Lo Sviluppo dell'Albania grazie al turismo ?

Il pil (Richezza nazionale) dell'Albania negli ultimi anni sta crescendo sempre di più.
Questo è un merito del fattore della crescita del turismo.
In Albania c'è ancora molto da fare.I servizi migliori in Albania li offrono i privati.Infatti tutte le strutture private funzionano come in ogni paese avanzato ma il
problema possono essere i servizi statali i quali sono governate da persone a
volte raccomandate.
Se in un azienda non c'è investimento e ricerca essa avrà un pessimo servizio
oppure sarà in fallimento.
L'altro fattore della crescita dell'Albania sono gli emigranti i quali si recano all'estero per 10 anni e ritornano in Albania per aprire la propria attività.
Il continuo sviluppo dell'Albania ha bisogno di giovani che hanno studiato e che possono competere per permettere servizi migliori.

In Albania si sente la crisi economica ?

La crisi economica nel mondo ha avuto un effetto a catena: in Albania ha avuto un effetto diverso e con un impatto positivo rispetto agli altri.
L'effetto maggiore e negativo l'hanno avuto gli albanesi che sono emigrati nel mondo i quali mandano soldi alle proprie famiglie di origine. Da un indagine ISTAT si è calcolato che hanno mandato 20% in meno di regali.

In Albania sentono la crisi gli anziani i quali non hanno la possibilità di comprarsi i medicinali oppure fare le visite mediche.
La pensione in Albania è la più bassa in Europa.
Questa è rimasto un punto a sfavore dell'attuale governo albanese il quale non ha dedicato molto tempo a questa fascia debole.
Speriamo che possano dedicare più tempo.
Comunque l'economia albanese fino a poco tempo fa era creata sull'agricoltura invece oggi si investe nelle aperture di nuove aziende.

Per il costo della manodopera le aziende straniere ,soprattutto italiane fanno fortuna con un agevolazione varata dal parlamento albanese agevolando gli investitori in Albania.

Comunque fino al 2000 molti giovani albanesi emigrarono sfavorendo cosi uno sviluppo sociale ed economico dell'Albania.

Oggi molti giovani albanesi credono allo sviluppo dell'Albania e magari un facile posto di lavoro.
Ci sono tantissimi emigrati albanesi che ritornano in Albania per sfruttare questo momento favorevole dello sviluppo.


L'Albania: un paese che ha tutto, mare , montagne un clima perfetto.
Una ricchezza mineraria .Una democrazia giovane che ha oggi conta davvero sia nel campo economico che politico.

Un grande rapporto con la Puglia la quale è stata un paese ospitale per gli albanesi.

L'Albania sta ricambiando il favore alla Puglia nel campo economico,infatti grazie al boom turistico in Albania i turisti che raggiungono la Puglia per imbarcarsi per l'Albania permettono il business della ristorazione ,hotel e migliaia di agenzie turistiche che sono presenti.

Lo sviluppo dell'Albania si deve a tanti albanesi ma anche ai paesi dei Balcani i quali vogliono essere più uniti per affrontare più uniti rispetto il futuro.

Si deve anche ad un'ottima collaborazione politica ma si deve anche al parlamento albanese che ha saputo prendere decisioni positive.

Il presidente albanese con i bambini orfani in Albania


Il presidente Bamir Topi con un gruppo di studenti nella Casa dei Bambini orfani per augurare un buon fine anno e per augurare un buon anno a tutti coloro che si sentono in una situazione di disagio sociale.
Ha espresso che le feste di fine anno sono una festa di tutti ma in special modo sono una festa per i bambini.

Egli ha riceuto nella presidenza il gruppo di studenti rimasti orfani.

Alessio - Lezha: Città del nord Albania

Alessio si trova nella parte dell'Albania del Nord. In passato si chiamava Lissus.
E' la città dove morì l'eroe nazionale Skenderbeg.La città è stata fondata nella seconda metà del decimo secolo a.c con il nome di Akrolisi.
Attualmente è capoluogo dell'omonima prefettura e dell'omonimo distretto.

Nel 213-197 viene attaccata da Filippo I di Macedonia. Nel II secolo a.C. l'odierna Lezhë divenne residenza del re Gent. 229-213 a.C. Alessio emette la sua moneta con il nome "Lisitan".

- 13 gennaio 1468 - Muore ad Alessio Giorgio Castriota. Oggi si trova un monumento a lui dedicato. Infatti la tomba di
Skenderbeg. In questa chiesa ci sono costruzioni di epoca romana.
Siti web sulla città di Lezha.

http://www.lezha.eu/
http://www.lezha.org/

Isola di Saseno

Isola di Saseno è un isola di fronte alla città di Valona. L'isola è grande circa 6 kmq. Arriva ad un altitudine di 337 metri sopra il livello del mare. In passato l'isola era abitata da circa 6000 famiglie.
Oggi invece è una base militare albanese e italiana.

l'Isola in passato durante la prima metà nel '900 è stata una base nazista e fascista.L'isola venne restituita all'Albania per effetto del Trattato di Parigi del 10 febbraio(1947). E l'isola più grande dell'Albania.

il video

Cosa visitare a Durazzo ?



immagine dall'alto dell anfiteatro


Durazzo oltre ad una cottè turistica offre anche archeologia muesi a tanta cultura.
Da vedere:




  • La Roccaforte della Città: infatti i resti delle mura sono del VI secolo.





  • L'Anfiteatro: monumento sopravissuto dall'antica città. Anfiteatro era molto grande si è scoperto che poteva contenere fino a 15.000 spettatori. Il suo diametro era di 120 metri. Esso venne riportato alla luce nel 1966 per caso.


  • I Bagni Termali Romani: scoperti nel 1962, durante la costruzione Del Palazzo della Cultura.

  • Il Museo Archeologico: situato nelle vicinanze del mare Si possono ammirare una raccolta ricca si oggetti scavati a Durazzo, che è utile per capire gli antichi Dyrrachium e le loro tradizioni.

Giornali italiani che parlano dei Balcani.

Su internet si possono trovare molti siti web che parlano dei Balcani.

Elenco

1) Osservatorio Balcani.
http://www.osservatoriobalcani.org

Testata giornalistica che usa un linguaggio moderato ed ha un equilibrio nella descrizione dei Balcani.

Abbiamo notato che le lingue che si possono scegliere sono Inglese - Bulgaro - Croato - serbo .

la lingua albanese non c'è.
Capiamo che l'Albania è un paese ben messo ma ha bisogno della lingua albanese.

2 ) Balcani on Line
http://www.balcanionline.it/

Sito web del ministero per lo sviluppo che parla in modo giusto dei Balcani.
Sito web che non vuole seminare odio nei Balcani.


3) Usa il nome Bulgaria Italia per attaccare i paesi dei Balcani.

http://www.bulgaria-italia.com/


4) Rinascita Balcanica

Dicono di essere un giornale italiano ma parlano della Serbia in Rose e fiori
e gli altri paesi in modo negativo.
http://www.rinascitabalcanica.com/

Speriamo che cambino nome e mettano Rinascita Serba
Comunque è un ingiustizia totale usare il nome rinascita per offendere un popolo ed una nazione.

La penisola Karaburun , Valona

La penisola Karaburun, è una piccola penisola di 15 km e larga 4 km.Arriva ad un'altezza di 800 m sopra il livello del mare.
Raggiunge una Si trova nella parte sud di Valona.

E una penisola incontaminata.
Si trova vicino allisola di Sazeno.

C'è la presenza dell'acqua dolce.sulle coste della piccola penisola
Si possono fare delle immersioni.
Video di linea blu

Napoloni danza albanese..

In Albania ci sono molte danze tradizionali una di queste è napoloni.

E una danza un po simile alla taranta ,infatti circa 10 giorni fà ne abbiamo parlato.

Napoloni è una danza particolare ed è molto bella da vedere.

La coppia si corteggia con il movimento delle mani che ondeggiano contemporaneamente ai ritmi del corpo e a volte saltellando.

I costumi sono molto simili ad altri paesi dei Balcani.

Certo per ballare questa danza devi avere un bel fisico ed un bel fiato altrimenti si fà una brutta figura.

E molto bella da vedere e questa musica si usava e si usa tutt'ora nei matrimoni dove marito e moglie danzano insieme.

L'Albania per la danza è ad alti livelli ;ricordiamo alcuni ballerini che lavorano nelle tv italiane.

Ecco un video

Lago di Scutari : Albania del Nord

Nella parte centrale dell'Albania è situato il lago di Scutari.
E il più grande lago dei Balcani.

E grande circa 600 kmq e d'estate viene un pò prosciugato
Introno ad esso si estende una valle, che si prolunga verso nord ovest nella valle del fiume Zeta. Il lago, attraversato dal confine con l'Albania, cambia la superficie in base alle stagioni, dai circa 600 kmq durante la stagione piovosa si passa ai circa 370 kmq durante l’estate.

I maggiori affluenti sono Moraca, Crnica , Plavnica e Rijeka Crnojevica mentre il fiume Bojana lo collega con l’Adriatico rendndolo accessibile alle piccole navi ed imbarcazioni.


Il lago è alimentato da circa 50 sorgenti che, insieme ai fiumi, rendono l’acqua fresca e trasparente. Intorno al lago esiste una fitta foresta mentre una ricca vegetazione acquatica copre circa 34 kmq.
Il lago fa parte di un parco nazionale e ci vivono circa 850 specie d’alghe.
Inoltre ci sono 50 specie di pesci e 270 specie di uccelli.

