacevolmente attraverso la loro conoscenza .
Per ogni itinerario viene fornita una scheda di consultazione semplificata con le notizie inerenti i posti d’interesse artistico e monumentale di ogni paese e, inoltre, una proposta di percorso ecologico.

I paesi vengono presentati singolarmente; per ognuno di essi si fornisce una scheda iniziale con i riferimenti storici (anno del censimento di riferimento, numero dei fuochi, numero di famiglie, nomi delle prime famiglie, uomini illustri ecc), e le notizie attuali più utili (superficie, abitanti, rito religioso professato, lingua parlata, feste religiose, feste folkloristiche, prodotti tipici, attività preminenti, numeri telefonici, ecc).

Ad ogni paese vien, inoltre data la massima visibilità (dalle tre alle sei pagine) attraverso una presentazione semplice e distensiva e poi...tante foto a colori.


Alla fine del libro un’appendice curata dal Dott. Francesco Bruno, Consulente aziendale, presenta numerose tabelle che forniscono dati interessanti sulle popolazioni coinvolte: sesso, età media, ecc.


La veste grafica, ideata e curata dalla stessa autrice, è concepita per rendere facilmente fruibili gli itinerari: Ad ogni Regione è, infatti, attribuito un colore il quale fa anche da sfondo a tutte le pagine dei rispettivi itinerari.

visita il sito www.viaggioinarberia.altervista.org

Antoniette Nikprelaj un'altra albanese all'Hollywood

Antonieta Nikprelaj(Antoniette Nikprelaj),è un attrice holiwoodiana 24 anne molto conosciuta non solo per la sua bellezza ma anche per la sua bravura. Molto richiesta da diversi registi di Hollywood. Con la sua bellezza mozzafiato e mediterranea è la nuaova sirena nel film "Pirati dei Caraibi 4: Oltre i Confini del Mare " con questo ruolo speciale della sirena del maresfida il personaggio principale di questo film, il capitano Jack Sparrow interpretato da Johnny Depp.






O mirë se na erdhe - Benvenuto

O mirë se na erdhe - Benvenuto

Erdha nga qyteti, ne fshat te jetoj
vellezer e ju motera me ju te punoj
O mire se na erdhe o mire se ju gjeta
ketu midis malesh ka lulezuar jeta
O lunga vita fratello mio! Gjithmone jemi bashk me ju!
Te gjithe jemi Arberesh!



Dhëndurët e Arbërit - Një ditë u ndodha (musica Arbereshe)

Kenge Arbereshe

Albanese alla guida del consiglio comunale di Lohfelden (Germania)

Il 46 -enne albanese Fatmir Alili, emigrato in Germania, è entrato sempre di più nel cuore dei tedeschi. Alla riunione del consiglio comunale della città Lohfelden in Germania, è stato eletto alla presidenza di questo Consiglio. Secondo il portale web "XXL Nachrichten", ha sostituito Jose-Marie Kuhn. Fatmir Alili, tra le altre cose, si è impegnato a rafforzare la cooperazione tra stranieri e tedeschi per il bene della Germania e per il bene dei tedeschi e degli immigrati che sono diventati tedeschi.La sua priorità sarebbe quella di collaborare con le scuole locali.

La muraglia piu' antica del mondo nella terra dei Pelasgi


La muraglia piu' antica del mondo nella terra dei Pelasgi
Secondo studiosi di albanologia tutta l'area balcanica e compresa la Grecia Odierna sono state terra dei pelasgi . I discendenti degli Pelasgi furono gli illiri e poi gli albanesi.


Una muraglia di 23.000 anni fa, la piu' antica del mondo, e' stata scoperta nell'attuale Grecia: secondo gli archeologi, sarebbe stata costruita durante il Paleolitico per difendersi dall'intenso freddo. I resti del muro in pietra sono stati ritrovati all'ingresso della grotta Teopetra.

Si tratta della muraglia piu' antica mai rinvenuta .La muraglia misura 24 per 30 metri con un ingresso a forma ovale.
Durante gli scavi e le ricerche nella grotta Teopetra, l'equipe diretta da Kiparisi ha rinvenuto anche numerosi semi di mais e fagioli. Sulla base di questa scoperta, gli archeologi greci hanno ipotizzato che oltre 20.000 anni fa l'uomo locale sapesse gia' coltivare la terra.

sulla scoperta della muraglia trovate anche un articolo qui
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cultura/?id=3.1.166591637

Intanto molti studiosi di storia rimangono sconvolti dalle affermazioni di storici greci i quali ritengono che la lingua parlata ad atene fino al 1800 era la lingua albanese.

Ma da chi era composta questa maggioranza non greca che spesso passava inosservata agli stessi occidentali che avrebbero fatto della Grecia uno stato?

George Finlay, uno degli storici più devoti tra i filo-ellenici, tanto da partecipare con le armi alla rivoluzione Greca del 1821, ci dà una panoramica degli Albanesi abitanti in quel luogo che più tardi venne chiamato Grecia: Maratona, Platea, Leuctra, Salamina, Mantinea, Ira e Olimpia, sono ora popolate dagli Albanesi e non dai Greci. Addirittura, nelle strade di Atene, che per di più di un quarto di secolo è stata la capitale del regno Greco, la lingua albanese si sente ancora parlare fra i bambini che giocano per strada vicino al tempio di Teseo (Storia della rivoluzione greca 1861).

Anche il francese Pouqueville mette in risalto i “colori” albanesi della maggioranza della popolazione nelle più grandi città della Grecia di quel tempo. Edmond About nel 1855 scrive: Atene venticinque anni fa era soltanto un villaggio albanese. Gli Albanesi costituivano ed ancora costituiscono quasi tutta la popolazione dell’Attica; e dentro le tre categorie del capoluogo si trovano paesi dove la lingua greca non viene capita.

Elfiso, quasi a meta strada tra Megara e Atene, è un povero villaggio albanese… scrive Henry A. Dearborn nel 1819. In poche parole, stando alle descrizioni di G. Finlay e di altri autori, gli Albanesi popolavano tutta l’Attica e la Messenia, la maggior parte della Beozia, tutta l’isola di Salamina, Corinto, l’Argolide e altre regioni interne della Morea (Peloponneso).

Mamma albanese salvò i suoi 3 figli , ma perde la vita

Albanese sfido' le fiamme per portare fuori i suoi bambini.

Il 9 novembre una mamma albanese, Blerina Meco , residente in Sicilia a Licodia Eubea(Catania) si è trovava in casa circondata dalle fiamme. Assiema a lei c'erano i suoi 3 figli . Con tanto coraggio sfidando il fuoco la mamma albanese di 37 anni salvò i suoi bambini portandoli fuori dall'abitazione in fiamme.
Suo marito al momento dell'accaduto era al lavoro.





Le ustioni al corpo erano profonde e dopo aver lottato un mese oggi la "Mamma coraggiosa" è' morta nel centro grandi ustionati dell'ospedale Cannizzaro di Catania.La mamma coraggio salvò i suoi tre figli: una ragazza disabile di 12 anni, un bambino di 5 anni e una neonata di 20 giorni.
La mamma ha salvato prima i figli piu grandi e in seguito ha salvato il neonato.

Una storia dolorosa .

Ciao "mamma coraggio" !!!

2 adolescenti albanesi scrivono al presidente Napolitano


Caro presidente!
Siamo due sorelle, che viviamo da molti anni in Italia insieme con la nostra famiglia. In questa lettera LE vogliamo raccontare la nostra storia o meglio “la tragedia della nostra famiglia. Verso la fine di giugno nell’ asil...o del nostro fratello durante una feste, mentre i bambini si raccontavano gli scherzi che facevano con i genitori, anche il nostro fratello ha raccontato uno scherzo, che subito dopo è stato provocato dalle maestre con un cucchiaio. Dopo questa provocazione hanno denunciato nostro padre con la grave accusa di pedofilia, senza prima chiarire con i nostri genitori lo scherzo che aveva raccontato nostro fratello. Con questa denuncia sono state installate in casa nostra due microspie con audio e filmati, una in camera dei nostri genitori dentro la t.v. ed una nel bagno sotto la doccia, che riprendeva tutto il bagno. Non eravamo controllati solo dentro casa, ma anche fuori con una telecamera di fronte al palazzo. Dopo une mese di indagini, il 03 agosto, un giorno come tanti altri il nostro padre, si era alzato alle quattro del mattino per andare al lavoro. Finito il lavoro, mentre scendeva dall’ auto del datore di lavoro, viene subito arrestato , come se non gli bastasse la stanchezza della giornata in mezzo a tutto quel caldo e senza aver mangiato. E’ da quattro mesi e mezzo, che nostro padre si trova in carcere per tre sequenze di un totale di 20 secondi , che ha coccolato suo figlio ; in queste riprese è stato tolto volutamente l’ audio.
Una grande vergogna signor Presidente, pensare di essere viste un mese intero dalle telecamere, soprattutto in bagno ; cosa possiamo dire?! Noi due che ci hanno visto della nostra vita privata?! Questa è una ingiustizia; condannare un padre per aver mostrato affetto al proprio figlio. Noi conosciamo meglio di tutti il nostro padre, un padre che ha sacrificato tutta la sua vita a farci crescere nel migliore dei modi senza mai farci mancare niente. Se nostro padre non fosse stato un bravo padre, saremmo state noi le prime a denunciarlo.
Dal 03 agosto non vediamo nostro papa’ ; non sappiamo piu’ sorridere, ma piangiamo circondate dal dolore, con la speranza che aprendo la porta di casa rivediamo nostro padre che ci riporti felicita’ di nuovo nei nostri cuori. Perché non si è felici mettersi a tavola con le lacrime agli occhi e vedere quella sedia vuota e spiegare al nostro fratello, ad un bambino cosi’ piccolo per dove si trovi suo padre; chiede sempre, ogni secondo che passa , dove si trova, perche’ non torna a casa, gli telefona, ma il cellulare risulta spento, aspetta di festeggiare il natale con lui, che gli manca molto,dorme con la sua maglia e la sua foto, noi gli abbiamo detto che è al lavoro, ma che lavora molto lontano. Come se il dolore non bastasse, ci obbligano a parlare con i psicologi, ma noi non abbiamo bisogno di psicologi, ma del nostro caro papa’. Non riusciamo a capire come possa confrontarsi un bambino di soli quattro anni davanti ad un giudice. E’ da quattro mesi e mezzo che cerchiamo giustizia, ma giustizia non cè. Soprattutto quando anche il Tribunale di Riesame di Bologna ha annullato i filmati come illegittimi. Perche’ signor Presidente, nostro padre resta ancora in carcere?! Ogni giorno che passa la signora Maria Rita Pantani inventa cose assurde, per quale motivo?! Per sotterrare una famiglia distrutta, perche’ è questa che vuole. Ma noi non ci fermeremo e daremo la vita per nostro padre. Scrivendo a Lei questa lettera signor Presidente,
CHIEDIAMO LA SCARCERAZIONE IMMEDIATA, PERCHE’ NOSTRO PADRE E’ INNOCENTE, CI MANCA TANTO ; LE FESTE SI STANNO AVVICINANDO E NOI VORREMMO FESTEGGIARE CON LUI COME TUTTE LE ALTRE FAMIGLIE CON UNA GRANDE FELICITA’ CHE E’ QUELLA CHE CI MANCA. LA FIDUCIA E LA SPERANZA E’ RIMASTA SOLO IN LEI, PERCHE’ NON VEDIAMO NOSTRO PADRE DA PIU’ DI QUATTRO MESI.
Speriamo in una risposta il piu’ presto possibile da parte SUA per giustizia ad una famiglia ed una verita’ che fin ora sono state nascoste. Speriamo, che questa lettera finisca nelle SUE mani. Con grande rispetto.

Cordiali saluti dalle sorelle : PAVLINA (17 anni) e REDIONA (15 anni) . Reggio Emilia, 17.12.2010.
fonte http://made-in-albania.blogspot.com/2010/12/albanesi-scrivono-al-capo-dello-stato.html

Gli albanesi scrivono a Napolitano


Intanto, non si placa la protesta della comunità albanese per il connazionale in carcere perché accusato di pedofilia nei confronti del figlio. L’associazione Iliria ha scritto una lettera a presidente della Repubblica, Ministro della Giustizia e presidente del Tribunale. «La nostra posizione sull’innocenza del nostro connazionale rimane inviariata e continueremo a chiedere giustizia. La situazione psicologica della moglie e dei tre figli si è aggravata. Si chiede di attivare meccanismi nel pieno rispetto della legge per unire il padre alla famiglia per le feste nella convinzione assoluta che nessuno di noi vuole difendere uno che abusa dei suoi figli». Ieri a Roma c’è stata una nuova manifestazione. La comunità annuncia che la vigilia di Natale farà volantinaggio sotto all’albero di piazza Prampolini e pensa di occupare pacificamente l’ambascata albanese.

Proteste davanti all'ambasciata italiana a Tirana - Nexhip Qepi è vittima di razzismo


Le associazioni albanesi in Italia si sono recate a Tirana davanti all'ambasciata italiana per unirsi alle proteste organizzate dalle altre associazioni albanesi a Tirana per chiedere la liberazione di Nexhip Qepi , finito in carcere il 3 agosto 2010 a Reggio Emilia . Gli albanesi in Italia e Albania dopo aver visionato i filmati fatti dai carabinieri di Reggio Emilia non hanno dubbi "su quei filmati non c'è nessun reato" tra l'altro - sottolineano - che i filmati fatti dai Carabinieri dentro l'abitazione di Nexhip Qepi sono illeciti e anche secondo il Tribunale di Bologna sono stati compiuti gravi illeciti che vanno contro il codice penale della Repubblica Italiana , mettere le telecamere per 2 mesi nella casa di Nexhip Qepi.


Video Proteste a Tirana davanti all'ambasciata italiana.




http://made-in-albania.blogspot.com/

Confronto ebraico - albanese

La maggior parte degli studiosi non mettono in dubbio che l’ebraico sia la lingua più antica. Inoltre si sa dalla storia sacra che prima della costruzione della Torre di Babele tutti gli uomini parlavano una stessa lingua, e che poi, dopo la confusione, si crearono vari e diversi linguaggi: molti ve ne sono affini all’ebraico, e specialmente quelli di Nazioni più vicine a Babilonia, da cui derivarono tutti gl’idiomi. Tali sono la lingua caldaica, l’arabica, la siriaca e l’etiopica. L’albanese, paragonato nella sua purezza all’ebraico, assomiglia talmente al caldaico che le parole sul muro contro Baldassarre re dei Caldei, ed interpretate da Daniele: “farsin u techel mene mene”, suonano come fossero albanesi, e quelle che più si avvicinano nel senso sono: manë manë = misurarono, misurarono, ti chel = tu porti, fare = niente. Ed in effetti si potrebbe credere che queste parole siano proprio albanesi, o dell’antichissima lingua dell’Epiro, che Daniele, unico esperto in quel linguaggio, interpretò, mentre i Savi del Regno caldaico non poterono intenderlo affatto.

Ma per far vedere più dettagliatamente il genio di questa lingua originaria dell’Epiro, corta, monosillabica e vibrata in modo tale che pare esprima solo suoni piuttosto che parole, mi piace di aggiungere qui poche righe di traduzione dell’inizio del cap. 3° del Cantico dei Cantici, là dove la sposa si lagna, perché passò la notte cercando l’oggetto dei suoi amori e non lo trovò. Intendo fare questo raffronto perché, siccome la lingua ebraica esprime concetti complessi con poche parole, meglio e più chiaramente si veda come la lingua albanese, emulando l’ebraico anche se in poche voci, forse addirittura con meno termini dell’ebraico riesce ad esprimere un maggior numero di concetti, tanto che potremmo metterla nel novero delle lingue naturali.

Bikascti balleloth miscchabi Hal

Bikascthiu: naphsci sceaaba eth

Na akuma: metzathiu lo ve

…. bahir asobeba va

Me strat tim në nat chercova atë

Ghi dò zëmëra ime: e chercova

as ghieta: ‘nciume nanì ‘mbë kambë,

e vete për në Giutet et ce.