Ci sono uccelli come il cormorano pigmeo ,il pellicano riccio e il mignattino piombato.
Il lago nell'antichità era importante sia per la pesca ,per il commercio e l'agricoltura
Sulle rive del lago nell'antichità c'erano delle fortezze,monasteri e chiese le quali si trovano oggi resti perché per le battaglie del passato purtroppo sono state distrutte.

Oggi si pesca ancora ed è un attività importante per gli abitanti del posto ma anche per i ristoranti nelle vicinanze.

Il clima del nord Albania soprattutto in confine col Montenegro è più freddo rispetto al centro.
Per chi volesse trascorrere le vacanze in Albania il lago è una meta importante sia per il relax ,per divertirsi e stare in mezzo alla natura.



In questa zona c'è un ristorante che vi puo interessare

Taverna Shkodrane

http://taverna.shkodra.info

Come sono gli albanesi ?

Gli albanesi sono un popolo orgoglioso delle proprie identità , un identità secolare che viene tramandata dai Pellasgi , gli illiri e poi gli albanesi. Un identità ben più antica di quella della Magna Grecia

Gli albanesi sono il popolo pià antico dei balcani , nonche uno dei più antichi in Europa.

Gli albanesi sono molto legati alla famiglia . La famiglia arriva prima di ogni cosa.
Solo gli ospiti possono passare al di sopra dei famigliari , nel rispetto e nell'ospitalità.


Gli albanesi sono orgogliosi delle loro tradizioni,tradizioni di musica folk e costumi tradizionali antichissimi e consapevoli di una delle culture più antiche dei balcani e sapendo di possedere un energia incredibile che solo quell'area dell'Europa puo dare.

Gli albanesi amano la vita famigliare e possibilemente numerosa tra amici e parenti

Per gli albanesi l'amicizia deve essere pura e loro ci credono molto.


Sono rispettosi degli altri
Accolgono un ospite come se fosse il miglior ospite della famiglia.
sono grandi lavoratori
sono di parola.
sono precisi.
sono educati.


Purtroppo man mano queste tradizioni stanno scomparendo a causa del "business is business".

Gli albanesi in Italia sono rimasti delusi dall'accoglienza italiana. ma soprattuto dall'accoglienza giornalistica.


Oggi albanesi e italiani che distano a 70 km uno l'altro hanno capito che sono dei vicini di casa e che sono simili e stanno finalmente lavorando per un futuro migliore


Foto del presidente albanese nell'università di Torino con alcuni studenti universitari e ricercatori( nel ottobre 2008).


"C'è piu gusto a essere albanese"

Apollonia.I' importante centro archeologico dell’Albania


Il più importante centro archeologico dell’Albania Apollonia.
Apollonia è situato a circa 15 km da Fier è una città antica. Già nel II secolo avanti
cristo Apollonia aveva una popolazione di 50.000 abitanti.
nel V a.c in questa città c'era un laboratorio per coniare le monete. grazie a questo
laboratorio le monete si diffusero per tutta l'Illiria.
Giulio Cesare imperatore di Roma (tra i più famosi) usò l'Apollonia come fortezza contro i
pompei.
Come ricompensa ad Apollonia fu concesso lo status di città libera.
Apollonia diventa così una città libera e molto importante per l'arte e la cultura di quei
secoli.
Molti personaggi illustri ma anche Ottaviano Augusto (il primo imperatore romano) e
Agrippa (re di Giudea), legati da stretti vincoli di amicizia, vennero a studiare alla
famosa scuola d'Apollonia. Fu qui che appresero la notizia dell’assassinio di Giulio Cesare.
Nel III secolo d.C. un terremoto sconvolse l’orografia della regione facendo cambiare
direzione al fiume Vjosa e portò al declino di Apollonia.
I primi scavi eseguiti durante la Prima Guerra Mondiale riportarono alla luce
principalmente la cinta muraria della città.
Nel 1924 si riusci a trovare un insieme di monumenti del centro della città.Il lavoro pi è continuato da archeologi albanesi.
La gran parte delle cose ritrovate si trovano al museo .Comunque si è riuscito a scoprire che era circondata da 4500 metri di muro spesso 3 metri e mezzo.

La bella città di Saranda.

Saranda
si trova sud dell’Albania, offre un'atmosfera particolare ed uno stile unico.
Situata davanti all’isola greca di Corfù, Saranda è visitata per gran parte da turisti che vengono qua a godere delle bellezze di questa località, precedentemente inaccessibili.

E uno dei luoghi preferiti dalle coppie in viaggio di nozze.Ci si puo immergere nella natura mare antichità.

Oltre al bel mare e alla splendida natura ci si può fare un tuffo nella storia e precisamente nell epoca romana.



A Butrinti patrimonio dell'UNESCU si trovano le rovine di diverse civiltà e soprattuto di quella romana. In questa zona si trova anche l'Occhio blu che precedentemente abbiamo parlato . Si possono visitare diversi musei e siti archeologici importanti.







Ecco alcune cose interessanti da visitare elencato quanto segue:

Museo Etnografico
Museo Archeologico di Butrinti
Il Sito Archeologico di Butrinti
La Chiesa di San Kolli nel villaggio di Mesopotam.
Il tempio antico nel villaggio di Finiq
Il piccolo castello d’Ali Pasha nel villaggio di Vrine .

Albania :problema dell'energia risolto? !!

In Albania oramai si sente spesso parlare della mancanza di fornimento dell'energia elettrica .

Nonostante l'Albania sia uno dei paesi dell'area balcanica ad avere tutte le condizioni per investire in energie rinnovabili ci sono stati molti poblemi per l'energia elettrica.
In molti casi le famiglie non pagano le bollette e tutto ciò costringe le aziende elettriche ad interrompere la luce rendendo così difficili la vita degli albanesi e dei turisti stessi.

Insomma per un paese che mira di entrare in Unione Europea questi problemi sono essenziali da risolvere non solo per gli albanesi stessi ma anche per persone che visitano l'Albania.

Fortunatamente oggi la situazione è diversa ma ci sono alcune zone dell'Albania che sono dimenticate.

E sarebbe giusto da parte del governo dare fondi alle famiglie povere per permettere di avere un pò di luce anche a loro sotto le feste.

Il governo albanese in questi anni ha dato luce a molti albanesi ,sarebbe molto bello dare un pò di luce a chi non ha la possibilità di essere un pò felice.

Progetto Durres in Albania


Dal 2002 l’Università di Parma conduce in Albania, nell’antichissima città di Durrës (Durazzo), un intervento di cooperazione e sostegno tecnico scientifico alla salvaguardia dello straordinario patrimonio archeologico di quella città fondata dai Greci nel 623 a.C., capitale provinciale nell’impero Romano e bizantino, possesso veneto, angioino, turco: una città culturalmente e storicamente legata da millenni all’Italia. L’intervento si è svolto inizialmente nell’ambito delle missioni archeologiche italiane all’estero sostenute dal Ministero Affari Esteri e del programma UNOPS PASARP delle Nazioni Unite per lo sviluppo delle risorse umane in Albania. Le attività dell’Università di Parma, su sollecitazione delle autorità albanesi, si sono rivolte in particolare alla realizzazione di interventi di formazione e aggiornamento di operatori e tecnici nel settore della tutela, del restauro, della promozione culturale. È stato realizzato inoltre nel 2003-2004 un fondamentale strumento di programmazione e gestione dello sviluppo urbano, la carta del rischio archeologico della città, su piattaforma G.I.S. Nel 2004 il Ministero della Cultura della Repubblicana di Albania ha richiesto il supporto dell’Università di Parma per la rifunzionalizzazione del grandioso anfiteatro romano, costruito nel II secolo d.C. e riscoperto nel 1966 dagli archeologi albanesi, ma solo parzialmente scavato e in una situazione di forte degrado. Il Ministero degli Affari Esteri italiano ha accolto questa proposta come progetto pilota cofinanziando dal 2004 la missione archeologica italiana a Durrës (Progetto Pilota UNIPR-MAE D.G.P.C.C. uff.V “Progettazione e realizzazione del Parco Archeologico Urbano di Durrës"). Lo sviluppo commerciale e turistico della città, che già ora è il principale porto dell’Albania e la seconda città del paese per numero di abitanti, sarà infatti ulteriormente accelerato dalla costruzione del Corridoio 8, l’asse viario della Comunità Europea che collegherà Durrës con Istanbul attraversando i Balcani, come faceva l’antica via romana Egnatia, duemila anni fa. In questa prospettiva, il formidabile monumento, capace di contenere all’origine 20.000 spettatori, può utilmente tornare a ospitare spettacoli ed eventi culturali in una prospettiva di sviluppo sociale equilibrato e pacifico. L’Università di Parma ha messo a disposizione di questo progetto le competenze scientifiche e tecniche dei suoi docenti, ricercatori e allievi delle Facoltà di Lettere ( per le indagini archeologiche), di Architettura ( per i rilievi e la progettazione dei restauri del monumento) e del Network Interuniversitario di Archeometria (facoltà di Scienze di Parma, Facoltà di Ingegneria di Modena-Reggio Emilia, Facoltà di Scienze di Roma La Sapienza) Il pool di specialisti è guidato dai proff. Santoro, coordinatore del progetto e co-direttore degli scavi con il prof Hoti del dipartimento di Archeologia di Durres, Giandebiaggi e Blasi per il rilievo architettonico e la progettazione del restauro, Toro per le indagini diagnostiche geofisiche, Casoli e Leonelli per le indagini archeometriche finalizzate al restauro sia delle pitture che dei mosaici. Nel corso del 2004 e del 2005 sono stati realizzati rilievi, linee guida generali per il restauro e scavi archeologici mirati all’accertamento della geometria dell’edificio e alla conoscenza delle fasi di abbandono e distruzione. Dal 2006 l'anfiteatro di Durres è anche oggetto di un Programma per l'incentivazione del processo di internazionalizzazione del sistema universitario italiano, del MIUR "Il rilievo dell'anfiteatro di Durazzo:conoscenza di un monumento per la valorizzazione del patrimonio culturale mondiale", che vede coinvolti l'Università di Parma-Facoltà di Architettura, il Politecnico di Tirana, l'Istituto dei Monumenti di Cultura e l'istituto di Archeologia d'Albania, la Municipalità di Durres , e di cui è coordinatore il prof. Paolo Giandebiaggi. A tutte le fasi della ricerca partecipano gli studenti e ricercatori italiani e albanesi. Ciò costituisce un’ulteriore straordinaria possibilità di formazione ad alto livello nei settori dell’archeologia, del restauro dei monumenti e della cooperazione culturale internazionale.
per saperne di più http://www.progettodurres.unipr.it/albania.htm