Se qualcuno volesse prendersi la pena di contare le sillabe dell’una e dell’altra scrittura, ne troverebbe meno nell’albanese, che nella ebraica, calcolando nella prima le mute. Ma per mostrare ancora di più l’indole primordiale della lingua di cui trattiamo, ottimo consiglio mi sembra di proseguire il paragone con l’ebraica. Una lingua si può paragonare ad un’altra o nella concisione, o nel suono, o nelle parole stesse, o nella sintassi. Confrontando il suono delle vocali, sarà buona cosa esaminare le vocali dell’una e dell’altra lingua che abbiamo deciso di confrontare. Le vocali in sostanza sono cinque: a, e, i, o, u. ma siccome si possono pronunciare con un suono o largo o stretto e per di più sono soggette ad una tale gradazione che dal più stretto si passi al suono più largo, cosi, quantunque siano cinque, possono crescere a tante quante l’uso di un linguaggio avrà voluto. La lingua ebraica ha tredici vocali, vale a dire che le cinque vocali fondamentali diventano tredici a secondo del suono ora più largo, ed ora più stretto che s’impiega nel pronunziarle. E perché non si dica che la divisione delle vocali ebraiche in tredici sia un espediente masoretico, introdotto con la punteggiatura, faccio presente che i punti non furono altro che dei contrassegni, che mantenessero più distinto il suono delle vocali, il quale correva pericolo di perdersi, mentre la lingua cominciava a declinare. Da questo assunto possiamo concludere che le tredici vocali siano proprie della lingua ebraica e dire che gli Ebrei, tra strette, larghe, e larghissime, oltre alle mute, dividevano i cinque suoni della voce in tredici tra toni e semitoni, se mi è lecito usare tali vocaboli mutuati dalla musica. Nella lingua albanese le vocali variano in modo che, dalle cinque originarie, diventano molte di più a seconda dei suoni. Eccone gli esempi: in amë (madre) la a non è aperta, ma contiene un suono tra a ed e aemë,amë, ëme; in atà (quelli), le due a sono larghe; in baame (azioni) sono aperte, ma si avvicinano alla e muta; in ati ( padre), la a deve essere pronunziata rapidamente; in ar (oro) la a si dovrà pronunciare diversamente che in ar (noce), e in ar (lavoro, biada). Ar (oro) si pronunzia più rapidamente che ar (noce), in cui, al contrario, la a deve essere pronunciata prolungandola alquanto, raddoppiando la r, e in ar (biada) deve essere pronunziata quasi are.

E in e para, e mira (la prima, la buona) ha un suono naturale: in gurete (le pietre), si avvicina ad una lettera muta. In grue (donna), zonje (signora), somiglia quasi alla a; infatti alcuni pronunziano grua (donna), zonja (signora).

E di hem, come hem Pietri, hem Pali (e Pietro, e Paolo), è stretta.

I si pronunzia lunga come se fosse accentata in alcuni nomi di famiglie, come in Vladagni Zumi, e in sctpi che si dice anche scpì (casa).

I in ti (tu) è larghissima, tanto che, nella pronuncia di alcuni, sembra che suoni ijë, ti (tu). Lo stesso è in ieta (la vita) che si pronunzia anche jeta (la vita).

O in more è larga, come è in dò, particella disgiuntiva, do ti, do ai (o tu, o quello, vuoi tu, vuol quello). In croi (la fonte) ha un suono naturale, in jo (no), ha un suono largo.

U in u (io) è rapida, come in ju (voi): in u che serve per l’intransitivo, che si declina con le regole e coi tempi dal passivo, è vocale stretta, anzi strettissima, per esempio me u ‘mreculuem (meravigliarsi), me u dasciume (essere amato); e di fatto alcuni lo pronunziano come se fosse muta dicendo me të ‘mreculuem, me të dasciume. Alcune volte ha un suono naturale come Turk (Turco).

Tratto dal libro Memoria sulla lingua albanese dell’autore Giuseppe Crispi

fonte : http://eltonvarfi.blogspot.com/2010/08/confronto-ebraico-albanese.html

Voli da Pisa e Bergamo per Albania con Albanian Airlines


Nuovi voli per Pisa e Bergamo dall’Albania con la compagnia Albanian Airlines.

Dal 1° dicembre è operativo il collegamento Tirana - Pisa, operato 2 volte la settimana, con partenze da Pisa programmate alle 11:30 di lunedì e alle 11 di sabato.

Il collegamento con Orio al Serio sarà invece operativo dal 14 dicembre, questa volta con 3 voli settimanali, che partono dalla Lombardia alle 11:15 il lunedì e il giovedì, ed alle 21:45 il sabato.

www.albanianair.com

Himara una perla dell'Albania

Il nome Himare deriva da un animale mitologico che è stato ucciso da Velerefonti. In seguito il nome fu cambiato da Himera in Himare. Nel tardo bizantino suo nome era scritto in greco, dopo essere stato erroneamente considerata che l'etimologia del nome derivava dalla parola greca del "fiume".


L'espressione antica di Himara viene espressa nel suo antico castello dove si trovano elementi che dimostrano la sua antichità di 3000 anni . Himara faceva sivuramente parte delle Tribu illire. In alcune parti il muro è costruito da sassi giganti , questa parte del muro del castello è la piu antica.Questi muri di pietre giganti realizzati ed elaborati con particolare cura nella forma quadrangolare, appartengono al secondo millennio a C.
A Himara ci sono anche minoranze greche e quindi è usuale sentire parlare la lingua greca.

Himara è conosciuta in tutto il mondo per le sue spiagge bellissime.

Alluvione a Scutari - Una catastrofe naturale

In questi giorni il Nord dell'Albania e sopratutto a Scutari ci sono delle inondazioni a causa del maltempo in quanto per giorni ha piovuto ininterrotamente e intensamente.

Molti villaggi sono stati evacuati e il governo è stato costretto a dichiarare lo stato di calamità naturale e far avviare le evacuazioni.




In questo video ,girato dagli abitanti del posto ,si vedono le persone che sono cotrette a usare persino le barche per spostarsi, ma nonostante questa catastrofe la gente non perde il sorriso e la vita continua.
In alcuni punti della stranda possono circolare solo camion e fuoristrada .L'elettricità e l'acqua in molte parti e sopratutto nei villaggi sono interrote

Il reporter improvvisato mentre registra commenta incuriosito con gli altri compagni di come le vie di Scutari in questi giorni si siano trasformate come le vie di Venezia durante l'alta marea.

Aksinja Gioia una pianista da record

La pianista Aksinja Gioia Xhoja

Figlia d’Arte, "Enfant Prodige", esegue il suo primo concerto all'età di sei anni.

Ha suonato alla presenza di molti capi di stato quali : Krusciov, Mao Tse Tung, Ciu en Lai, Fidel Castro.

Diplomatasi al Conservatorio col massimo dei voti e laureatasi poi con la lode all'Accademia Superiore, ha partecipato a molti concorsi.

Un premio importante lo ha ottenuto con l'esecuzione del Concerto n° 1 per pianoforte ed orchestra di Tchaikovsky. Ha suonato con l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Tirana, Orchestra sinfonica della Radio Televisione albanese, Orchestra dell’Accademia delle belle Arti di Tirana, Orchestra sinfonica di Durazzo, Orchestra sinfonica di Girocastra.

Viene in Italia nel 1989 su espresso invito del M° Aldo Ciccolini, specializzandosi e presso L'Accademia Internazionale "Mugi" di Roma, L’accademia “Lorenzo Perosi” di Biella e con il M° Olivier Gordon dell’Accademia di Parigi.

Ha eseguito innumerevoli concerti in Italia in Francia in Inghilterra ecc. riscuotendo un enorme successo di critica e di pubblico sia in recital che con varie orchestre.

Ha suonato per la televisione tedesca WDR nello spettacolo di Albano e Romina Power.

Parallelamente, da oltre trent’anni svolge un intensa attività didattica. Attualmente risiede in Italia nella città Brindisi, ha suonato per le reti televisive: B.B.C., R.T.A, Z.D.F, RAI ecc.

Si è esibita in diversi concerti collaborando con l'Unicef, Caritas, Lions e Rotary in favore dei bambini del terzo mondo. E’ stata ospite su Rai International in occasione del "Telefood", organizzata dalla "FAO" in aiuto dei paesi in via di sviluppo.

Ha eseguito concerti presso le Ambasciate estere, fra cui l’Ambasciata Svizzera, Spagna e Turca in Roma alla presenza di esponenti diplomatici di molte nazioni e dell’imprenditoria internazionale.

Ha realizzato vari concerti per la “Diplomatia” e “Donne manager nel mondo”.

Ha suonato alla “West Minister Cathedral”, “St.James“, “St. Paul” e “St Martin in the Fields” in Londra, ed ancora nel Regno Unito alla Wells Cathedral, a Priory di Kent ecc. Ha eseguito tournee in Francia suonando a Angoulemme, a Ile D’Oleron ecc..

Al Todi Europa Festival ha eseguito un concerto nel teatro Concordia a Montecastello di Vibio (Perugia) dedicando a Madre Teresa una sua composizione “A flower of Albania”.

Dopo aver conseguito un enorme successo con il concerto N° 1 di Tchaicovsky con l’orchestra “The virtuosi of London” conduttore Sir. Anthony Goodchild, prosegue la tournee in varie città Europee.

Un video




il sito della pianista Aksinja Gioia www.aksinjagioia.it

Scutari emmergenza innondazioni come nel Veneto

E' emergenza inondazioni nel nord-ovest dell'Albania e principalmente a Scutari a causa del maltempo che si è abbattuto sul paese. La città di Scutari è circondata ormai dall'acqua che ha invaso anche alcuni quartieri. Interi villaggi sono allagati ed il governo è stato costretto a dichiarare lo stato di calamità naturale e far avviare le evacuazioni . La pioggia cade ininterrotta da ormai 10 giorni e dall'altra il deflusso d'acqua dalle tre centrali idriche che si trovano lungo il fiume Drini che attraversa la campagna di Scutari, hanno provocato il suo straripamento, allagando circa 10 mila ettari di terreni.
Le unità della protezione civile ,la polizia el'esercito si trovano nelle zone colpite.
Intanto Oggi il ministro italiano Giancarlo Galan si trova in Albania per una visita riguardante l'agricoltura.
Lo stesso ministro ha sottolineato - siamo vicini al popolo albanese colpito dalle alluvioni.

foto Ansa

Anna Oxa e le origini del padre a Kruja in Albania

Anna Oxa , la cantante pugliese rivive su Rai3 le origini del padre e racconta la sua nascita e infanzia a Bari.

Protagonista del servizio di chiusura di EstOvest andato in onda domenica 29 novembre su Rai3 , ha parlato con Vito Marinelli delle sue origini albanesi. Figlia di un profugo di Kruja, Anna ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza a Bari, dove il padre si era trasferito e aveva conosciuto la madre della popolare cantante.




Rai Est Ovest parla anche di Butrinto
A Butrinto si respira il passato. Fondata – secondo Virgilio – dai troiani in fuga, l’antica città illirica e poi romana, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità, oggi è il primo parco archeologico e ambientale dell’Albania. Le ultime scoperte a Butrinto, illustrate nel servizio di Pino Bruno, sono state presentate durante la 13^ edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum.


fonte delle immagini e testo http://estovest.blog.rai.it/

Una canzone famosa di Anna Oxa

Foto Albania al naturale

28 novembre festa indipendenza per l'Abania

Era il 28 novembre 1912 quanto a Valona, Ismail bej Vlora Kemali proclama l'Indipendenza dell'Albania dall'Impero Ottomano.
Uno degli albanesi dell'epoca era Madre Teresa la quale nel 1912 era una bimba di 2 anni.

Sono passati 98 anni e oggi gli albanesi festeggiano in tutto il mondo il 28 novembre "La festa della Bandiera"


Kledi Kadiu Vite da campioni

Vite da Campioni fa un tuffo nella danza dedicando questa puntata a Kledi Kadiu.
Vite da Campioni è una produzione di Retesole, a cura di Elisabetta Mazzeo. Riprese Cristian Mantio. Montaggio Luca Roveri.

Kledi Kadiu, nato a Tirana in Albania il 7 aprile 1974, è entrato giovanissimo all'Accademia Nazionale di Danza dove si è diplomato nel 1992. Nello stesso anno è entrato a far parte del Corpo di Ballo del Teatro dell'Opera di Tirana dove ha ricoperto, fin dall'inizio, ruoli solistici in balletti di repertorio quali "Giselle", "Lo Schiaccianoci", "Don Chisciotte", "Dafne e Chloe".

L'Italia

Nel 1993 si è trasferito in Italia per lavorare prima a Mantova e successivamente a Rovereto.
La prima esperienza televisiva arriva nel 1996 e dall'anno seguente Kledi è primo ballerino in programmi noti al grande pubblico quali "Buona Domenica", "C'è posta per te" ed "Amici".
Nel 2004 Kledi ha fondato la Kledi Dance.
Nel 2005 è arrivata anche la prima esperienza cinematografica con "Passo a due" (regia di Andrea Barzini e coreografie di Mauro Mosconi) a cui è seguito il film "La cura del gorilla" (regia di Carlo Sigon).
Nel 2006 Kledi è stato il protagonista della fiction di Rai1 "Ma chi l'avrebbe mai detto" (regia di Giuliana Gamba).
Nel 2006 è nata la sua compagnia "Free Dance Company" che ha presentato lo spettacolo "Cattivi Pensieri" con le coreografie di Veronica Peparini.
Nella stagione 2007-2009 è protagonista in "Giulietta e Romeo" di Fabrizio Monteverde con il Balletto di Roma.

Daily Mail : Albania la nuova stella dell'Adriatico per case

Il Daily Mail è un quotidiano britannico fondato nel 1896. È il secondo quotidiano più venduto dopo The Sun.

Daily Mail intitola cosi l'articolo sull'Albania

"Nuova stella dell'Adriatico: la costa incontaminata dell'Albania si apre ai turisti britannici per l'acquisto della casa"

Nel suo articolo dedicato all'Albania e all'attrazione turistica si racconta di agenzie immobilibari inglesi che vendono case a cittadini inglese i quali aproffittano del prezzo basso delle villette lungo la costa ionica fino a Saranda.

Tuttavia, la nazione balcanica ha nascosto qualche segreto, almeno non i suoi chilometri di bellissima costa adriatica e ionica, e un paesaggio di montagne svettanti.Ora il paese è in procinto di aprirsi agli investimenti esteri si scrive su Dailymail






l'articolo lo trovate qui :

www.dailymail.co.uk/property/article-1333254/The-Adriatics-new-star-Albanias-unheralded-coast-opening-tourists-British-home-buyers.html

Castello di Elbasan (Albania centrale)

fonte www.albaniaturismo.com

Il castello e le mura che circondano raccontano della grande importanza militare che la città aveva nel primo periodo ottomano. Il muro del recinto che si trova nella parte del sud del castello è ancora intatta , questo dimostra che nonostante secoli le mura di questo castello resistono.

La fortezza di Elbasan fu ricostruita nell'anno 1466 dal sultano ottomano , sulle rovine dell'antica città di Skampa, appartenenti al IV secolo d.C.

Il 1466 fu l'anno del secondo assedio di Kruje da parte di Maometto II il quale, non riuscendo a sconfiggere Scanderbeg e a conquistare l'inespugnabile fortezza di Kruje, decise di aspettare l'anno successivo. E la roccaforte di Elbasan fu costruita proprio in questo frangente come punto di appoggio per le truppe ottomane.


La sua lunga cinta muraria, che doveva difendere la città dalle invasioni barbariche, ha fatto di Elbasan la fortezza più grande dell'Albania.

Le basi di questo castello hanno fondamenta romane e bizantine e sulle rovine precedenti fu cotruito questo castello.

Questo castello ha avuto 26 torre a uguale distanza l'uno dall'altro, per tutta la parete alta 9 m. In questa fortezza comprendeva una parte della "Via Egnatia", che passa attraverso di esso.

istanza l'uno dall'altro, per tutta la parete alta 9 m. In questa fortezza comprendeva una parte della "Via Egnatia", che passa attraverso di esso.

Il piccolo fenomeno albanese al Barcellona è Labinot Kabashi

Si chiama Labinot Kabashi e ha 10 anni .E uno dei 26 piccoli calciatori del Barcellona.
E un attaccante e ha il numero 9. Il piccolo calciatore è un vero fenomeno.


Video

Scoprire l'Albania a Forlì e a Trieste


Scoprire l'Albania a Forlì da 15 al 25 novembre
Corso della Repubblica n.144
Forlì, Italy



Scoprire l'Albania a Trieste dal 27 -30 novembre
Piazza Unità
Trieste, Italy



altre info le trovate su www.asatrieste.it

Parco delle Dolomiti il sito anche in lingua albanese

Il Parco delle Dolomiti è un parco importante nella provincia di Belluno , nel nord Est dell'Italia. Il suo sito internet è stato tradotto in diverse lingue tra cui anche in lingua albanese.

Il Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi è un'area naturale protetta del Veneto, istituita nel 1990.

Il parco ha una superficie di 31.512 ettari, interamente compresa nella provincia di Belluno, tra i fiumi Cismon ad ovest e Piave ad est, esteso a nord verso il bacino del Maè e a sud nel basso Agordino.