"Striscia la notizia" albanese - Fiks Fare

In Albania oramai da molti anni c'è una trasmissione televisiva simile a Striscia la notizia il programma di Antonio Ricci il produttore televisivo genovese che su canale 5 ha ottenuto il grande successo con Striscia la Notizia condotta da Greggio e Iachetti.

In Albania si trasmette anche Fiks Fare tutti i giorni alle 20.10 sulla tv Top Channel;televisione privata albanese.E un programma giornalistico che fa inchieste e che porta alla ribalta tutte le truffe, raggiri ,le ingiustizie o di notizie che gli albanesi non sono informati.


FIKS FARE ha iniziato la prima trasmissione il 19 dicembre 2002
Ecco un video con i due comici e le due veline.

Immobiliare albanese in crescita

Immobiliare albanese in crescita
Saturday 06 December 2008
Investitori di tutto il mondo, soprattutto dell´Europa Occidentale, stanno scoprendo l´immobiliare albanese: conveniente e gradevole. Ne parla Setimes.com.
Gli investitori esteri stanno scoprendo l´immobiliare in Albania, specialmente per quanto concerne le aree turistiche della costa adriatica. L´Albania è largamente inesplorata per quanto riguarda gli investimenti del settore turistico. La situazione politica ed economica stabile e le prospettive in UE e NATO rendono l´Albania ancora più attraente.

Gli esperti del settore immobiliare confermano che l´integrazione in UE e NATO, di cui i processi sono in corso, assicurerà un considerevole apprezzamento nell´immobiliare nei prossimi 5-10 anni. Alcuni prevedono un apprezzamento annuale del 30 percento, mentre per ora in Albania ci sono i prezzi più bassi di tutta l´Europa.



www.setimes.com - by Elena Arena

fonte:http://euregion.net/

“Miss Albania in Italia 2009"

“Miss Albania in Italia” è un concorso di bellezza che si propone di scoprire e segnalare, a chi di dovere, nuovi talenti femminili di bella presenza e portamento, con età compresa tra i 16 ed i 26 anni, onde poterli inserire come nuove proposte nel mondo dello spettacolo in generale, nonché promuovere una migliore immagine dell’Albania attraverso la valorizzazione della bellezza e del talento della sua gioventù, sia a livello nazionale che internazionale.


http://www.missalbania.it/

La serata finale si terrà il 4 Aprile 2009 presso il prestigioso e lussuoso Hotel Parco dei Principi di Roma e sarà trasmessa, in differita, da un network nazionale, in diretta dalla televisione nazionale albanese TVSh e via satellite sarà visibile in tutti gli altri paesi d'Europa.

Allo spettacolo parteciperanno le trenta ragazze che, tra le centinaia di iscritte, verranno selezionate per partecipare alla finale.

Turismo, cultura, musica, spettacolo e solidarietà sono le parole che al meglio rappresentano la città di Roma, così vicina al centro del Mediterraneo da essere un importante crocevia commerciale, turistico e culturale.

Ed è proprio per l’amore che ogni abitante della città anche di cultura religione o nazionalità diversa ha per questa splendida località italiana che l'Istituto della Cultura Albanese in Italia, in collaborazione con il Comune, la Provincia di Roma e la Regione Lazio hanno deciso di offrire un importante e unico Gran Galà che comprende moda, bellezza, musica e spettacolo.

Un modo per far vivere un sogno alle ragazze albanesi che si trova in Italia.
Un grande merito per questa iniziativa va a Mira Kola che sta faccendo ottime cose per l'Albania.
Comunque per chi vorrebbe vivere appunto un sogno questo il link per iscriversi.

La vincitrice del concorso precedente è stata la bellissima Oriada Xhurxhi.
Che vinca la migliore in tutto..

testo estratto da http://www.missalbania.it/

Berat un vanto per l’intera Albania


La citta di Berat parla con la forza e con la magia dei valori e del patrimoni pregiati che portano la fusione dello spirito e della cultura dei nostri avi, e quali hanno tenuto accesa la fiama della civilta per piu di 2400 anni di vita.

La citta si presenta come un monumento incomparabile di convivenza e di continuita e oggi ci da prove autentiche e una serie di verita che salvaguardano e illuminano la stirpe albanese, la nostra genesi e garantisce orologio a tutta nazione. E’impossibile di non sentirsi fiero con il Codice di Berat e con “Beratinus Purpureo” del VI secolo che reggono su di se un mondo intero! E’impossibile di non sentirsi fiero quando nelle radici della storia di questa citta stanno nomi illustrati di fma europea quali i Muzakaj, Onofrio, iCiprilinj ecc.

E’impossibile di non impressionarsi dall’estimazione e dai pareri che hanno dato per la citta di Berat diverse personalita e figure ragguardevoli che perifrasano quanto segue:

Un bel castello come i giardini del paradiso – citta contenta e sinciera di Berat – Evlia Celebi.
Sono Onofrio che vengo dall’illustrissima citta di Berat – Onofrio.
Berati e bello per essere eternamente bello – Shtraus.
Questi valori, questo museo e la citta di berat non spettano solo a voi, ma a tutta l’umanita – Perez de Kuelar.
Il publico albanese e i visitatori stranieri rimarranno meravigliati e sbalorditi dalla venduta panoramica e emblemativa del quartiere Mangalem che e come uno scettro d’oro sulla testa di una Miss di Bellezza.

Visitando la citta e il castello, avendo la possibilita di conoscere il Museo Nazionale “Onofrio”, voi potete di “Riincontrare” Onofrio, Nicola, Onofrio Cipriota, Kostandi Shpataraku, la dinastia dei ittori Katro e Cetiri.

Nello stesso tempo voi potete visitare anche alcune delle perle dell’architettura e della pittura bizantina e postbizantina che si trovano entro le mura del castello ed entro i quartieri museali che sono coperte di affresci da pittori anonimi.

Venite a conoscere Berati!

La citta si presenta davanti a voi come un museo a cielo aperto. Berati si legge come un libro di poesie, si contempla come una pittura moderna, si sente come una sinfonia che ti rigenera.

Berati ti rilassa, ti nobilita, ti fa sentirsi come se fossi a casa tua e da un visitatore diventasri un suo abitante.

La soddisfazione e le impresioni indelebili a voi, carisimi visitatori, aumenterano gli abitanti tranquilli,assennati e ospitali di Berat. Tra di loro sicuramente voi potete trovare l’affetto famigliare, la dedizione verso l’amico, la passione per parlarvi e mostrarvi sulla citta, sulla cucina carateristica, sulle canzoni sui suvenir...., e cosi voi potete sentire la sollecitudine umana.


il sito del comune di Berat Comune Berat

Centrali eolica in Albania. Sarà rispettato l'Ambiente?


L'Albania è uno dei paesi meno inquinati in Europa.

La centrale che sarà costruita dalla Moncada Energy
Sarà il più grande parco eolico d'Europa.
L'Albania ha una grande simpatia per l'Italia ma si sente molto vicina in tutti i sensi al meridione.

Certo business is business, ma chi ci dice che ci sarà un rispetto per l'ambiente e per chi ci abita vicino alle future centrali.
Certo non è come una centrale nucleare ma avrà giustamente i suoi problemi.

La Pizzica tarantata:bellissima danza


La pizzica è una danza tradizionale del Salento(Puglia).

Nella pizzica pizzica si balla in coppia, non necessariamente formata da individui dello stesso sesso. A differenza di quanto molti immaginano, la pizzica pizzica tra uomo e donna non era affatto una danza di corteggiamento, o almeno non esclusivamente.
Essa infatti si ballava soprattutto in occasioni private e familiari, ed in tali occasioni era molto probabile che a danzare si trovassero parenti anche molto stretti, o individui tra i quali intercorreva una grande differenza d'età. Così il ballo tra un fratello ed una sorella poteva diventare occasione di divertimento e scherzo, come quello tra un anziano e la sua nipotina poteva diventare un momento di apprendimento da parte della seconda dei ruoli, dei passi e dei codici tipici della danza. Tra due uomini invece spesso si creava più tensione, o meglio, competizione, ed il ballo diventava allora un momento di sfida in cui ci si confrontava, esibendole, su doti quali agilità, creatività e prestanza fisica. Un esempio di danza tra due uomini è riscontrabile nella tradizione ostunese, dove è molto facile vedere due uomini ballare insieme ed in cui uno dei due uomini (o a turno), si prende gioco dell'altro riproducendo passi e pose comici o caratteristici della danza femminile.
Pochi e semplici sono i "passi base" tipici di questa danza, in cui più che i passi veri e propri sono le "intenzioni" e le emozioni dei ballerini (e naturalmente la loro capacità di farle emergere) a rendere magico ed affascinante il momento coreutico. Sui passi base poi - costituiti da un corpus di saltelli, su se stessi o in movimento, su due tempi o terzinati - i ballerini ci ricamano, anche inventandoli estemporaneamente, una gran varietà di passi e movimenti, che fanno oscillare la danza tra fasi di calma, di studio dell'altro o attesa a fasi più frenetiche caratterizzate da forti battiti dei piedi sul suolo (più tipici degli uomini), veloci e vorticosi giri su se stessi (caratteristici delle donne), brevi inseguimenti, allontanamenti e repentini avvicinamenti e incroci tra i due ballerini. Il tutto condito dall'euforia dei suoni e delle grida che si scatenano dalla ronda, ossia quel tipico cerchio, composto da musicisti, aspiranti ballerini o curiosi, che si forma spontaneamente dando vita al momento del ballo.

Caratteristico della pizzica pizzica è il "fazzoletto", accessorio immancabile nell'abbigliamento di un tempo, che veniva usato nel momento del ballo per invitare, sventolandolo, il partner prescelto. Oggi è molto abusata la credenza che vuole il fazzoletto come "simbolo d'amore", o di vero e proprio "abbandono" nelle mani della donna, che lo concederebbe durante il ballo solamente al giovanotto che sia stato in grado di rapirle il cuore. Anche se non si può negare in toto che questo semplice accessorio in alcuni casi potesse diventare un vero e proprio simbolo o pegno d'amore che due innamorati si scambiavano durante il ballo, è più probabile che esso venisse utilizzato per animare maggiormente la danza.

Nella danza della pizzica pizzica i ruoli, i sessi e la loro rappresentazione erano e sono molto marcati. Fermo restando che entrambi i ballerini, sia uomini che donne, tengono durante il ballo una postura eretta e composta, i passi che essi eseguono variano e si alternano tra momenti speculari e momenti "complementari". Alle donne va naturalmente il compito di esprimere al meglio, anche attraverso gli accessori tipici dell'abbigliamento femminile (gonne, foulard, scialli), la propria bellezza e femminilità, con passi molto più composti di quelli degli uomini, anche se non mancano i momenti di euforia con brevi corse e giri su se stesse. Le mani della donna spesso sono ferme a reggere la lungha gonna, ed in ogni caso le sue braccia restano sempre chiuse, o protese leggermente in avanti. L'uomo invece, naturalmente, ha il dovere di esprimere, durante la danza la propria virilità, la propria forza, la propria atleticità, e questo compito lo svolge con salti più alti e più marcati, con movimenti più secchi e repentini, con le propie braccia tese e aperte come a voler circondare o abbracciare a distanza la donna. In ogni caso, a rendere più o meno movimentato il ballo è la donna, che attraverso piccole fughe, guizzi, repentini stop e ripartenze, stuzzica l'uomo ad inseguirla, a "braccarla" delicatamente, per poi affrontarlo con giochi di piedi e di sguardi.

descrizione presa da http://it.wikipedia.org/wiki/Pizzica

L'Albania mi piace...Il blog di Serena in Albania

Ecco alcuni dei racconti di Serena che ora si trova in Albania, aTirana.
Descrive molto bene Tirana e racconta in generale storie di tutti i giorni in Albania
Albania vista più da vicina.
L'Albania mi piace perché la vedo come una seconda chanche per il sud Italia, per non fare gli stessi errori, per trovare allo sviluppo soluzioni nuove più adatte, più eque anche. Forse è questa sensazione - personalissima, mi rendo conto - che mi fa avere voglia di restare qui, nonostante tutto. Forse è per questo che voglio rimanere convinta che loro ce la possono fare: perché questa terra dia una possibilità alla mia, di terra, quella da cui sono partita per sempre.
Perché a volte bisogna credere anche nelle cose meno probabili, nel 5% alla coda della curva normale che cade fuori dall'intervallo di confidenza; così, senza una vera ragione, ma crederci. A volte, dicono, funziona.

Sono andata banalmente al bar, a leggere e bere un costosissimo nescafé schiumoso al caramello che costituisce la mia personale addiction del momento. Non fa ancora tanto freddo e comunque ci sono in media 10 gradi in più che nelle altre capitali balcaniche; anche a partire da questa semplice constatazione si potrebbe riflettere su fino a che punto qui sia "Balkans" (ma sarà per un'altra volta). Quest'aria nuova mi fa pensare continuamente all'Irlanda, come se - per qualche strana ragione - quella fosse l'ultima volta che ho vissuto in inverno, benché siano passati ormai talmente tanti anni che trovo quasi imbarazzante contarli. Forse è l'unico inverno seriamente freddo in cui mi sia mai imbattuta e il mio cervello tira fuori i ricordi per prepararmi al peggio?

In occasione della festa ci sono le giostre in città; cioè proprio IN CENTRO città: piazza madre Teresa e piazza Italia. L'emplacement è bizzarro ma tutto sommato funzionale. Il mio amico Ettore sostiene che a Tirana in questi giorni ci sono le notti bianche, ma non ho ancora riscontri oggettivi per questa informazione. D'altra parte, non sarà mica per niente che Edi Rama ha vinto il concorso di Mister Sindaco del Mondo nel 2004 ... (Veltroni si è classificato terzo).


Inno nazionale albanese


Inno nazionale albanese in italiano

Intorno alla bandiera congiunti,
Con un desiderio ed uno scopo,
Tutti lì giurando
Ad unire la fede per la salvezza.


Dalla guerra si ritira solo colui
Che è nato traditore.
Chi è uomo non si intimorisce,
Ma muore, muore come un eroe.

Nella mano le armi impugneremo,
Per proteggere la Patria ad ogni estremità,
I nostri diritti noi non li spartiremo,
Qui per i nemici non c'è posto.

Perché Dio stesso ha affermato
Che le nazioni svaniscono sulla terra,
Ma l'Albania è destinata a resistere,
Perché è per Essa, per Essa che noi combattiamo.

Come era l'Albania prima




Abbiamo trovato un blog che raccoglie alcune immagini dell'Albania del passato


Certo ci sono zone dell'Albania che sono ancora intatte e sono zone che sono state cancellate completamente per fare spazio ai grataceli.
Le città hanno cambiato aspetto.

comunque se siete albanesi gia grandi potete vedere le immagini di quando eravate piccoli.


http://shqipfoto.livejournal.com

Indipendenza dell'Albania 28 novembre 1912



Ismail Qemali 1912 fù primo ministrodell'Albania ; nasce a Valona il 24 gennaio del 1844 .
Fu fautore dell'indipendenza dell'Albania dall'Impero Ottomano.

Il 28 novembre 1912 viene proclamato a Valona.

Fu avvelenato per cause sconosciute a Perugia il 24 gennaio del 1919.


Ecco ogni 28 novembre è stata una data storica per l'Albania.
Nella dittatura comunista era un pretesto per unire la gente disperata e festeggiare tutti insieme, ma la voglia di libertà c'era anche nella dittatura comunista.

Il 1912 è anche una grande giornata per tutti gli albanesi nel mondo.
Dagli Usa all'Europa si festeggia questa festa ricordandosi delle proprie origini con entusiasmo e con valore umano per coloro che ci hanno dato la libertà dall'impero ottomano.
Certo c'è stata anche la libertà dalla seconda guerra mondiale ma il 28 novembre è sentito maggiormente in quanto l'invasione ottomana durò circa 5 secoli.

Beh chi non ha vissuto una guerra non può capire bene cosa sia la libertà.

L'indipendena del Kossovo è un esempio di come i conflitti nel mondo possano privare di libertà molte persone,anche a 200 km dall'Italia.

Un altro esempio sono le stragi naziste e fasciste in Italia
Le stragi naziste e fasciste hanno distrutto l'Europa e milioni di Ebrei.


Comunque come ogni nazione che festeggia la propria storia gli albanesi lo fanno in ogni parte del mondo.
Ci sono diversi appuntamenti dove tanti albanesi e soprattuto studenti organizzano eventi dal nord a sud Italia.

"8 novembre 1912 indipendenza albanese dall'impero Ottomano.

Boom immobiliare anche in Albania

Gli investitori stranieri stanno volgendo la loro attenzione al mercato immobiliare albanese, in particolar modo alle zone turistiche costiere, scrive Setimes. Investitori e turisti hanno ormai esplorato pressoché completamente le spiagge del Mediterraneo: le coste albanesi sono ancora quasi del tutto incontaminate e molti vi stanno cominciando a volgere lo sguardo. Il buon livello di stabilità economica e politica raggiunto dal Paese e le sue prospettive UE e Nato, rendono l´Albania ancora più attraente.
Gli esperti in campo immobiliare confermano che i processi di integrazione in UE e NATO assicurano la prospettiva di un considerevole apprezzamento del settore in Albania nell´ambito dei prossimi 5 - 10 anni. Alcuni prevedono un tasso di apprezzamento annuo del 30 per cento per le proprietà immobiliari nel Paese. Philip Bay, Direttore Regionale per il sudest europeo di Colliers International pensa che l´Albania diventerà un mercato attrattivo nei prossimi 3 - 5 anni.