La varietà territoriale del Parco, che comprende aree di alta montagna accanto a pascoli permette a numerose specie animali di trovare il proprio habitat all'interno dell'area.

Tra le specie più importanti e rappresentate sono:

Mammiferi:
Marmotta, Ermellino, Capriolo, Camoscio, Cervo, Muflone. Chirotteri: Vespertilio maggiore, Pipistrello nano, Orecchione austriaco, Orecchione bruno, Vespertilio di Daubenton.

Uccelli:
Picchio nero, Picchio muraiolo, Astore, Gheppio, Aquila reale, Civetta nana, Civetta capogrosso, Allocco, Gufo reale, Francolino di monte ( specie a rischio di estinzione), Gallo cedrone, Fagiano di monte, Pernice bianca, Coturnice, Upupa, Corvidi, Cincia, Re di quaglie, Codirosso spazzacamino, Fringuello alpino (anch'esso raro), Culbianco.

Rettili e Anfibi:

Tritone alpino, Tritone crestato italiano, Tritone punteggiato meridionale, Salamandra pezzata, salamandra nera o alpina, Ululone dal ventre giallo, Rospo comune, Rana montana, Rospo smeraldino.

Il sito internet www.dolomitipark.it è anche il lingua albanese.

L'Albania in copertina di Repubblica Viaggi

Albania, paradiso a sorpresa così riporta Repubblica.it la copertina della sezione viaggi la quale ha dedicato ieri 8 novembre 2010 la copertina all'Albania.

La Repubblica è uno dei principali giornali italiani e sicuramente il giornale piu seguito sia sulla carta stampata sia sull'web con il sito www.repubblica.it


Mare dell'Albania nella costa ionica

Castelli a Valona

Castelli a Valona e dintroni (fonte AlbaniaTurismo.com )


Il castello di Gjon Bocari - Kalaja e Gjon Boçarit.
Il castello di Gjon Bocari è situato nel villaggio di Tragjas ed è stata costruita tra il XVI e il XVII secolo. Questo castello ha una forma rettangolare con larghezza di 1,25 metri ed un altezza che arriva fino a 5,5 metri.


Castello di Himara.
Castello di Himara. E 'costruito come una fortificazione della tribù di kaoneve e spesso viene citato nei documenti bizantini del VI secolo. Giustiniano in seguito poi ordinò la ricostruzione del castello per poter resistere all'attacco dei barbari, e goteve huseve.


Castello di Kropisht - Kalaja e Kropishtit.
Questo Castello si trova a Llutroi , è una castello costruita durante il periodo romano e la sua costruzione si compone Si compone di pietra, 24 x 2 x 5 cm. Questa fortificazione ha una base a 4 rettangolare con i lati di 250 e 180 metri. Il muro in alcune perti arriva a toccare una larghezza di 120 cm


Castello di Porto Palermo o Castello di Ali Pasha Tepelena
Castello di Porto Palermo o Castello di Ali Pasha Tepelena è Situato nei pressi di Himara.
Le sue mura sono hanno uno spessore di 1,6 metri. Questa fortezza con una forma pentagonale è stato progettato da un ingegnere francese.



Il castello di Kukumi - Kalaja e Kukumit
Il castello di Kukumi si trova nel villaggio di Qeparo vicino al Golfo di Palermo. Questa costruzione risale al II secolo aC



Castello di Valona -Kalaja e Vlores
Il castello di Valona è stato costruito nel 1531 dal sultano Suleyman di Valona, per proteggere il golfo di Valona dagli attacchi veneziani. Una descrizione e disegno accurato di questo castello è stato creato da Dr.Auerbahu nel 1847, e questa descrizione si conserva negli archivi della biblioteca Insbruhut.



Il castello di Kanina - Kalaja e Kanines
Il castello di Kanina è 'stato costruito su un vecchio centro residenziale illiro , del III secolo aC.
Questa fortezza ha una superficie di 3.625 ettari. Fu ricostruita da Giustiniano nel V secolo dC .Questo castello viene citato anche da Anna Comnena la quale parla in contesti di guerra contro i normanni.Si parla di suo padre, l'imperatore Alessio I di Bisanzio contro l'esercito dei Normanni


Castello di Mavrova

Castello di Mavrova è situato nel medesimo paese , nella valle di Shushica, a 20 km dalla città di Valona, prima di andare in un paesino chiamato Kot,si trova sulla sinistra della strada che porta a Kot.Questo castello fù costruito nel IV secolo aC.Le sue pareti sono blocchi di pietra calcarea lavorata. Si trova a 20 km dalla città nell'entroterra della città di Valona.

L'esplosione ditta a Paderno Dugnano ha scosso l'Albania

Giovedi pomeriggio del 4 novembre vicino a Milano , a Paderno Dugnano è esplosa una ditta che conteneva prodotti chimici per smaltire i rifiuti . Un esplosione gigantesca . All'interno gli operai che ci lavoravano . 5 di loro sono albanesi .L'azienda che è esplosa era in pessime condizioni di sicurezza.

E’ successo alle 14,50 e la ditta si trova in via Mazzini, a Paderno Dugnano: una violenta esplosione presso gli stabilimenti dell’Eureco Srl, una fabbrica di stoccaggio di rifiuti speciali.
L'Albania è scossa dall'accaduto. I critici e giornalisti albanesi parlano di esplosioni assurde in un paese che fa parte del G8( 8 grandi potenze economiche )

La fabbrica è esplosa e gli operai si sono trovati in pochi secondi intrapolati dal fuoco. 7 operai sono in condizioni gravissime ; 5 di loro sono albanesi e 2 italiani.

Albanesi che ogni giorno andavano a lavorare , avevano lasciato l'Albania per una vita migliore e si sono trovati circondati da fumo e fuoco, un lavoro difficile ma erano onesti e magari felici: finche l'insicurezza al lavoro si è trasformata in una trapola mortale.


La denuncia di Cgil, Cisl e Uil che dice : con il boom delle cooperative c´è meno sicurezza in queste aziende.


Video esplosione



Il tragico bilancio dei sette operai feriti gravi:

* Sergio S., 63 anni, di Paderno Dugnano;
* Salvatore C., 56 anni, di Paterno Dugnano, custode con la moglie dello stabilimento;
* Erion N., 29 anni, albanese, regolare;
* Haron Z., 44 anni, albanese, regolare;
* Leonard S., 37 anni, albanese, regolare;
* Xani K., 21 anni, albanese, regolare;
* Ferik M., 30 anni, albanese, regolare.


Le parole toccanti della moglie di uno degli ustionati dice di aver appreso al tg che il marito fosse in pericolo di vita.

Alcuni di questi albanesi sono da soli in Italia e i loro famigliari sono in Albania e vorrebbero venire a trovare i loro figli che lottano fra la vita e la morte.
Per problemi burocratici i genitori dei ragazzi non possono venire direttamente per vedere i loro filgi che lottano tra la vita e la morte negli ospedali italiani bensi devono attendere lunedì perchè l'Albania non è un paese dell'Unione Europea e quindi nonostante un paese nel cuore dell'Europa è costretta a seguire le regole che valgono per i cinesi e per i brasiliani .
Anche in questo caso ci vogliono i visti ?


Un papà albanese accusato ingiustamente . L'Albania protesta

Storia di un papà albanese venuto in Italia per una vita migliore , sempre onesto e sempre tradizionalista con la famiglia , anzi troppo tradizionalista , gesto che lo ha portato in carcere. suo bimbo aveva raccontato alla maestra che il papà li dava un bacino facendoli il solletico nel genitale. si tratta di un bimbo di 4 anni.

Tanti albanesi in Italia oramai stanno conoscendo la storia di questo genitore albanese , finito in carcere il 4 agosto 2010 , perché accusato ingiustamente di pedofilia.

Una storia di un incredibile errore giudiziario.

Un genitore albanese di 3 figli. 2 ragazze e un bimbo di 4-5 anni.

Chi conosce la profonda tradizione albanese sa bene che tale gesto è associato ad un solletico e bacio nel bimbo maschio il quale in questo caso era l'unico figlio maschio della famiglia.
subito dopo la maestra del bimbo ha denunciato tutto il racconto del bimbo ai carabinieri dove quest'ultimi hanno messo una telecamera in casa della famiglia albanese per ben due mesi.


Nel video come raccontato tanti albanesi che lo hanno visionato si vede il padre che gioca col suo bimbo facendoli il solletico nel suo "popo"..subito dopo sono scattati gli arresti per il genitore albanese .

Un ingiustizia!!
LA famiglia distrutta è un esempio di interazione .La moglie che lavora e con i figli a scuola. Una famiglia alla pari con tante famiglie italiane.

Reggio Emilia è un città composto per la maggior parte da emigranti del sud Italia e da stranieri.

Questo fatto incredibile ha messo in movimento tante associazioni in Albania dove la gente , i parenti sanno che quel gesto è solo affetto e ne chiedono la libreazione e il risarcimento per la familgia.

In Italia si sta facendo molto di più dove le associazioni albanesi ne chiedono la liberazione , ma sopratutto la mioglie ei figli che ne chiedono il rilascio del loro capofamiglia.

Le associazioni italiani e albanesi stanno portano avanti la sesta protesta in un mese . La recente protesta è stata fatta in Albania davanti all'ambasciata italiana a Tirana. Li hanno partecipato sia associazioni italiane che albanesi.


E ora che venga fatto uscire e risarcito un padre di famiglia che è finito ingiustamente in carcere.

Se quel papà avesse fatto certe cose ad un bambino e soprattuto al suo bimbo gli albanesi stessi lo avrebbero allontanato.

Domani 6 novembre 2010 la sesta protesta a Reggio Emilia . In Piazza della Vittoria si chiede la liberazione del padre albanese.

Qui una delle tante proteste a Reggio Emilia

Albania: lussi e splendori : a Genova fino al 13 marzo 2011


Giovedì 4 novembre 2010, ore 17.00, inaugurazione della mostra Albania: lussi e splendori. Costumi tradizionali dall'Albania e dai Balcani, a Palazzo Bianco (via Garibaldi). La mostra è visitabile fino al 13 marzo 2011.

La mostra, organizzata dal Settore Musei del Comune di Genova in collaborazione con il Consolato Onorario della Repubblica d'Albania in Liguria e allestita negli spazi dedicati alle Collezioni Tessili dei Musei di Strada Nuova, rientra nell'ambito del progetto Culture in valigia. Percorsi di integrazione culturale tra Musei e Biblioteche, svolto in sinergia tra Biblioteche e Musei del Comune di Genova, con la collaborazione dei volontari del Servizio Civile Nazionale

I costumi, databili tra il XVIII e il XIX secolo, provengono per la maggior parte dall'Albania, ma tra di essi figurano anche pezzi realizzati in Turchia, Grecia, Montenegro, Croazia e Bulgaria, acquisiti dai Musei Civici soprattutto grazie a donazioni recenti.

La tipologia degli abiti e degli accessori in rapporto alla zona di provenienza e alla vita quotidiana di chi li indossava è esemplificata anche dall'esposizione di un gruppo di 22 fotografie dei primi del Novecento provenienti da negativi originali dell'Archivio Marubi.

Dove: Genova - Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco - DVJ Damasco Velluto Jeans-Centro Studi Tessuto Moda

Quando: 4 nov 2010 - 13 mar 2011

Orario: Dalle ore 09.00 alle ore 19.00
Chiuso il lunedì

Organizzatori:
Settore Musei/Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco
Consolato Onorario della Repubblica d´Albania in Liguria

Lonely Planet: Albania il primo paese da visitare nel 2011

Lonely Planet: Albania, uno tra i 10 luoghi più belli da visitare nel 2011

Lonely Planet, una delle agenzie di turismo più prestigiose al mondo, che ispira ogni anno e consiglia a milioni di turiti i migliori posti nel mondo da esplorare e da visitare. Per il 2011, Lonely Planet lista l'Albania fra i primi 10 paesi che si deve assolutamente visitare per le vacanze.

Spiagge Blu e pulite, buon cibo e prezzi accessibili, siti culturali, vita notturna, le avventure e viaggi attraverso le montagne, sono alcuni dei fattori che meglio ri soddisfano la passione di viaggiare in ogni turista.



http://www.lonelyplanet.com/italy/travel-tips-and-articles/76164

Etrusco e albanese le somiglianze

Nel dizionario della lingua etrusca troviamo:

TAGET: secondo la mitologia etrusca era un bambino con la sapienza di un vecchio, nato dalla terra appena lavorata; era dotato di poteri di preveggenza.

Come abbiamo visto la leggenda dice che ad un contadino, che stava lavorando la sua terra in prossimità del fiume Marta in Etruria, successe una cosa strana: dalla terra appena lavorata apparve un essere divino; questo essere aveva la fisionomia di un bambino ma la saggezza di un vecchio. Alle grida del contadino sopraggiunsero i re-sacerdoti etruschi, ai quali il bambino-vecchio recitò la santa dottrina. Questa dottrina fu trascritta dai re sacerdoti per essere tramandata ai posteri come la cosa più sacra della loro civiltà.

L’essere divino fu chiamato dagli Etruschi Taget, parola che in albanese si pronuncia Tagjet.

“La dottrina etrusca” era composta da un insieme di leggi, in base alle quali era regolata la vita degli Etruschi dalla nascita fino alla morte. I Greci e i Romani commentavano che questo tipo di legislazione raramente si poteva riscontrare in altri popoli (tra gli Albanesi, leggi simili sono arrivate fino ai nostri giorni sotto forma dei Kanun, un insieme di norme consuetudinarie trasmesse oralmente in Albania). Il sito dove apparve la divinità Taget fu circoscritto dagli Etruschi che, nello stesso luogo, fondarono la loro prima città: Tarquinia (Tharquinë in albanese). La leggenda tramandata dai Romani racconta che la città prese il nome del contadino, che si chiamava Tarcon (Tharkon in albanese).

Tarcon era considerato dagli Etruschi il fondatore di tutte città successivamente da loro costruite. Le regole fondamentali per la fondazione di queste città erano che il sito venisse circondato e che la vita vi si svolgesse secondo la dottrina etrusca.

Etrusco

Albanese

Italiano




TAGET

TAGJET

te lo trova (indovino)

THARKON

THARKON

recintare

THARKUINE

THARKU INE

il nome della città Tarquinia (in albanese sarebbe la nostra stirpe)

THARK

THARK

recinto circolare

Commento:

il sito nel quale al contadino apparve Taget fu recintato dagli Etruschi e fu chiamato Tarquinia, che in lingua albanese suona cosi: Tarku ine, che significa: la nostra città, la nostra stirpe. Tutte le altre città vennero in seguito da loro recintate.

Taget è entrato nella storia come fondatore della dottrina etrusca, e come veggente che indovinava il futuro.

A Dodona, la divinità della preveggenza era Themista. Nella lingua albanese i nomi di questi due preveggenti, sia quello degli Etruschi e sia quello di Dodona, hanno il significato proprio di preveggente.

Piccola osservazione:

nella lingua sanscrita cerchio si dice cakra. Nella lingua albanese esiste il termine cak-u (confine), al plurale cakra, caqe. Si noti che l’affinità con la parola Thark è sorprendente.

Cotasi –Kotasi

Secondo Erodoto i Lidi, per trastullarsi, usavano oggetti chiamati cotasi (kotasi in albanese). Tali oggetti sono stati rinvenuti anche nella tomba di una donna etrusca.

Oggetti per lo svago: cotasi. In lingua albanese abbiamo: sende koti (oggetti inutili), punë koti (lavoro inutile). Troviamo anche kotasi con il significato: in maniera inutile.

Munth

MUN, MUNTH; latino mundus.

Gli etruscologi spiegano: nel punto esatto in cui doveva sorgere il centro di una nuova città gli Etruschi scavavano un buco molto profondo, quasi un pozzo. Questo buco serviva da collegamento fra il mondo dei vivi e quello dei morti. In un secondo momento, lo scavo veniva coperto con mattoni di pietra ed era chiamato “la porta delle fatiche”, oppure, come dice Varrone, “la porta dell’inferno”.

I latini chiamarono questo buco mundus, parola che acquisirono dagli Etruschi.

Gli Etruschi: MUNO=Munth.

In albanese abbiamo: MUND, MUN (fatica).

Vegoia

Vegoia era una profetessa etrusca che comunicava al popolo le decisioni di Giove riguardanti la giustizia.

In albanese abbiamo:

1.VEGOIA: VEGOJ, VEGIM (visione).

2.VEGOIA: colei che mette in bocca, colei che parla.

Secondo una tradizione latina, la profetessa comunicò le decisioni di Giove con questo discorso: Sapete che il mare è diviso dalla terra. Giove considera di sua proprietà la terra di Etruria, ed ordina che il terreno venga misurato e che i villaggi debbano avere confini. E, visto che egli sa bene che la terra suscita bramosia negli uomini, desidera che ogni terreno sia delimitato esattamente tramite i segni di confine… chi sposta le pietre di confine, sarà condannato a morte.