Un altro vantaggio del mercato albanese è che questo al momento offre i prezzi più bassi dell´intero continente europeo. Gli investitori comprano propietà lungo l´intera costa. La località di Shengjini, situata nel nord del Paese è al centro dell´attenzione
degli investitori russi, che stanno scendendo in Albania dopo aver comprato numerose proprietà in Montenegro. Gli agenti immobiliari affermano che il sud del Paese, tra Valona e Saranda resta un mercato di primo piano, ma gli investitori sembrano al momento essere interessati soprattutto alla baia di Laizi a Durazzo, un´area ancora in larga parte incontaminata.

I cittadini dell´Europa occidentale hanno cominciato a comprare appartamenti, in particolare lungo la costa meridionale. Molti degli acquirenti provengono da Regno Unito, Irlanda e Norvegia. Gli investitori tedeschi stanno mostrando un particolare interesse nell´area tra Durazzo e Tirana. Robin Barrasford, direttore di Barrasford and Bird, una società di consulenza immobiliare britannica, afferma che l´Albania rappresenta un´eccellente opportunità, le cui prospettive fanno pensare a un boom analogo a quello vissuto negli scorsi anni dalla Bulgaria.

Tuttavia, chi investe in Albania deve anche essere pronto ad affrontare potenziali problemi, in particolar modo per ottenere titoli di proprietà sicuri, in una fase in cui il Governo non ha ancora risolto la questione della restituzione delle proprietà confiscate nel periodo del regime comunista ai precedenti possessori, e dunque il rischio del sorgere di contenziosi non è affatto remoto; per questo motivo, molti di coloro che vogliono acquistare proprietà in Albania chiedono una consulenza legale prima dell´investimento.



Marcello Berlich - by Setimes.Com

fonte http://euregion.net/

Alpidia: La comunità indipendente per viaggi ed eventi

Alpidia: La comunità indipendente per viaggi ed eventi

Alpidia (www.alpidia.com) è una comunità indipendente rivolta a chi ama il turismo, i viaggi, le escursioni, il folclore, l'arte, la musica e abbia piacere di condividere con gli altri le proprie informazioni, le proprie scoperte, i propri itinerari... corredati di foto e di descrizioni.
Alpidia offre spunti per scegliere e organizzare viaggi e vacanze: se detesti i viaggi organizzati, dove tutto è programmato, questo è il sito adatto a te!
Qui chiunque può guardare fotografie e leggere descrizioni e commenti di gite, escursioni o eventi nelle varie parti del mondo.

La ricerca è semplice e veloce: si utilizzano le mappe di Google.
Chi visita Alpidia per la prima volta può cliccare sul Tour Guidato e farsi spiegare in un video come usare il sito.
http://www.alpidia.com/

Valona - Vlora 2008 video

Video della città di Valona.
Valona si trova al centro sud dell'Albania.
E una città di circa 100 nila abitanti.
Ha il secondo porto per importanza in Albania.
E' meta preferita per molti turisti.

Molti albanesi del centro est e molti macedoni trascorrono le vacanze estive nelle località di Valona

Le stragi naziste in Albania.

Ultimamente un magistrato italiano ha chiesto i danni alla Germania per le stragi naziste.
L'Albania è stata invasa dall'Italia prima nel 1939 e dai tedeschi nel 1943.

In Albania c'era la legge razziale contro gli ebrei,ma gli ebrei in Albania trovarono protezione e si salvarono quasi tutti.
Durante la II Guerra Mondiale molti ebrei trovarono protezione proprio in Albania e alla fine della guerra gli Ebrei erano molti più che all'inizio
Infatti l'Albania è l'unico paese dell'Europa dove gli Ebrei furono protetti.

I danni che la Germania creò furono enormi.
Molti episodi raccontano i gravissimi rischi corsi dagli Albanesi per proteggere gli Ebrei. Nonostante ciò tutti gli Ebrei furono nascosti e protetti. Dai documenti storici sembra che solo una famiglia di ebrei sia stata uccisa, ma non perchè ebrea, quanto piuttosto perchè collaborava con i partigiani. Alcuni episodi rivelano un coraggio incredibile, come quello di Ali Alia, proprietario di un piccolo negozio, che per salvare un ebreo catturato da un nazista, ospita nella sua casa, dà da mangiare e fa ubriacare il soldato nazista, permettendo così all'ebreo di scappare. O quello di Dhorka Kovaci Kolonja che ospita Mark Menahemi nella sua casa facendolo passare per suo marito. Ogni giorno vi erano simili atti coraggiosissimi: gli ebrei sono stati ospitati, nascosti, protetti, travestiti da albanesi e sono tutti sopravvissuti.Dopo la guerra molti sono tornati nei paesi da cui erano fuggiti; altri si sono trasferiti in Israele; i contatti con gli Albanesi si sono interrotti a causa della dittatura di Hoxha e della conseguente soppressione delle libertà personali e dei contatti con l'estero.Solo nel 1990 si è potuto rileggere questa straordinaria pagina di storia. Da allora oltre 60 albanesi sono stati riconosciuti da Israele come 'Giusti tra le nazioni'.

Insomma come l'Italia ha avuto un magistrato coraggioso in Albania ci sarà un magistrato che può chiedere danni per le stragi naziste?
alcune fonti prese da: http://rbarazza.blogspot.com/2008/05/i-giusti-di-albania.html

PORTI: BRINDISI: CRESCE DEL 29% IL TRAFFICO PASSEGGERI

(ANSA) - BRINDISI, 20 NOV - Sono positivi i dati sui traffici del porto di Brindisi relativi al mese di ottobre 2008. E' quanto viene indicato dai dati statistici ufficiali. Ad ottobre sono transitati 25.533 passeggeri, con un aumento del 29,01% rispetto allo scorso anno. Gli autoveicoli sono stati 4.311 (+14,75%), i camion 16.537 (+57,21%). L'aumento riguarda indistintamente i collegamenti con l'Albania e la Grecia. Nei primi dieci mesi dell'anno sono transitati 477.238 passeggeri, con un aumento del 27.31%. Gli autoveicoli sono stati 88.236 (+ 19,09%), i camion transitati 82.301 (+43,27%). L'aumento riguarda anche le attivita' commerciali, visto che nei primi dieci mesi dell'anno sono state movimentate merci per 9.350.717 tonnellate, +5,98% rispetto allo stesso periodo del 2007 e +10,15% rispetto al 2006.(ANSA). B19-DAR

fonte www.Ansa.it

No alle centrali nucleari in Albania!!

Sembra che vogliano costruire delle centrali nucleari in Albania.
Ovviamente anche la parte meno inquinata dell'Europa vogliono distruggerla.

Sembra che la centrale sia più un favore che si fa all'Italia in quanto è impossibile che si possa costruire in Italia in quanto sono quasi tutti contro.

I verdi ,Pietro ..Grillo e tanti altri lo ripetono da anni che è una minaccia..

Allora cosa si fa ?
Allora per l'Italia è un problema risolto.Si fa in Albania...!!
E invece noi diciamo..
NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Gli albanesi sono emigrati in tanti ma c'è chi è rimasto in Albania.

Vogliamo garanzie sicure per la vita mia e di tutti gli altri.
Raccordiamoci che un disastro in Albania colpirebbe anche il sud Italia.
Poi le centrali sono sempre negative sia per l'ambiente sia per le persone.
Io sono per la vecchia stufa a legna.

Occhio Blu - Syri i Kaltër - The Blue eye


In Albania c'è una sorgente d'acqua situata sulle pendici occidentali del monte "Mali i Gjerë" Nel sud dell'Albania.
Essa è la sorgente più ricca del paese ;ha una portata di 6 m³/s.
L'acqua ha una temperatura di circa 12-13 °C.


Chi avesse visitato di persoona se ci può raccontare com'è e se c'è un area per il picnic.

Perchè tanti albanesi ritornano in Albania?

Ultimamente tanti albanesi tornano in Albania per aprire un attività.
Infatti sembra che si tratti di una scelta un po coraggiosa in quanto famiglie con figli che hanno imparato l'italiano alle elementari qui e che diventa difficile far iniziare da capo un altra lingua.
Uno dei tanti problemi è appunto i figli.
Gli albanesi che vivono in Italia da almeno 7-8 anni hanno comperato almeno una casa oppure hanno investito nella ricostruzione di essa.
Alcuni hanno comperato terreno edificabile.

Infatti da come va l'economia ora sembra che aprire un attività soprattuto nella ristorazione sia un affare.
D'estate tutta la parte ovest dell'Albania (si affaccia sul mare) è una valida opportunità che moti hanno già raccolto.

L'Albania è una terra vergine e molte aziende straniere soprattutto tedesche e italiane.
Tanti sono tornati e tanti torneranno.

Per tanti diventa ricostruire un altra vita in Albania in quanto uno ha già messo le basi in Italia per il proprio futuro ed ritornare in Albania sarebbe come emigrare nuovamente.

Ecco chi tornerebbe e perche a voi i commenti..

Cooperation @nd Cultural Heritage Puglia Albania

Progetto Puglia -Albania per promuovere i musei.
Un portale on line per promuovere l'arte e i valori del mediterraneo.
In tre lingue albanese Italiano e inglese.

Il progetto comprende la visione di 5 musei albanesi e 5 musei pugliesi.
Potete vedere anche voi
L’obiettivo del progetto consiste nella realizzazione di una rete permanente tra i soggetti istituzionali appartenenti al sistema dei Beni Culturali della Puglia e dell’ Albania , in grado di progettare e attuare efficaci politiche per la protezione e valorizzazione dei Beni Culturali, e di dare un impulso alla valorizzazione dei Musei partners, riproducendo percorsi ed ambientazioni virtuali, digitalizzando i beni museali, affinchè siano fruibili via web da un pubblico più vasto.


Museo Nazionale Onufri di Berat
Museo di Arte Medievale di Korce
Museo etnografico di Kruja
Museo Nazionale Storico di Tirana
Museo Nazionale Archeologico di Tirana

http://www.cchnet.it/

Cosa visitare a Tirana ?

A Tirana si possono visitare tanti musei e tanti interessanti monumenti.
Ci sono chiese mosche e cattedrali e monumenti d'arte.



Cattedrale di San Paolo (Katedralja e Shen Palit)
Bulevardi Zhan D’Ark
Tel.068 23 46 55
All'interno della cattedrale ci sono disegni che raffigurano Madre Teresa e Giovanni Paolo II.


Chiesa Cattolica Santa Maria
Rruga e Kavajes
Questa chiesa è stata costruita nel 1865. Nella dittatura comunista fù chiusa per l'ateismo di stato imposto da Enver Hoxha.
Ma con la caduta del regime fù riaperta nel 1990 come monumentonazionale.

Chiesa Ortodossa
Rruga e Kavajes 151
La chiesa è stata costruita nel 1964. Anche questa ella dittatura comunista fù chiusa per l'ateismo di stato imposto da Enver Hoxha.
Ma con la caduta del regime. Venne riaperta nel 1990.
Sito web http://www.orthodoxalbania.org/

Giardini Botanici
Si trovanovicino allo zoo cittadino.

Moschea Et'hem Bey
Sheshi Skenderbej - Piazza Skenderbej
La moschea costruita nel 1794. Venne chiusa durante il periodo comunista per venire riaperta nel 1991 dopo la caduta del regime comunista.

Fortezza di Giustiniano

Albania. Il paese di fronte


"Albania. Il paese di fronte "è un documentario sull'albania prima del 1990 è stato prodotto da Mauro Brescia Roland Sejko.


Sono solo sessanta le miglia che dividono le coste dell'Italia dall'Albania. Eppure, per la maggior parte degli italiani di oggi l'Albania ha cominciato ad esistere solo dopo il 1991, quando le prime navi di immigrati albanesi approdarono sulle coste italiane. Un documentario per scoprire che cos'erano l'Albania e gli albanesi prima di quegli anni.

Si parla della storia del paese delle aquile dalla caduta dell'impero ottomano alla prima guerra mondiale.
Il documentario è prodotto dall'istituto Luce e Fox Channel Italia con il contributo della regione Lazio.Per chi abita a Roma puo vedere l'Anteprima nazionale alla casa del cinema di Roma. Alle 20.30

Ecco alcuni spezzatini della storia che va dal 1912 al 1930





Compra il dvd on line

James Belushi cittadino onorario


James Belushi detto Jim nasce a Chicago, 15 giugno 1954 ;è un attore, regista, comico, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense di origini albanesi e fratello minore di John Belushi.


In Italia fino alla primavera del 2007 La vita secondo Jim, è andata in onda la quinta stagione trasmessa da Italia 1.
Serie televisiva Americana vista in tutto il mondo.







Comunque Jamas è diventato cittadino onorario dell'Albania

Nella cerimonia ricevuto da presidente albanese Bamis Topi.

La Domenica albanese - E diela Shqiptare

In Albania la Rai si vede sin dagli anni '90 ed è stato una ricca varietà di programmi sport e altro ancora che ha fatto compagnia a tanti albanesi.
Sta di fatto che gli studenti albanesi sanno l'italiano perfettamente.
Oltre al inglese e francese.
Comunque la TV italiana è stata vista come se appartenesse anche agli albanesi.
In Albania hanno iniziato una nuova trasmissione domenicale" La domenica albanese"come la Domenica In su RAI1.

Il conduttore è un grande artista ed un grande cantante Ardit Gjebrea.
Infatti la trasmissione è stata inaugurata con una sorpresa da parte della Rai.
Infatti Pippo Baudo ha fatto il collegamento in Diretta facendo i complimenti ad Ardit Xhebrea.
Infatti un momento storico senza precedenti.

Baudo ha cheisto a Xhebrea di alcune curiosità e si è meravigliato con lo studio così bello e particolare.
Parlando in diretta hanno scoperto che i 2 conduttori sono nati nello stesso mese e nello stesso giorno.

Baudo è comunque 20 anni piu grande.

E stato un evento unico nella storia.

In diretta
ogni domenica dalle 13:30 alle 19:30
http://www.tvklan.tv/
ECCO IL VIDEO RINGRAZIAMO GERI CHE C'E L'HA MANDATO

Rudina Suti in Miss Mondo

Rudina Suti rappresenterà l'Albania nel concorso per Miss Mondo.

Rudina Suti 23 enne di Gjirokastra porterà la bandiera della bellezza albanese per "Miss Earth" che si svolgerà In Filippine a Manila.
La vincitrice del concorso sarà proclamata il 9 novembre.

Video Valona Saranda

Un video delle due città Valona e Saranda.
Valona per chi non lo sapesse si trova al centro sud.Invece la città di Saranda si trova al sud.
Sono tutti e due città portuali e città turistiche.
Il video fa vedere per 5 minuti immagini da Valona ed i minuti successivi sono accompagnati da una bellissima canzone in sottofondo le immagini di Saranda.
Certo guardarle ora a novembre fa venire voglia di caldo e di relax.
Per questo invidio gli albanesi che ci vivono là.

Il primo albanese ad essere emigrato negli Stati Uniti.

Il primo albanese ad essere emigrato negli Stati Uniti.

Nel 1886 un albanese di nome Koli Kristofori è emigrato negli Stati Uniti. Infatti secondo alcuni storici ed alcuni libri di storia raccontano è stato proprio lui il primo albanese ad emigrare negli Usa.
Era originario di un paesino nella città di Korca.

Scese a Boston dove si costrui un futuro . ma dopo soli tre anni torno in Albania e raccontò il fascino degli Stati Uniti e la ricchezza che questo paese offriva.

Sta di fatto che convinse altri albanesi(forse 17) del suo villaggio a partire con lui nel nuovo continente.

Oggi ci sono più di mezzo milione di albanesi negli Stati Uniti e ricordano con affetto Koli Kristofori.

Albania in moto



Vi suggeriamo un sito web che parla di viaggi in Albania per gli appassionati di moto.

Offrono viaggi ed accompagnamento dal nord a sud con una sosta lunga (2/3 giorni) sulle spiagge più belle dell'Albania.

Accompagnamento da confine nord a quello sud con passaggio dal litorale sud di fronte alle isole greche con una breve sosta in spiagge con panorami suggestivi.
Percorsi da Nord a Sud e da Ovest e a Est.
www.albaniainmoto.it

VIVAlbania.net con tanta voglia di crescere e credere nei propri sogni!!!

Questo è il Logo di richiamo di alcuni studenti albanesi che offrono visite guidate ed un punto di riferimento.
Certo non sono un agenzia o una biglietteria che si fa i soldi a valanga bensì sono un gruppo di giovani albanesi innamorati della propria terra fino a tal modo da poter offrire un servizio a tanti turisti che visitano l'Albania.

Infatti come succede spesso quando si visita un paese si dimentica delle guide che possono estrarre il riassunto con una descrizione dettagliata della bellezza panoramica e dell'arte è un modo che può soddisfare il turista in Albania.

Sono più di 10 ragazzi che studiano e che appunto offrono queste visite guidate.
Con loro si può conoscere davvero l'Albania profondamente perché non sono come i soliti alberghieri che a volte non di danno neanche un informazione bensì loro sono a disposizione del turista.
Parlano inglese, francese ,spagnolo e italiano.

Il nome del sito www.vivalbania.net può sembrare un nome nazionalista ma in realtà è un modo per promuovere la propria terra.

E' possibile richiedere un itinerario personalizzato legato a preferenze di giorni, luoghi, etc. a cui seguirà l'invio di una proposta e relativo preventivo personalizzato.

Bathore si trova al nord dell'Albania. In una periferia dell'ALbania.
In pratica questi studenti danno la possibilità di poter essere ospitati anche nella propria casa per non spendere gli 50 euro a notte negli alberghi che si trovano a Tirana.

Il contributo richiesto per persona e per ogni giorno di permanenza è di 60 euro (colazione, cena, alloggio, guida).
Sono escluse le spese di trasporto delle visite fuori casa dei ragazzi, il pranzo e le entrate ai musei.
Per i bambini fino a 2 anni la permanenza è gratis e per quelli fino a 10 anni il costo è di 30 euro cad.
entra nel sito http://www.vivalbania.net

Natura in Albania : Flora e Fauna

Flora e Fauna
A causa della sua diversità del clima e di paesaggi incontaminati, l'Albania ha una grande varietà di piante ed è il paese con un certo numero di uccelli rari e di animali che sono scomparsi o stanno scomparendo.

Le grande aree e le foreste di querce sono sede di lupi e volpi, mentre più alto in cima alla montagna troviamo le case degli orsi, lupi, gatti selvatici e di altri animali.
Le capre selvatiche e i cinghiali possono essere facilmente trovati in un certo numero di regioni.