Il concetto delle pietre di confine lo troviamo anche nei costumi del Nord Albania, nelle leggi di Dukagjin.

Lucumon-Lukumon

Gli Etruschi chiamavano il loro leader lucumon. In albanese abbiamo: LUKUNI: folla di gente, branco di lupi. Partendo dal significato albanese della parola lukuni, la parola etrusca lucumon ci ricorda il leader, il comandante che guida la torma, il branco.

For-Foro

Il re etrusco Tarquinio Prisco costruì a Roma un sito dal quale aveva la possibilità di parlare con il popolo. Questo posto si chiamava For. Forse la parola etrusca for nasconde la parola albanese fol (parla, parlare) ?

Hasta

Una delle classi dell’esercito del re etrusco Tarquinio Prisco si chiamava HASTA. Gli autori antichi spiegano che gli elementi che formavano l’esercito etrusco provvedevano da sé per l’armamento. Proprio dall’armamento, che dipendeva dalla posizione sociale degli appartenenti alla classe, derivava il loro nome. HASTA si pronuncia anche HASHTA, che ci riconduce alla parola albanese USHTË-A, (lancia), plurale USHTAT. Dal nome albanese dell’arma USHTË (lancia) deriva il nome del soldato USHTAR.

In lingua sanscrita hasta significa mano.

Sella curules

I re Etruschi, del periodo del regno dei Tarquini a Roma, si sedevano su un trono che chiamavano sella curules, parola che più tardi fu usata anche dai Romani. Sella curules si usa anche oggi per indicare un particolare trono in cui era solito sedersi un uomo importante. Questa espressione si considera latina, anche se gli stessi Latini hanno ammesso nei loro testi che era stata tramandata dagli Etruschi.

In questa frase è interessante la parola curules, che è molto simile alla parola albanese kur ulesh (dove ti siedi). Ora, sella curules, nella lingua albanese, si traduce con l’espressione shala kur ulesh (la sella dove ti siedi).

Hister

Titio Livio dice: nella lingua etrusca “attore” si dice hister.

Hister, hishter, hiqtar, in albanese si traducono “colui che fa finta”.

Cur-Kur

Ogni città etrusca era divisa in cur.

In albanese esiste kur-i im che significa “la mia proprietà”, in un gioco per bambini. Troviamo anche kur con il significato di dividere dentro una parentela. Abbiamo anche kurth (trappola), e kurm, che significa corpo. In sanscrito carma significa corpo.

Brano liberamente tratto dal libro Një shqiptar në botën e etruskëve dell’autore Ilir Mati

fonte : http://eltonvarfi.blogspot.com/

Nasce FARE uno dei gruppi piu grandi in Italia ed è albanese

Nasce Fare, la rete delle associazioni degli albanesi dell'Emilia-Romagna e sicuramente il gruppo piu grande delle associazioni degli albaenesi nel mondo

Con l’unione di otto associazioni nasce la rete Fare, il forum delle associazioni albanesi dell’Emilia-Romagna, che servirà per rappresentare gli albanesi in primis e anche gli stranieri di altre nazionalità. L’obiettivo della rete Fare è quello di aumentare «la partecipazione dei cittadini non italiani alla sfera pubblica» e di favorire l’integrazione.

L'atto costitutivo è stato firmato nella sede della Regione Emilia-Romagna, alla presenza del console albanese di Milano, Gjon Coba, e di Teresa Marzocchi, assessore regionale alle Politiche sociali e Immigrazione. «Credo - ha detto Marzocchi - che la possibilità di progredire sempre più nel percorso dell’inclusione sia nelle mani dei giovani. Mi auguro che possiate lavorare in due direzioni. Primo, facendo comunità e cioè vivendo in Italia nello spirito della Costituzione e nel rispetto delle leggi di questo Paese, senza però mai dimenticare il vostro patrimonio culturale d’origine. Secondo, diffondendo le buone pratiche relative alla vostra esperienza di cittadini immigrati: solo così riusciremo a rafforzare dialogo e comprensione all’interno della nostra società, che è già multiculturale».

Le associazioni, di cui erano presenti una ventina di rappresentanti, sono Scanderberg di Parma, Alba Media di Modena, Tutti Insieme e Unione studenti albanesi di Bologna, Integriamoci insieme di Cervia, Juvenilja di Forlì, Madre Teresa di Ravenna e Italo-Albanese amicizia di Rimini.

5 traghetti della linea Italia Albania vengono bloccati perchè insicuri


Dopo diverse denunce dei turisti e degli albanesi che usano i traghetti che collegano il porto di Durazzo con l'Italia sono stati bloccati perché non erano in regola con la sicurezza e le condizioni di viaggio.

L'agenzia Lajmifundit.com afferma che i traghetti non soddisfavano le condizioni di trasporto di passeggeri .


La Sospensione del permesso per esercitare l'attività contro cinque traghetti, è stata fatta dopo le lamentele dei passeggeri e dei trasportatori italiani e albanesi che usavano le navi per raggiungere Bari o Durazzo.
Gli specialisti albanesi intanto hanno confermato che i cinque traghetti non sono pienamente conformi con le condizioni minime di sicurezza dei passeggeri in caso di incendio, soprattutto nei locali dormitori.

Orikum Albania

Orikum si trova al sud della città di Valona a sulla strada nazionale Valona-Saranda. La sua posizione geografica ne fece un importante porto sulla costa adriatica.

Oricum è stato usato dai Romani in tempi antichi come base difensiva nelle guerre contro gli Illiri come pure nel 3 ° secolo a.C contro i macedoni, che in realtà la occuparono nel 214 aC Giulio Cesare alle sue truppe si stanziò nei campi lì per diversi mesi, fino a quando non sono stati presi da Pompeo (Pompeo Magno).

Essere nel crocevia di tali influenze, Orikum divenne un centro urbano civilizzato, come evidenziato da alcuni reperti archeologici, C'è anche un piccolo teatro, con una capienza di 400 spettatori e le sue tracce di rovine e i muri sono chiaramente visibili.Vicino si trova la chiesa di Marmiroi. Questa è una chiesa risalente al periodo bizantino, l'imperatore bizantino Teodoro del 13 ° secolo d C . la chiesa ha una superificie di 6m x 9 m della sala principale e una cupola di circa 3m di diametro che è supportata da quattro archi a tutto sesto.

Nelle pareti interne ci sono ancora frammenti di affreschi caratteristici della cultura bizantina. La chiesa ha tre ingressi ed è rinomato per la sua costruzione complessa e valori architettonici. Per raggiungere la Chiesa deve passare attraverso la città moderna di Oricum, in direzione di Pashaliman. Oricum oggi è un importante insediamento, che vede lo sviluppo rinnovata. Questo è anche il risultato della sua favorevole posizione geografica tra la città di Valona e la località turistica di Llogara ,così come la sua vicinanza al mare.

Oggi Orikum è una delle mete preferite per il turismo estivo dai turisti stranieri e albanesi.

Parchi nazionali in Albania

Parco Nazionale "Dajti"
Situato a est di Tirana, ha una superficie di 3.300 ettari. Dista 50 km dall'aeroporto internazionale e 26 km da Tirana. Il parco ha una serie di 200 anni faggi vecchi che sono veramente vale la pena visitare. Il Parco è frequentato da visitatori al giorno e si è ritenuto di Tirana "balcone naturale" Gli alberghi sono disponibili per i turisti interessati a più di un giorno soggiorni di lunga durata.

Parco Nazionale "Lura"
Ha una superficie di 1.280 ettari a est della "Corona's Lura". La caratteristica più pittoresco è il 14 laghi del ghiacciaio di Lura, che sono congelati in inverno. A sud si può visitare il "campo di giumente", che ha una grande varietà di piante colorate e alberi di conifere. Il Parco ha grandi possibilità di sviluppo eco-turismo.

Parco Nazionale "Divjaka "
Questo parco si trova a 40 km dalla città di Lushnja o 5 km da Divjaka. Ha una superficie di 1.250 ettari, una parte della laguna Karavasta sotto la protezione di Ramsar Convention Internazionale dal 1994. Ecco uno degli ecosistemi più importanti del paese. La fauna del Parco è particolarmente ricca di pellicano dalmati i quali qui costituiscono circa il 5 per cento della popolazione mondiale di questo tipo di pellicano.

Parco "Llogara"
Circa 40 km a sud-est di Valona, questo parco è dove l'Adriatico diventa il Mar Ionio. Nei pressi del Passo Llogara, un certo numero di alberi molto interessanti forme a causa del vento le correnti possono essere osservati. Chiedere "Pisha Flamur" (Pine della bandiera).
Dal Passo Llogara, i visitatori possono vedere il mare Ionio, le pendici forte di Vetëtima (Lightning), di montagna e una buona parte della "Riviera albanese". E 'un luogo ideale per gli sport dell'aria, nonché uno splendido clima a causa della combinazione di montagna e l'aria del mare.

Parco Nazionale "Fir di Drenova"
Situato a 10 km dalla città di Korca, il parco ha una superficie di 1.380 ettari. È visitata spesso dalla gente del posto così come i turisti. Molte fonti di acqua potabile, come Shen Gjergji,. Plaka, Pllica e gli altri si trovano nel Parco.
"Valbona Valley" Parco Nazionale
Con una superficie di 8.000 ettari, questo è il gioiello della Alpi albanesi. Si trova a 25-30 km a nord-ovest della città di Bajram Curri. Si trova tra le alte vette e si tratta di un festival di colori e di contrasti. La sua biodiversità rende molto importante come attrazione turistica. Località Valbona è il punto focale del Parco. La sua configurazione, l'idrologia, le foreste, i fiori, le abitazioni caratteristiche e l'ospitalità della sua gente fanno di questo parco un luogo ideale da visitare.


Parco"Monte Tomorri"
Con una superficie di 4.000 ettari, il Parco si trova a est della città museo di Berat. Da lontano, la montagna di Tomorr dà l'impressione di una fortezza gigantesca naturale. Qui è anche la tomba di Abaz Aliu (Tyrba e Kulmakut), 1.200 m sul livello del mare. Ogni agosto migliaia di pellegrini salgono al Tyrba per una settimana, stimolando in tal modo il turismo religioso.

Parco Nazionale "Fir di Hotova"
Con una superficie di 1.200 ettari nella regione di Frashër, si trova circa 35 km a nord est di Përmet. La sua caratteristica è l'abete Hotova che è uno dei più importanti reliquie pianta mediterranea del paese. Grazie alla sua grande natura, clima salubre e la vicinanza alle abitazioni, questo parco ha un grande valore l'anno da diporto.

Parco Nazionale "Shtam Pass"
Con una superficie di 2.000 ettari, il Parco si trova a 25 km a nord-est di Kruja. Le fonti d'acqua "Regina Madre" è uno dei luoghi più suggestivi del Parco, con acque pulite, fredde e curative. Il Parco è frequentato da un gran numero di visitatori.

Parco Nazionale "Zall Gjocaj"
Con una superficie di 140 ettari, si trova a 40 km a nord est di Burrel. Si tratta di un parco molto pittoresco con una serie di fonti d'acqua sotterranee e insenature.

Parco Nazionale "Prespa"
Ha una superficie di 27.750 ettari e si trova a cavallo dei confini di tre paesi: Albania, Grecia e Macedonia. Esso contiene i laghi di Prespa e Madhe e di Prespa e Vogel e la loro fonte di acqua. Si tratta di una zona ricca di tradizione culturale. Eremitani chiese bizantine esistono nella grotta di Tren, Prespa e Vogel lago, il castello di Trajani's, St. Mary's Church e nell'isola di Maligrad. I due laghi sono diventati dei Balcani Prespa Park.

Parco Nazionale "Butrint "
Questo parco è situato a circa 25 km a sud di Saranda. È alta scientifici, turistici e archeologici valori, nonché una elevata biodiversità. Il parco è di 2.500 ettari. Le seguenti attività possono essere svolte in questo settore: il turismo in blu Ksamil, ecoturismo in Butrint lago, pesca, sport acquatici ecc

Parco Nazionale "Thethi"
Situato nelle Alpi albanesi, dai Monti Cursed (Bjeshket e Namuna), ha una superficie di 2.630 ettari. Si tratta di 70 km da Scutari ed è percorsa da fiume Theth con una abbondanza di trota di montagna. La cascata è particolarmente la valle di Grunas molto interessanteda visitare.

Inoltre, ci sono molti alberi di quercia e una varietà di animali nel parco.
Situato a est di Tirana, ha una superficie di 3.300 ettari. Dista 50 km dall'aeroporto internazionale e 26 km da Tirana. Il parco ha una serie di 200 anni faggi vecchi che sono veramente vale la pena visitare. Il Parco è frequentato da visitatori al giorno e si è ritenuto di Tirana "balcone naturale" Gli alberghi sono disponibili per i turisti interessati a più di un giorno soggiorni di lunga durata.

La bandiera albanese e bandiera del Kossovo

Bandiera dell'Albania


































Bandiera del Kosovo



Tony Blair in Kosovo : il paese indipendente dal 2008

Il Kosovo confina con la Serbia a nord , con il Montenegro a ovest, con l'Albania a sud e la Macedonia a sud ovest. E indipendete dal 17 febbraio 2008.


Bandiera Kosovo


Tony Blair accompagnato dalla moglie in visita in Kosovo




Proteste a Reggio Emilia per liberare un padre albanese

A Reggio Emilia una manifestazione per la liberazione di un padre di famiglia accusato ingiustamente di pedofilia perchè ha accarezzato il proprio bimbo in un modo che per il giudice è risultato atto di pedofilia.

Oltre alle associazioni in Italia si sta protestando anche in Albania davanti al consolato italiano a Valona.
Le famiglie albanesi sono rimaste sconvolte in quanto una carezza fatta al figlio ha portato in carcere un padre di famiglia.

Per capire bene questa assurda storia , di questo arresto ascoltate le parole della manifestazione a Reggio Emilia.

I video della manifestazione a Reggio Emilia 10 ottobre 2010

Video1


Video2


Video 3

Parco nazionale di Theth ,nel nord Albania

Il parco nazionale di Theth è situato a 70 km dalla città di Scutari, nel cuore delle Alpi albanesi. Il parco in questione ha una superficie di 2630 ettari e si trova a un'altitudine che varia da 600 a 2.570 metri sul livello del mare.
Il parco ha intorno a se Radohima, Sheniku e Papluku, cime dalle altezze mozzafiato che raggiungono i 2.400-2.550 metri sopra il livello del mare.
L’alta valle di Theth, situata a 900 metri sopra il livello del mare, è una delle zone più particolari del turismo di montagna ed è anche una delle più nominate dai visitatori stranieri. A circondare la valle ci sono le cime più alte dell’ Albania e delle Alpi Albanesi tra le quali Qafa e Jezerces, Maja e Zeze, Qafa e Thanes e Shtegu i Dhenve.
Nella valle di Thethi , si possono vedere gli edifici in pietra , in piedi alti e ben resistenti , infatti sono conosciuti per il loro carattere difensivo .
In questi luoghi, oltre alla natura intatta, il turista può visitare la chiesa locale, la kulla ossia la casa tradizionale e la torre dell'orologio.
Ogni anno questi luoghi di montagna vengono visitati da equipe di alpinisti europei, speleologi e botanici. Infatti, nella valle di Theth a tutt’oggi, seppur con difficoltà, si possono incontrare animali rari come l’orso, il lupo, la volpe, il cinghiale ed è anche la zona più popolata dalla lince con circa 50 esemplari.


Nei giorni di bel tempo si puo ammirare il falco l’aquila delle Alpi Albanesi , aquile che possono arrivare ad un aapertura alare di un metro e mezzo.
La fauna del parco è molto ricca di diversità di specie viventi. Esistono circa 20 tipi di mammiferi, circa 50 tipi di uccelli, 10 tipi di rettili e 8 tipi di anfibi. Di notevole importanza sono gli uccelli e le classi di mammiferi. La loro diversità è collegato alla presenza di popolamenti forestali e gli ecosistemi alpini di alta montagna. Alcuni dei numerosi mammiferi del parco sono; gli orsi bruni, lupi,capre elvatiche e caprioli e molte altre specie.
In questo parco si trova una cascata di 25 metri ,è la cascata di Theth.
Si sente il rumore dell'acqua gia da una certa distanza e man mano che ti avvicini,cominci a distinguerlo sempre di più mentre una strana sensazione di freddo e di umidità mista al profumo intenso dell’acqua.
D'estate è il luogo ideale per fare tracking.

Ricevi i nostri articoli via email


Inserisci la tua email:

By FeedBurner

Commenti recenti