L'Albania ha piu o meno 14 tipi di pipistrelli e 350 specie di ucelli , alcuni di loro migratori. Le pinete ospitano galli selvatici e picchi. In altre località si possono trovare aquile e falchi. Inoltre, vi sono diversi tipi di gufi compreso il barbuto civetta e la civetta con le corna.

In Albania si può anche trovare un certo numero di diversi tipi di rettili come serpenti d'acqua ,la boa di casa e di altri rettili. Ci sono 260 specie di pesci del Mediterraneo - tipo in acque salate e la trota in montagna insenature.

L'Albania ha anche una ricca flora, con oltre 3221 tipi di piante.


Tra questi, 489 sono specifici per la penisola balcanica e 40 si trovano solo in Albania. Foreste di querce sono tipici e comprendono 20 per cento della superficie forestale del paese. In altri settori si possono trovare arbusti Mediterraneo fino a 800 m sul livello del mare e di eucalipto, fichi e eltro altro ancora..

Racconti di viaggio in Albania.

Vado in Albania per lavoro o per travare amici e mi piace perche` mi rilasso ed e` come andare in sardegna o al sud italia dove il mare e bellissimo e incontaminato.La prima impressione dell`ultimo viaggio mi ha colpito l`aereoporto internazionale di Tirana , tutto nuovo e spettacolare.Incredibile!!!.Gia`, una bellissima accoglienza ,intorno vedi turisti da tutto il mondo ,persone che si spostano all`interno della stazione visitando i negozi e vetrine.All`interno delle vetrine si vedono strutture di legno che rappresentano le citta` dell`albania oppure l`eroe nazionale Skenderbeg .Poi vedi nelle postazioni degli dipendenti dell`aereoporto operatori vestiti in modo elegante, soprattutto giovani e con un aspetto sportivo.All`interno dell-aereoporto ogni tanto passano le signore delle pulizie e puliscono in tempi stretti la`per esempio dove un bambino ha fatto cadere i biscotti per terra. usciamo dall`aereoporto prendiamo un taxi all`uscita e ci dirigiamo verso valona dove il mio amico mi aspetta. Durata del viaggio 2.45.. In certe zone ci sono le autostrade e devo dire che il viaggio e` comodo. Nelle piazzole dell`autostrada vedi la polizia stradale con il contachilometri ed ecco all`improvviso che il tassista rallenta.In alcuni percorsi vediamo bellissime panorame. Una volta arrivati a valona.. Ci aspetta il nostro amico Albert che ci abbraccia come se fossimo i suoi fratelli.Noi e alfred studiamo all-niversita` di torinoCi ha convinti lui ad andare a trovarlo..Ne e` valsa la pena. Ottima accoglienza.I genitori di Albert ci hanno accolto con amore.Ci cucinava la madre ogni sera ma poi abbiamo deciso di mangiare fouri.. Pre non spendere tanto mangiavamo i tipici kebap che ci sono in Italia.Il giorno dopo destinazione mare uji i ftote e Radima. Un mare incredibile ma purtroppo c`era tantissima gente.. Ci siamo sistemati in 6 in un posto un po scomodo e ci siamo divertiti.. Vita da giovani.
Per 2 settimane siamo andati avanti cosi mare di giorno e locali e discoteche o concerti la sera...
una sera........ continua prossima puntata.

Campeggi in Albania

Vi segnaliamo alcuni campeggi in Albania nelle città del nord.

Campeggi a Gjirokastra
Citadela Travel
Sheshi Cerciz Topulli 7


Campeggi a Korca
Albania Travel and Tours
Bulevardi Gjergj Kastrioti

Campeggi a Tirana
Venus Travel and Tours
Kulla Torre Drini N. 7


Campeggi a Valona

Campeggi a Saranda

Campeggi a Tirana

Albania. Frattini: "Niente più visti dal 2009"

Le porte dell'UE si apriranno anche agli albanesi, ma a patto che vengano rispettati gli standard europei in fatto di sicurezza.


Il ministro Frattini in Albania i giorni scorsi per concludere appalti per quanto riguarda alcuni progetti del governo Italiano;Egli ha concluso che i passi dell'Albania sono stati più che soddisfatti e quindi per l'Albania e per gli albanesi l'Europa è tanto vicina.

Questo per confermare che gli albanesi si sono integrati al massimo in Italia e che non ci sono albanesi che hanno il bisogno di emigrare.

Ci saranno ancora da completare alcune misure.

Le parole ripetute sono state quelle di un forte impegno contro il crimine organizzato e una piena riforma del sistema elettorale.


Da Gennaio la Commissione Europea ha avviato un dialogo sulla liberalizzazione dei visti con 5 paesi dei Balcani occidentali (la Serbia, l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, il Montenegro, la Bosnia-Erzegovina e l'Albania).

E dal 1 gennaio 2008 i cittadini albanesi godono dei benefici dell'Accordo per l'agevolazione dei visti con l'Unione europea, che prevede procedure semplificate per il loro rilascio.

L'integrazione dell'Albania in Ue è indispensabile per l'unione Europea.

Queste parole sono state già dette due anni fà con lo stesso peso politico.
Forse l'Albania si fida molto all'Italia.?
L'obiettivo dell'Italia è quello di velocizzare l'Ingresso in Ue cosi favorendo uno sviluppo del meridione.
In certo senso anche l'Albania è utile!

Libertà di stampa : Albania 79-ma

Nella classifica mondiale della libertà di stampa l'Albania è al 79° posto.
Un risultato pessimo e molto scoraggiante per tutti coloro che vogliono avere delle verità per il paese delle aquile.

Infatti molti giornali sono condizionati dal proprio partito di appartenenza.


Sotto accusa giornali che con appoggio politico deviano le informazioni che dovrebbero essere reali per evitare un grande ritorno al passato.

Noleggio auto in Albania



All aeroporto di tirana è possibile nollegiare un auto per un periodo illimitato


Ecco alcuni siti che possiamo suggerirvi

Europcar

Autobus Italia Albania

Da diverso tempo oramai ci sono autobus di linea che fanno il collegamento Valona - Milano.
Infatti in biglietto è compreso in un pacchetto unico. Costa all'incirca 90 Euro comprende il biglietto della nave e il percorso Brindisi - Milano.

Traghetti per l'Albania

Traghetti per l'Albania

Azzurra Line e Adriatica di Navigazione della Tirrenia collegano Bari a Durazzo

Adria Ferries va da Ancona a Durazzo

Agemar - Grecia Marittime Ltd va a Durazzo da Trieste e da Bari

Ventouris Ferries naviga da Bari a Durazzo e da Durazzo a Brindisi

Skenderbeg Lines collega Brindisi a Valona

Ricette di Cucina albanese : Byrek

Come si cucina il "Byrek"..
Il Byrek è fatto con sfoglie di pasta preparata in casa.Le sfoglie sono molto più sottili rispetto a quelle che si fanno per le lasagne. (le sfoglie si preparano col rullino per farle assottiliare molto)
Allora si procede a strati, alternando la sfoglia alle verdure accompagnate da carne trita, riso oppure formaggi. Il tutto va poi sistemato in una teglia rotonda e cotto al forno.
Nei locali si può scegliere il ripieno: di sola verdura, di solo formaggio o di sola carne. .
Oggi ci sono molti fast food che fanno il Byrek.
Il Byrek è di vari tipi..si fa a seconda del gusto e a seconda della dieta.
Comunque col passare del tempo Byrek ha perso quel sapore e quella cura che
avevano le donne e le nonne che erano esperte di cucina.

Certo è una tradizione che continua da anni...

La dittatura Comunista in Albania , ecco cosa fece Enver Hoxha



Il Comunismo in Albania è iniziato subito dopo la Seconda Guerra Mondiale
Il nuovo governo iniziò col ricostruire l’Albania socialista;
Il dittatore Enver Hoxha aveva legami politico-economici con altri paesi socialisti, soprattutto con l’Unione Sovietica, dalla quale ha preso l’ispirazione.

Cosa Fece la dittatura comunista:


In economia

  • Tolse le proprietà private a tutti i ricchi, sia nelle campagne che nelle città
  • Distribuì la terra ai semplici contadini
  • Trasformò in proprietà dello Stato tutte le fabbriche e le attività
  • Rese tutto proprietà dello stato.


In Politica
  • Era vietato il il pluralismo: Doveva esistere solo un partito
  • Abolì la proprietà privata anche per i semplici contadini
  • Non si poteva avere un numero elevato di bestiame
  • Dittatura della Libertà: nessuno parlava male del Partito altrimenti condannato.
  • Nessuno poteva andare in un altro stato: Altrimenti sarebbe stata condannata tutta la famiglia.
  • La paga bassissima I salari giusto per sopravvivere
  • Pubblicizzava l’idea che l’Albania era un paese ricco e benestante.

Le cose positive che gli riconoscono al dittatore Enver Hoxha.


  • La ricostruzione del paese dopo la seconda guerra mondiale;
  • L'Albania divenne il primo paese ateo al mondo
  • La totale istruzione dei giovani , il 90 % aveva finito la scuola superiore.
  • La scuola e l'ospedale gratuito.
  • Lottò contro la criminalità.
  • Era obbligato lavorare; chi non lavorava era considerato un fallito.
  • I neolaureati avevano un lavoro già pronto.
  • Secondo questo dittatore in Albania non vi era una dittatura vera.
  • Il comunismo doveva essere presente in tutto il mondo.



Tanti rimpiangono il periodo del comunismo, sopratutto chi aveva un lavoro statale e chi stava bene. Infatti tutt'ora in Albania si organizzano eventi in memoria di Enver Hoxha un uome che con l'inganno isolo un piccolo paese dei Balcani dal resto del mondo.

Centinaia nostalgici comunisti hanno rese omaggio a Hoxha in questi giorni a Tirana per il suo centenario(100 anni dalla nascita).
Nasce il 16 ottobre 1908 e muore 11 aprile 1985
Comunque il risultato di tutto questo ? Ha vinto la libertà nel 1990.

Giornali albanesi - Gazeta Shqiptare






Costumi Tradizionali Albanesi




Televisioni albanesi - Televisione Shqiptare

News 24 Albania

Ora News Albania

Top Channel


Televizioni A1 : http://www.a1tv.al/
Televizioni Opnion : http://www.tv-opinion.com/
Televizioni Tele-Sport :www.tele-sport.tv/
Televizioni Publik Shqiptar (RTSH) : www.rtsh.al/
Televizioni Shijakut : http://www.shijaktv.com/
Televizioni Arberia : www.telearberia.tv/
Televizioni Koha : www.koha-tv.com/
Televizioni BBF : www.bbftv.tv/
Televizioni Mediasat : www.media-sat.tv/
Televizioni Kosoves (RTK) : www.rtklive.com/
Televizioni 21 : www.rtv21.tv/
Televizioni Koha Vision:www.kohavision.net/
Televizioni Besa : www.rtvbesa.com/

Rrokum sat
All Music
Zeri i Amerikes
Portokalli
United Albania
Jehona TV

Miss Globe International 2008

Miss Globe International, nota anche come Miss Globe, è una sfilata di bellezza che si tiene ogni anno nella regione del Mediterraneo orientale. Il concorso 2008 si è tenuto a Tirana da 4 al 20 di ottobre 2008.



A rappresentare l'Italia c'era la ventenne Fiora Attanasio.



































altre foto http://www.missglobe-international.org/places2008.html

Il sud Italia al centro del mondo.

Tanti meridionali sono emigrati al Nord Italia e finalmente tanti stanno tornando nella terra nativa per godersi il bel mare e la bella gente.

Sardegna ,Sicilia,Calabria,Puglia,Basilicata,Campania ecco ognuna di queste regioni è grande come l'Albania.

Terre di personaggi che hanno fatto la storia ,terra di persone che hanno cambiato il mondo con la loro intelligenza.Mamme del sud Italia hanno messo al mondo persone che sono diventati famosi nel campo internazionale e utili per il prossimo.
Persone che hanno dovuto sopportare una grande crisi dopo la seconda guerra mondiale.
Terre di meravigliose persone che capiscono tanta gente che ha bisogno.
Certo sono invidiati da tutto il nord Italia per la loro atmosfera unica e speciale.
Insomma provate a chiedere in qualsiasi parte del mondo quanto pagherebbero per avere tutta questa condizione di vita e con il clima favorevole , questa terra cosi unica che con gli cheff che cucinano il loro frutto la rendono ancora più gustosa.

Questo è sud Italia la radice dell'Europa.

Questa è una poesia dedicata a questa terra meravigliosa.


Il sud Italia sta cambiando ed è una cosa positiva anche per la situazione economica che oggi sta colpendo tutto il mondo.
L'investimento in meridione è un investimento per la tradizione europea.

Tatuaggi in Albania: gli albanesi preferiscono il simbolo della bandiera


In Albania ci sono tanti ragazzi che si fanno il tatuaggio e il tatuaggio che va sempre di moda è bandiera albanese e l'eroe albanese Skenderbeg.
Come tatuaggio non si preferisce ne il nome del proprio fidanzato o della fidanzata ma il simbolo delle bandiera albanese, l'aquila bicefala(due teste).

Il simbolo dell'aquila è un bel simbolo ma anche un identità di patriottismo ed anche una moda seguita molto dai giovani albanesi.
Insomma il simbolo preferito è la bandiera.

Studenti albanesi in italia. Quanti laureati?


Gli studenti albanesi nelle università italiane sono circa 12.000.

La maggior parte di essi viveva già in Italia ed è stato agevolato nella comprensione delle materie e nell'inserimento nella società.

Per molti di loro una volta laureati dovrebbero lasciare l'Italia per trovare un occupazione in Albania.

Oggi essere studente straniero richiede una lucidità ed una preparazione esemplare per poter laurearsi in tempo quindi all'età di 24 anni al massimo.

L'università italiana è piena di 30-40 enni che vogliono laurearsi.

Infatti la maggior parte degli universitari si laurea in ritardo perché deve lavorare e deve mantersi gli studi e l'affitto da pagare.

In questi giorni si è parlato di un universitario albanese di Foggia che sarebbe il primo ad laurearsi a Foggia per rappresentanza albanese.

la maggior parte di questi studenti partecipa ben volentieri ad un inserimento dell'Albania in Una visione migliore rispetto a quella del passato.

Purtroppo dispiace dire che ci sono anche tanti studenti che con la loro prepotenza e con il loro egoismo cercano di discriminare gli italiani stessi perché buoni ed educati.

Infatti per uno studente l'educazione è importante e quindi più di altri gli studenti albanesi in Italia hanno una grande responsabilità di comunicazione visiva verso gli italiani.
Parole che sono state ripetute anche dal presidente albanese Bamir Topi in Visita in Italia in questi giorni.

Proverbi albanesi

1)

Me thuaj me ke rri, te te them cili je.

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.


2)

Dy gjela nuk rrinë në një kafaz.

Due galli non ci stanno in una gabbia.


3)
Dy mace mundin një ari.

Due gatti battono un orso.


4)
Ujku qimen e ndërron por zakoni nuk e harron.

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Inno nazionale albanese in italiano

Inno nazionale albanese in italiano

Intorno alla bandiera congiunti,
Con un desiderio ed uno scopo,
Tutti lì giurando
Ad unire la fede per la salvezza.


Dalla guerra si ritira solo colui
Che è nato traditore.
Chi è uomo non si intimorisce,
Ma muore, muore come un eroe.

Nella mano le armi impugneremo,
Per proteggere la Patria ad ogni estremità,
I nostri diritti noi non li spartiremo,
Qui per i nemici non c'è posto.

Perché Dio stesso ha affermato
Che le nazioni svaniscono sulla terra,
Ma l'Albania è destinata a resistere,
Perché è per Essa, per Essa che noi combattiamo.


Non so se è stato tradotto bene?

Il presidente albanese in Italia in visita da 3 giorni

Il presidente albanese in visita in Italia
Qui soto un immagine del premier con un gruppo di studenti albanesi nell'università la sapienza di Roma



Oggi sarà in visita all'Università di Torino alle ore 15.00.

Per vedere altre foto e curiosità
Altre foto del presidente albanese in Italia http://www.president.al/

Differenza fra gli albanesi del sud Italia e gli immigrati di oggi.

Molti albanesi che sono al sud sono giunti oltre cinquecento anni fa fuggendo dai Turchi quando l'eroe nazionale Skanderbeg non potè più difendere la sua terra perché investito da un comune male che si chiama morte(ma molti paesi dell'Italia meridionale sono popolati da "Dardani" ovvero albanesi dell'area dell'attuale Kosovo fuggiti dalle invasioni slave altri 1000 anni prima!!!!).
Tuttavia pare vi siano comunità albanesi giunte ancora molto prima.

L'esistenza dei Pelasgi nei Balcani (anche nei territori successivamente occupati dagli elleni) ci viene tramandata dagli stessi storici greci ed il fatto che non si registra negli annali e tramite scoperte archeologiche un movimento di popoli "illiri" lascia come unica spiegazione possibile quella che gli Illiri siano i discendenti dei Pelasgi che hanno cambiato nome. "I lir" in albanese significa "libero" e probabilmente proprio in periodo greco romano (quando la schiavitù era all'ordine del giorno) questo definirsi "i lir" differenziava le genti greco romane da quelle illire perché non esiste testimonianza che gli Illiri utilizzassero forma alcuna di schiavitù! Gli Albanesi sono i diretti discendenti degli Illiri, anzi sono Illiri che ancora una volta hanno cambiato nome perché gli Albani (una delle tribù illire) ad un certo momento prese il predominio sulle altre.
L'Istituto Svedese di Glottologia ha pubblicato una mappa, frutto di studi comparati, in cui l'albanese viene definita come la più antica lingua di ceppo indoeuropeo parlata in Europa, più antica del greco!!!!

24 sono stati gli imperatori romani di origine illira e si possono ancora oggi trovare le loro dimore fino al confine con la Bulgaria, a Zajecar in Serbia ad es., oppure in piena Vojvodina dove a Sremska Mitrovica gli Imperatori illiri dell'Impero Romano avevano il loro conio. Diocleziano stesso era illiro! Anzi Illirissimo! :)

La differenza fra gli albanesi che vivono al nord e quelli del sud? La residenza :)

Gli altri albanesi? Quelli last generation? Sono sia al sud che al nord. E sono venuti in Italia a cercare una vita migliore. La differenza fra quelli del sud e quelli del nord dunque non esiste... ma intanto vi ho raccontato un po' di storia!

Postato da Skender

Non perderti le nostre curiosità

Inserisci la tua email:

Un prodotto di Google

Commenti recenti